la quinta edizione 

Artigiani in vetrina nel centro storico di Egna

EGNA. Almeno duemila visitatori accolti fra gli stand, espositori soddisfatti e tempo primaverile grazie al quale è stato possibile godersi al meglio l’offerta dell’artigianato locale: sono stati...

EGNA. Almeno duemila visitatori accolti fra gli stand, espositori soddisfatti e tempo primaverile grazie al quale è stato possibile godersi al meglio l’offerta dell’artigianato locale: sono stati questi gli aspetti più soddisfacenti della quinta edizione della fiera dell’economia «Artigianato sotto i Portici», che con il passare degli anni si sta rivelando una vetrina importante per le piccole e medie imprese - pmi della Bassa Atesina.

Complessivamente sono state 37 le aziende del Comprensorio che hanno preso parte sotto i caratteristici e scenografici portici di Egna alla quinta edizione dell’iniziativa che promuove le novità, le iniziative, i progetti e le innovazioni che caratterizzano le aziende locali. Un evento che ha potuto contare su visitatori provenienti dall’intera Bassa Atesina, ma anche dal vicino Trentino, persone che già conoscevano questa rassegna e hanno voluto ritornare a visitarla, persone che invece hanno desiderato scoprire per la prima volta l’offerta dell’artigianato e la sua vitalità.

L’obiettivo degli organizzatori era quello di avvicinare gli ospiti all’offerta di prodotti e servizi delle aziende locali, mostrando parimenti le svariate opportunità lavorative a disposizione dei giovani nel mondo dell’artigianato. L’obiettivo è stato centrato e la fiera ha visto una perfetta combinazione tra artigianato antico e moderno. “Gli espositori ci hanno dimostrato grande soddisfazione per l’esito dell’evento ed anche i visitatori hanno fatto vedere molto interesse”, gha affermato il presidente del comitato organizzatore Georg Rizzolli.

Per la quinta edizione dell’appuntamento di Egna, il comitato organizzatore ha puntato molto sul divertimento. Oltre alla musica dal vivo offerta dalla banda di Monte San Pietro e di Cortaccia, non sono mancate degustazioni culinarie, di vino e di birra e giochi di vario genere. Anche i bambini hanno avuto l’opportunità di divertirsi nell’apposito laboratorio studiato per loro, grazie al quale hanno imparato a conoscere numerosi mestieri artigiani.

La manifestazione è stata sostenuta da Provincia, Comune di Egna, Cassa di Risparmio, Comunità circondariale di Bassa Atesina e Oltradige, Alperia e Würth. Le foto e il resoconto dell’evento sono disponibili su www.lvh.it e su www.facebook.com/Handwerkunterdenlauben.