DROGA

Operazione Domino: due arresti e 4 kg di droga sequestrati tra Parcines, Merano e Bolzano

L'operazione, condotta dai Carabinieri, ha consentito inoltre di recuperare più di 4000 Euro in contanti

BOLZANO. I Carabinieri hanno concluso negli ultimi giorni un'operazione antidroga sul territorio provinciale che ha portato all'arresto di due persone e alla denuncia di una terza. 

Il tutto è partito da Parcines, dove, giovedì sera - 7 febbraio -, i militari della stazione locale hanno notato un giovane nascondere dello stupefacente (52 grammi di marijuana) nei bagni pubblici dell'ufficio informazioni del Comune. 

Gli approfondimenti del Nucleo Operativo di Silandro hanno permesso di risalire al fornitore del ragazzo, residente a Merano. Nell'abitazione di quest'ultimo, i Carabinieri hanno rinvenuto 3 kg di stupefacente; nel corso della perquisizione, inoltre, i militari hanno anche trovato e sequestrato una pistola scaccia cani ed un kalashnikov da soft air. 

L'attività delle forze dell'ordine, però, non si è esaurita. Perché, grazie alla collaborazione tra Carabinieri di Parcines, Nucleo Operativo di Silandro e quello di Bolzano, i militari sono riusciti a risalire anche al fornitore del meranese, che si trovava nel capoluogo altoatesino. 

Quest'ultimo è stato sorpreso e perquisito nella mattinata di ieri, venerdì 8 febbraio. I militari hanno trovato hashish e marijuana (1 kg circa) e anche 80 grammi di cocaina ancora da tagliare. 

Durante l'operazione i Carabinieri hanno sequestrato, complessivamente, oltre 4000 Euro in contanti. Lo stupefacente recuperato, invece, avrebbe fruttato sul mercato decine di migliaia di Euro. 

Per i due fornitori sono scattate le manette, mentre il giovane intercettato a Parcines è stato denunciato.