Torna a colpire la «banda della flex» 

Dopo aver rubato 30 mila euro ad Ora i malviventi hanno tagliato in due una cassaforte in via S.Giustina a San Paolo

di Massimiliano Bona

SAN PAOLO DI APPIANO. Torna a colpire nella zona dell’Oltradige e della Bassa Atesina la banda della flex. Dopo aver derubato un’ottantenne ad Ora questa volta è toccato a San Paolo, popolosa frazione di Appiano. La banda di professionisti ha segato letteralmente in due la cassaforte, rompendo i pistoni, facendo anche parecchio rumore. Ma ciononostante dai vicini, sebbene non fosse notte fonda, non sono arrivate segnalazioni di alcun tipo alle forze dell’ordine, proprio come ad Ora alcune settimane fa. In quel caso il colpo venne scoperto addirittura il giorno dopo.

La banda, sicuramente di professionisti, ha preso di mira una casa di via Santa Giustina, un tratto di strada che parte dalla fontana al centro della frazione - a pochi metri dal «Duomo di campagna» - e sale. A destra ci sono negozi ma anche la casa di riposo e il consultorio mentre dopo alcune curve si incontra anche l’Hotel Justina Hof. In questo caso il colpo è stato messo a segno nel tratto più basso della strada.

Non si tratta, è bene sottolinearlo, di una famiglia particolarmente benestante o particolarmente ricca. A differenza di Ora l’appartamento svuotato dai ladri non è abitato da un’anziana ma da una famiglia.

La denuncia è già stata formalizzata alla caserma dei carabinieri di San Michele di Appiano e sono stati fatti immediamente dei rilievi per cercare di individuare eventuali tracce lasciate dai ladri.

Di sicuro ci sono parecchie analogie con il colpo messo a segno in Bassa Atesina e ciò fa pensare che in giro ci sia una banda specializzata in questo genere di incursioni.

Gli inquirenti ritengono si possa trattare di malviventi professionisti che in passato hanno colpito in altre province del Nord Est, dal Veneto al Friuli. Non sembrano esserci analogie invece con il colpo al Bar centrale di Laghetti dove ad agire è stato un ladro solitario a caccia di tabacchi e Gratta e Vinci.

©RIPRODUZIONE RISERVATA