Cantina di Andriano, export al 40 per cento

ANDRIANO. Nell’ultimo decennio Cantina Andriano è riuscita a costruirsi una nuova immagine, grazie ad una strategia improntata sulla qualità che le ha permesso di diventare un marchio forte sul...

ANDRIANO. Nell’ultimo decennio Cantina Andriano è riuscita a costruirsi una nuova immagine, grazie ad una strategia improntata sulla qualità che le ha permesso di diventare un marchio forte sul mercato. La nuova veste di Cantina Andriano, con nuovi formati e nuovo packaging (etichette, grafica e testi), rispecchia la filosofia della cantina ed esprime anche nel nuovo aspetto il successo del posizionamento del marchio.

«Tradizione in movimento»: lo slogan di Cantina Andriano coglie perfettamente nel segno. Una delle più antiche cantine dell’Alto Adige (anno di fondazione 1893) è da sempre abituata a muoversi sul sottile filo tra tradizione e modernità. L’unione con la vicina Cantina Terlano, avvenuta esattamente 10 anni fa, è considerata senza dubbio una pietra miliare nella storia di Andriano. “Da allora abbiamo fatto enormi passi in avanti e la nostra immagine è diventata più forte, chiara e riconoscibile”, afferma Hansjörg Hafner, ex presidente di Cantina Andriano ed oggi vicepresidente di Cantina Terlano. «Ci siamo concentrati ancora di più su ciò che ci contraddistingue, soprattutto il terroir unico di Andriano caratterizzato da terreni calcarei e una posizione particolare nella Val d’Adige, aperta verso sud», continua Hafner.

Oggi i vini di Cantina Andriano vengono degustati e apprezzati in tutto il mondo. A dimostrarlo sono, tra l’altro, i punteggi di tutto rispetto che i più importanti critici mondiali sono soliti conferire ai vini di Andriano (James Suckling: 95 punti) e la percentuale ragguardevole destinata all’export: il 40%. «Parliamo a questo proposito di circa 160.000 bottiglie vendute ogni anno a livello internazionale». Ciò dimostra che Andriano è conosciuto in tutto il mondo come produttore di vini di qualità. Da oggi questo posizionamento viene comunicato chiaramente anche grazie ad un’immagine nuova e inconfondibile: “Tutti i nostri vini d’ora in avanti verranno imbottigliati nel formato Borgognone ed avranno nuove etichette con un layout rivisitato. Il nuovo packaging riflette esattamente il valore e l’alta qualità del nettare al suo interno”, conclude Hafner.

Le nuove bottiglie e il nuovo design di Cantina Andriano hanno fatto il loro debutto a marzo in occasione della fiera di settore Prowein, a Düsseldorf in Germania.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.