BOLZANO

È di Sasa la app più innovativa nel settore dei trasporti a Bolzano

Realizzata con un innovativo sistema di sensori che sarà messo a disposizione dei giovani ricercatori di Hackathon

BOLZANO. La mobilità pubblica è stata da subito, l’habitat naturale delle «app» sviluppate soprattutto per gli smartphone. È dunque normale che sia ancora questo settore a fungere da traino e l’Alto Adige conferma questa tendenza.

«Il mondo della applicazioni è molto vasto», conferma Patrick Ohnewein. «Come Idm organizziamo il 15-16 ottobre l’iniziativa Hackathon, una due giorni di incontri per sviluppare alcuni prototipi di applicazioni che proponiamo ciclicamente. Ci stiamo accorgendo di quelle che sono le nuove prospettive e la mobilità è tra i comparti leader per le innovazioni». Non mancano gli esempi. «Prendiamo Sasa. Il servizio di trasporto urbano ha sviluppato Sasa Bus App che attraverso sensori piccolissimi chiamati Beacon è in grado di inviare notifiche all'utente quando si trova in prossimità di una fermata. Ti raccontano quanto manca al prossimo bus, quali sono le linee disponibili e altri dettagli utili. Non solo, dentro gli autobus permette di avvertire l'utente dell’approssimarsi della fermata prescelta. È molto utile per i turisti o per chi ha disabilità visive. Un salto in avanti per la mobilità sostenibile, ma ruota attorno a un concetto chiave per le app». Che sarebbe la completezza di informazione? «No, il tempo reale. Questo è uno degli elementi che sempre più viene richiesto dal pubblico. Le persone vogliono le informazioni corrette e approfondite di quello che sta accadendo adesso. Il bus che interessa e quello che sta per passare. Adesso, non un minuto prima né uno dopo».

Durante l’iniziativa di metà ottobre Sasa metterà a disposizione un ambiente con una fermata e un autobus pieno di sensori di ultimissima generazione. (a.c.)

©RIPRODUZIONE RISERVATA