la manifestazione 

«Sapori d’Italia», vitamina per gli affari di via Mainardo

MERANO. Tornano in città i Sapori delle regioni italiane. Le bancarelle (una ventina) che offrono le specialità provenienti un po' da tutta l'Italia saranno sistemate in piazza del Grano e in via...

MERANO. Tornano in città i Sapori delle regioni italiane. Le bancarelle (una ventina) che offrono le specialità provenienti un po' da tutta l'Italia saranno sistemate in piazza del Grano e in via Mainardo da domani a domenica 14 ottobre dalle 9 alle 20. I commercianti della zona hanno offerto la loro collaborazione alla manifestazione che è stata illustrata ieri mattina da Romano Cavini che ha avuto modo di spiegare come l'evento punta in qualche modo a sviluppare anche il rione dal punto di vista commerciale.

Per quattro giornate si potranno gustare e acquistare una serie di quei prodotti agricoli e alimentari che hanno reso famoso il nostro Paese in tutto il mondo. Non mancheranno lo speck altoatesino così come i salumi tipici della nostra provincia, offerti dalle bancarelle che già si trovano in piazza del Grano. Il tutto sarà accompagnato da castagne arrostite e dal mosto che verranno preparati da alcuni negozi e trattorie di via Mainardo. Durante i giorni di Sapori d'Italia sarà garantito un intrattenimento musicale; sabato 13 ottobre dalle 15 alle 17 è inoltre prevista una passeggiata con gli abiti di fine 800 indossati dalle attrici del Piccolo Teatro della nostra città.

Sapori d'Italia torna in città dopo l'infelice edizione del 2016 in via Matteotti («C'era stata la reazione negativa dei commercianti della zona che avevano criticato l'assenza per un paio di giorni dei parcheggi», ha detto Cavini) con l'interessante prospettiva di aiutare anche lo sviluppo di una zona.

Fra gli espositori che hanno annunciato la loro presenza produttori e commercianti di Basilicata, Campania, Calabria, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Piemonte, Puglia, Sardegna, Sicilia, Toscana e Umbria oltre ovviamente alla nostra regione. Salumi, formaggi, oli, conserve, intingoli provenienti da una dozzina di regioni per una gamma di sapori che rappresentano le sfaccettature della gastronomia triocolore. (e.d.)