IMPIANTI A FUNE

Funivie: in Alto Adige gli impianti sono 370

Il "censimento" è contenuto nella trentesima edizione di "Impianti a fune in Alto Adige", realizzata da Astat, in collaborazione con l'Ufficio funivie. La portata è cresciuta dalle 382.000 persone all'ora del 1990 alle 523.000 del 2016

BOLZANO. Astat, in collaborazione con l'Ufficio funivie, ha pubblicato la trentesima edizione di Impianti a fune in Alto Adige. Nel volume vengono presentati i principali dati statistici relativi agli impianti a fune a fine 2016 analizzandone sia l'offerta che la domanda.

La pubblicazione si compone di due parti: la prima descrittiva, la seconda tabellare. Nella prima parte vengono esposti i dati strutturali, l'utilizzo degli impianti, i dati economici e i confronti con altri ambiti territoriali. Nella seconda parte vengono invece presentati i dati relativi ai singoli impianti funiviari.

A fine 2016, in Alto Adige, erano operativi 369 impianti a fune, 6 meno dell'anno precedente e ben 69 meno del 1980. Diminuiscono gli impianti, dunque, ma aumenta di molto la capacità degli stessi: se nel 1990 la portata degli impianti a fune in Provincia di Bolzano era di 382.000 persone all'ora, nel 2016 ha raggiunto quota 523.000.

La crescita è frutto principalmente della notevole evoluzione del settore dal punto di vista tecnico: basti pensare che la portata media di un impianto a fune è passata dalle 202 persone all'ora nel 1960 alle 1000 del 1995, sino a raggiungere le attuali 1418 persone all'ora. Per quanto riguarda il numero di persone trasportate, la stagione 2015/2016 ha fatto registrare il quarto dato più alto di sempre con 126.837.616 persone. Con 7.756.016 persone, invece, l'estate 2015 è stata assolutamente da record.