IL FATTO

Canazei, i pacchi per lui non arrivano, idraulico rapina l'ufficio postale

L'uomo ha preteso 800 euro, pari al valore - a suo dire - della merce che doveva ricevere. Allarme scattato in pochi minuti, arrestato il rapinatore. Si tratta di un idraulico di 69 anni di Moena, conosciuto come una persona tranquilla. GUARDA LE IMMAGINI: Il momento dell'arresto

CANAZEI. Rapina all'ufficio postale di Canazei, questa mattina attorno alle 11. Un uomo con il volto coperto dal casco, impugnando una pistola, ha intimato alle due impiegate in servizio di consegnargli circa 800 euro, che secondo l'uomo era l'ammontare di due pacchi che avrebbe dovuto ricevere ma che non erano mai arrivati, secondo lui per colpa delle Poste italiane.

Canazei, settantenne rapina l'ufficio postale perché non arrivano i suoi pacchi: ecco l'arresto

L'uomo, un idraulico di Moena, aveva il capo coperto da un casco. Le due impiegate sono riuscite a guadagnare tempo e ad azionare l'allarme. LEGGI ANCHE: Conosciuto come una persona tranquilla, ha usato una pistola giocattolo

Le due impiegate, sono riuscite a mantenere la calma e a guadagnare tempo, con la scusa di recuperare il denaro richiesto, custodito all'interno della cassaforte che doveva essere aperta con i tempi dovuti. Sono così riuscite a far scattare l'allarme e ad inviare messaggi con i loro cellulari.

Tra i destinatari anche il comandante della Stazione Carabinieri di Canazei, che si trovava in ferie al mare con la famiglia, che ha immediatamente allertato sia la centrale operativa della Compagnia di Cavalese che i carabinieri di Canazei. In pochi minuti diverse pattuglie si sono portate sul posto e l'uomo, vistosi braccato, ha tentato la fuga, durata però pochi istanti, perché è stato bloccato appena uscito dall'ufficio postale. Il rapinatore, che - hanno appurato i militari - è un 69enne di Moena, ha utilizzato una pistola giocattolo.

Sul posto è stato richiesto l'intervento di personale sanitario della Croce Bianca di Canazei, per fornire la necessaria assistenza alle due impiegate, in evidente stato di agitazione. Sono tutt'ora in corso gli accertamenti per chiarire per quale motivo l'uomo, di professione idraulico, abbia compiuto un simile gesto, anche perché conosciuto come persona tranquilla, e con famiglia.