il parere sulla finanziaria provinciale 

Mutui e profughi, i Comuni alzano la voce

BOLZANO. No secco dei sindaci alla legge della Provincia che di fatto annulla i vantaggi dei Comuni virtuosi che hanno scelto l’estinzione anticipata dei mutui, Bolzano in testa. Il Consorzio dei...

BOLZANO. No secco dei sindaci alla legge della Provincia che di fatto annulla i vantaggi dei Comuni virtuosi che hanno scelto l’estinzione anticipata dei mutui, Bolzano in testa. Il Consorzio dei Comuni ha esaminato venerdì il disegno di legge provinciale di stabilità 2018 e le norme collegate alla legge di stabilità. Tra gli articoli bocciati nel parere (consultivo) varato dal consorzio c’è la misura che ha già visto i sindaci Caramaschi e Paul Rösch (Merano) valutare la possibilità di un ricorso. La scorsa primavera Caramaschi aveva incassato il successo della legge statale che, grazie a un fondo ad hoc, riconosceva un contributo per l'intero indennizzo di 6,7 milioni sostenuto per l’estinzione anticipata dei mutui. Merano aveva goduto di un contributo di 2,5 milioni, Caldaro di 170 mila euro e Val di Vizze di 67 mila euro. Nelle disposizioni collegate alla legge di stabilità 2018, la Provincia introduce ora la norma che consente alla Provincia di stornare quel denaro dal proprio finanziamento annuale ai Comuni. Spiega il presidente del Consorzio dei Comuni Andreas Schatzer: «Non si cambiano le regole quando il gioco è iniziato. Chiediamo alla Provincia di cancellare quell’articolo». Così recita il disegno di legge: «In caso di assegnazione ai comuni di contributi da parte dello Stato per l'attenuazione degli indennizzi per l'estinzione anticipata dei mutui (...), le relative assegnazioni statali vengono in quota parte trattenute dalla Provincia». Bocciato anche l’articolo 8, sulle semplificazioni nelle misure urbanistiche per adibire immobili provinciali all’accoglienza di richiedenti asilo. «Queste regole devono valere anche per i Comuni, per snellire le procedure per rendere abitabili gli immobili destinati all’accoglienza», dice Schatzer.