LO STRAPPO

Doppio passaporto, l'Italia boicotta il vertice con Vienna

L'ambasciatore italiano in Austria non parteciperà alla riunione del prossimo 23 marzo a Vienna sulla proposta della doppia cittadinanza per la popolazione di lingua tedesca e ladina dell'Alto Adige

ROMA. Un giorno dopo l'incontro avuto da Arno Kompatscher con il ministro degli esteri austriaco Karin Kneissl, Angelino Alfano annuncia l'assenza dell'ambasciatore italiano alla riunione in programma a Vienna il 23 marzo prossimo incentrata sul tema del doppio passaporto. 

«Ho dato istruzioni al nostro Ambasciatore in Austria di non prendere parte alla riunione del prossimo 23 marzo a Vienna sulla proposta della doppia cittadinanza per la popolazione di lingua tedesca e ladina dell'Alto Adige. Come già ribadito alla collega austriaca Kneissl nell'incontro di gennaio, qualunque eventuale discussione sul tema non potrà che avvenire tra Roma e Vienna e non anche, su un livello paritetico, con Bolzano, che è una Provincia autonoma della Repubblica Italiana», afferma il ministro degli esteri italiano. 

La dichiarazione arriva un giorno dopo l'incontro avuto da Arno Kompatscher con il ministro degli esteri austriaco