GIUSTIZIA

Difensore civico di Bolzano, 20.000 consulenze in cinque anni

Nel corso del 2018 sono 6.164 le persone che si sono rivolte al servizio

BOLZANO. Più di 1.000 reclami e 5.140 consulenze: questa l'attività 2018 della difensora civica Gabriele Morandell, che nei 5 anni del mandato ora in scadenza ha svolto più di 20.000 consulenze. Quattro i temi chiave rilevati: l'opera di mediazione della difesa civica, l'eccessivo fardello burocratico per i cittadini, i rischi della digitalizzazione, l'informazione ai pazienti. In tutto sono 6.164 le persone che nel 2018 si sono rivolte all'ufficio della Difesa civica ed il numero dei reclami è leggermente aumentato rispetto al 2017, superando per la prima volta quota 1.000. Molto alto è il numero di consulenze, servizio ben gradito da cittadini e cittadine, tanto che esse aumentano considerevolmente di anno in anno: se nel 2014 erano 2.616, nel 2018 sono quasi raddoppiate.

La maggior parte dei reclami, vale a dire il 32,8%, ha riguardato anche nel 2018 i Comuni, mentre il 20% considerava l'amministrazione provinciale e il 17% l'Azienda sanitaria: «Nel 2014, questi ultimi casi erano il 12%», commenta Morandell. Nel 2018, la difensora civica ha inoltre curato costantemente i contatti con altre istituzioni analoghe, in particolare a livello di Euregio, organizzato una tavola rotonda sulla psichiatria e partecipato a incontri e convegni, sviluppato contatti con le associazioni. In cinque anni sono state effettuate in totale 20.258 consulenze, elaborati 5.133 reclami e proposti 676 giorni di udienze nelle sedi periferiche. Morandell è inoltre stata invitata a tenere 72 conferenze su diversi temi chiave. Ben 34 sono state le trasmissioni di consulenza a cittadine e cittadini su Rai Südtirol e 97 le rubriche apparse sul quotidiano Alto Adige. (ANSA).