«Strage di animali» sulla Statale 12 a Laives 

L’appello degli animalisti. Oltre a ricci e faine recuperati a bordo strada una volpe e un airone  Freguglia: «Ogni volta che ne vedo uno morto sto male. Non si può fare qualcosa in tempi brevi?»

di Massimiliano Bona

Laives/ora. Ricci, faine e persino una volpe morta: la «strage» di animali lungo la Statale 12 ormai è la regola. Gli animalisti, con Moreno Freguglia in testa («non faccio parte di alcuna associazione», precisa) lanciano un appello agli amministratori comunali per cercare di trovare una soluzione in tempi brevi. «Ogni anno, ma quest'anno molto di più, con l'arrivo della primavera prima e dell’estate poi la Statale 12 (quella che da Laives porta alla galleria verso la zona industriale ndr) diventa un cimitero di animali. Minimo una volta in settimana si trovano ricci morti, qualche giorno fa una faina e martedì proprio prima della galleria, sulla destra, una volpe. Qualche anno fa ho trovato addirittura un airone. Ogni volta mi si spezza il cuore. La cosa é diffusa un po’ ovunque, non solo sulla Statale 12. Approfitto dell’occasione per formulare una richiesta a chi di dovere: si può fare qualcosa di concreto per tutelare gli animali? In molti Paesi, ad esempio, hanno messo dei tunnel sotto la strada per garantire il passaggio degli anfibi. In altri Paesi europei hanno previsto sopraelevate per il passaggio degli animali in genere. Per iniziare potrebbe anche bastare una rete in alcune zone di campagna rimaste aperte in modo tale da impedire l'attraversamento della strada a questi animali. Credo che in una regione come la nostra la salvaguardia dell'ambiente e della biodiversità sia una cosa fondamentale».

Luigi Mariotti del Wwf di Bolzano ricorda le proposte fatte ancora nel 2011, che sono rimaste purtroppo ancora lettera morta. «Bisognerebbe adoperarsi per la creazione di passaggi artificiali per la fauna e reti per impedire l'attraversamento nei punti più pericolosi. Negli ultimi anni alcuni cunicoli sono stati realizzati a Caldaro, per l'attraversamento degli anfibi ma servirebbero strutture simili anche lungo la Statale 12».

©RIPRODUZIONE RISERVATA.