Serie di infortuni in montagna Superlavoro per l’Aiut Alpin

LAION. I giorni a cavallo di Ferragosto sono stati molto intensi per l’Aiut Alpin Dolomites, l’elicottero è stato quasi ininterrottamente in aria. Sul sentiero verso il rifugio Locatelli una donna è...

LAION. I giorni a cavallo di Ferragosto sono stati molto intensi per l’Aiut Alpin Dolomites, l’elicottero è stato quasi ininterrottamente in aria. Sul sentiero verso il rifugio Locatelli una donna è inciampata battendo violentemente la testa sulle pietre; è stata ricoverata all’ospedale di Bolzano con un trauma cranico serio ma fortunatamente non si trova in pericolo di vita. Un fungaiolo di Giulianova ha riportato varie contusioni cadendo in terreno impervio. Fortunatamente gli alberi hanno fermato la caduta e con il verricello l’uomo è stato recuperato in elicottero. Un allerta è giunto da Sesto in Val Pusteria: l’equipaggio dell’Aiut Alpin Dolomites ha soccorso una giovane donna che a 2.500 metri di altitudine si era fratturata una caviglia e non riusciva più a proseguire. Una frattura esposta della caviglia l’ha riportata anche una 42enne, che arrampicandosi al Pordoi è caduta nella corda per una decina di metri. Il recupero con la corda fissa ha richiesto massima concentrazione da parte di tutto l’equipaggio, ma grazie anche alle continue esercitazioni con il Soccorso alpino, non ha presentato maggior problemi. (e.d.)