La sistemazione costerà 230 mila euro, ci sarà anche una sala per manifestazioni e aprirà a giugno

Ex cinema Astra, ci sono i soldi

Ospiterà una mostra permanente sulla fotografia

di Tiziana Campagnoli

 BRESSANONE. L'ex cinema Astra potrebbe essere presto trasformato in una mostra permanente sulla storia della fotografia e, contemporaneamente, utilizzato anche come sala per lo svolgimento di manifestazioni. Ad annunciarlo è stato lo stesso sindaco Albert Pürgstaller.  Il primo cittadino ha sottolineato che il 14 e il 15 dicembre prossimi sarà approvato il bilancio in cui è stata inserita la somma di 230 mila euro per interventi urgenti alla struttura e che i lavori saranno appaltati in gennaio in modo da potersi concludere in giugno e permettere così, l'apertura di una mostra estiva sulla storia della fotografia organizzata per i 75 anni della ditta Durst. «L'edificio ex Gil di via Roma, che fino a mesi fa ospitava il cinema Astra, rischia di cadere a pezzi a causa delle infiltrazioni d'acqua dal tetto e, quindi - spiega il sindaco -, dobbiamo intervenire con tempestività per evitare danneggiamenti peggiori. Per il momento gli interventi riguarderanno il tetto, i bagni e l'ingresso della struttura. Quindi, abbiamo inserito a bilancio la cifra di 230 mila euro e dopo l'approvazione in consiglio prevista per il 14 e 15 dicembre potremo far partire il bando di concorso per appaltare i lavori. Si potrebbe iniziare già in febbraio in modo da finire i lavori per giugno».  Il tetto dell'ex cinema Astra, dunque, verrà isolato e rimesso a nuovo; i bagni saranno completamente ristrutturati perché oggi sono inutilizzabili e l'ingresso, dove l'intonaco sta cedendo, sarà sistemato, eliminando nel contempo anche le barriere architettoniche. La sala interna, invece, non ha bisogno di interventi perché già pronta per accogliere mostre.  «Per il mese di giugno questi primi interventi dovranno essere conclusi - continua il sindaco - In occasione dei festeggiamenti per i 75 anni della ditta Durst, infatti, intendiamo aprire una mostra sulla storia della fotografia che in futuro potrebbe diventare anche permanente». La Durst si è detta pronta a collaborare alle spese. «Siamo in contatto con i vertici dell'azienda brissinese che si sono detti pronti a collaborare con noi - sottolinea ancora Pürgstaller - Ci hanno proposto di sistemare la facciata della struttura, togliendo l'intonaco e realizzando una parete fatta di fotografie. È un'idea simpatica, interessante, soprattutto se poi la mostra diventerà permanente, e vedremo se sarà fattibile.  In giugno la struttura dovrà essere pronta per la mostra sulla fotografia - conclude il sindaco Albert Puergstaller - e solo successivamente vedremo come intervenire sulla struttura in modo definitivo. Per ristrutturare completamente l'ex cinema Astra, infatti, occorrerebbero circa 2 milioni di euro, cifra che oggi non siamo in grado di reperire.  In futuro, comunque, oltre ad accogliere la mostra permanente della Durst, l'edificio potrebbe anche essere destinato allo svolgimento di manifestazioni. Gli spazi ci sono e quindi potremmo garantire un'altra sala che vada a sommarsi a quelle già esistenti al Forum».  

© RIPRODUZIONE RISERVATA