nel campus della lub 

Sviluppo del turismo, convegno a Brunico

BRUNICO. Consapevolezza, benessere e felicità nella ricerca turistica: sono questi i temi centrali di «CBTS 2017», il simposio sul turismo che per il decimo anno consecutivo si svolge nel campus di...

BRUNICO. Consapevolezza, benessere e felicità nella ricerca turistica: sono questi i temi centrali di «CBTS 2017», il simposio sul turismo che per il decimo anno consecutivo si svolge nel campus di Brunico. «L’attenzione, nella nostra conferenza, sarà rivolta allo sviluppo del turismo», spiega l’organizzatore, il preside della Facoltà di Economia, il professor Oswin Maurer, «soprattutto ci interessa scoprire cosa rimane al consumatore dopo la vacanza».

70 partecipanti, provenienti da 21 paesi, nove relatori d’eccezione, tre workshop, una sessione di dottorato e 41 paper presentati, a cui si aggiungono due seminari metodologici. Questi i numeri del convegno che durerà fino ad oggi. La loro attenzione è stata dedicata a tematiche come il design turistico – ovvero la progettazione di pacchetti che garantiscano esperienze durature. Un esempio è Plan de Corones che non è solo una rinomata stazione sciistica ma offre, oltre a un‘esperienza museale con il Museo della Montagna di Reinhold Messner e Zaha Hadid, anche prelibatezze culinarie

«L’aspetto più importante nella ricerca sul turismo è l’essere umano e non, come un tempo, il prodotto», spiega il professor Maurer. Assieme a Serena Volo, Maurer ha organizzato la decima edizione del CBTS, il simposio sul comportamento dei consumatori nel turismo. Ieri, per la prima volta, è stata organizzata una sessione per l’industria, durante la quale Richard Adam (Direttore generale della Engadin St. Moritz Mountain) e Andrea Del Frari (Plan De Corones) hanno discusso di universi esperienziali e destinazioni sciistiche con Roland Kals (arp-raum.landschaft.mobilität) e l’architetto Peter Pichler (Peter Pichler Architecture – Südtirol).