LA TRAGEDIA

Morto nel sonno al Santa Chiara a 37 anni

Grande dolore e incredulità per i familiari e i conoscenti di Giuseppe Natale, dipendente dell'Azienda sanitaria. Ha avuto un rigurgito fatale

TRENTO. E' morto a 37 anni per un rigurgito nel sonno, mentre era ricoverato all'ospedale Santa Chiara. Giuseppe Natale, di Trento, dipendente dell'Azienda sanitaria, è stato soccorso dall'ospedale ospedaliero, che però nulla ha potuto per salvarlo.

Si era rivolto all'ospedale a causa di un malessere, ma contava di rientrare per la metà del mese al lavoro, nel suo ufficio di assistente amministrativo presso l'Urp, l'ufficio rapporti con il pubblico.

La sua morte ha lasciato increduli colleghi, conoscenti e amici suoi e della famiglia dell'uomo. I genitori Sara e Gabriele abitano a Melta di Gardolo, dove Giuseppe aveva vissuto fino a qualche mese fa, prima di trasferirsi a Madonna Bianca.

Ma era molto radicato e conosciuto a Melta. Da ragazzino aveva anche giocato a calcio nei Solteri; oggi invece amava il trekking e il nuoto.

Il reparto ha chiesto che venga svolta l'autopsia. Per cercare di dare una spiegazione a una morte che non ha un perché.