Rione Steinach: «Basta divieti» 

Il comitato di quartiere contesta l’ipotesi di pedonalizzazione: «Troppe restrizioni alla mobilità»

di Simone Facchini

MERANO. La pedonalizzazione totale del rione Steinach così come ipotizzata dal nuovo Put in fase di elaborazione sarebbe un clamoroso autogol dell’amministrazione che invece, quel quartiere in parziale letargo, vorrebbe farlo tornare a vivere pienamente. Lo sostengono i residenti per voce del comitato di quartiere in una lettera firmata dal presidente Meinhard Khuen.

Le limitazioni al traffico allo stato attuale soddisfano gli abitanti poiché proteggono la città vecchia da incursioni dall’esterno. Ma non è tutto rose e fiori, anzi. Introdotto nell’estate di due anni fa, il divieto di transito in via Leonardo da Vinci per uscire dal quartiere rimane una spina nel fianco. E la prefigurata pedonalizzazione diventa per i residenti un’eventualità da scongiurare. «Steinach è un rione soprattutto residenziale – scrive il comitato – con alcuni negozi ed esercizi. Degli edifici hanno dei posteggi di pertinenza per le auto e dei garage. Inoltre una ventina di parcheggi si trova sul suolo pubblico. Si tratta di risorse importanti per la mobilità dei residenti». La nota siglata dal conte Khuen allarga poi il discorso: «Il divieto di passare con l’auto in via da Vinci ha accresciuto le limitazioni imposte a chi abita in questa zona. Durante il giorno si è costretti a una lunga deviazione attraverso via Monte San Zeno per raggiungere la statale della Passiria per ridiscendere in città». Affrontando con estenuante frequenza le lunghe code che si formano all’uscita della valle e all’imbocco della città fino a via Cavour. «La pedonalizzazione non farebbe che apportare nuovi divieti e aggravare la situazione», ammonisce il comitato. Fissando nuovi paletti alla mobilità dei residenti, questa la tesi, si remerebbe in senso contrario rispetto alla volontà politica espressa dall’amministrazione di riqualificare e valorizzare il quartiere. In chiusura della nota, il comitato esorta ancora una volta i responsabili a riaprire per tutto il giorno il passaggio in vicolo da Vinci per residenti e commercianti del rione – causa già perorata senza successo in più occasioni - e di abbandonare l’idea di introdurre ulteriori restrizioni viabilistiche.

Le loro istanze, i cittadini potranno esporle vis-à-vis a Stefano Ciurnelli, l'ingegnere incaricato di redigere il nuovo Put, nell’assemblea pubblica di venerdì 7 settembre alle 20 in sala civica (via Huber 8), quando verrà presentata la bozza del documento attualmente a disposizione sul sito del Comune. Chi desidera inviare commenti o richieste di spiegazione all'assessora competente prima dell'assemblea può farlo fino al 5 settembre scrivendo a madeleine.rohrer@comune.merano.bz.it (via Portici 192). Nel corso dell'assemblea l'ingegner Ciurnelli avrà modo di entrare nel dettaglio dei feedback ricevuti. Al termine dell’appuntamento si potranno depositare osservazioni all'amministrazione in merito alle proposte finora formulate.