Lana, la memoria del paese con gli anziani su Youtube 

Il progetto “Testimoni di un’epoca” è articolato in una ventina di filmati Saranno raccolti in una pubblicazione che racconterà la storia della comunità 

di Ezio Danieli

LANA. Il progetto "testimoni di un’epoca di Lana" è stato elaborato dal Comune tra il 2016 e il 2018 con una spesa contenuta, poco più di 3 mila euro. Una ventina di persone hanno raccontato i loro ricordi legati al paese e alla loro vita. Le riprese video conservano la testimonianza storica e culturale di Lana e sono importanti inoltre per tutto l’Alto Adige. I primi dieci video in lingua tedesca possono essere visualizzati sul canale YouTube del Comune. Inoltre ci sono due video in lingua italiana. Il link si trova sulla homepage del Comune. Seguiranno altri video nei prossimi mesi, mentre il prossimo obiettivo della giunta è la pubblicazione di questi ricordi che sono utili per raccontare la storia del Comune e quella dell'Alto Adige.

Le interviste sono state raccolte da Philipp Santer con l'aiuto di alcuni studenti. La più anziana protagonista dei video è Cecilia Auer Dibiasi (1928, Ultimo) che racconta della sua famiglia e della vita lavorativa a Lana. Nell’intervista riferisce sulla fabbrica di marmellate, sulla fabbrica di cartone, sui lavoratori, sulla guerra e sulla famiglia Zuegg. Padre Bruno Frank (1930, Malles), che vive a Lana dove è pastore cappuccino, racconta della vita spirituale a Lana, religione e credo, della processione della natività di Maria, dell’ordine dei Cappuccini, del convento, dei padri, del Kvw e dell’assistenza spirituale. Francesco “Franz” Karnutsch (1930, Lana) racconta di Lana di Sotto. Sieglinde Stauder Platter (1936, Lana) parla del turismo e di come sia cambiato l’aspetto del paese, della trattoria Teiss, dell’imperatrice Sissi, del mercato e della vita. Alfred Gasser (1935, Lana) riferisce sulla sua lunga attività svolta nell’associazione sportiva di Lana. Werner Wonach (1933) - noto come Bertoldi Senior che è una istituzione per il commercio a Lana - narra della lavorazione del legno, del commercio, del centro del paese Am Gries e della guerra. Gerhard Thaler (1944, Lana), appassionato collezionista di francobolli, nell’intervista mostra i sui esemplari su Lana e ricostruisce la storia delle poste. Albert Zuech (1934) rievoca la vita sociale a Lana e il suo sviluppo; dà la sua testimonianza per il lavoro, l’industria, la politica. Johann Gruber (morto l'anno scorso) ricorda la guerra. Maria Esser (1926, Lana), conosciuto col nome di Esser “Mizzi”, racconta della sua arte, del lavoro manuale e delle sue esperienze di vita.

Fra poco tempo saranno pubblicati i video con suor Angela (1939, Longomoso) che ripercorre la sua vita di maestra presso l’asilo Arciduca Eugenio, del credo, della cultura, della religione, dell’educazione dei bambini e del convento Lanegg; con Clara Genetti Zuegg (1933, Lana) che racconta la storia della famiglia Zuegg, del tram, delle fabbriche di marmellate e cartone, di Monte San Vigilio; con Schwester Ehrentraud (1941, Villandro) che ricorda il convento Lanegg; con Josef Tribus (1939, Lana), noto a Foiana come “Wiesbauer”, sulla coltivazione delle mele; con Josef Unterholzner (1936, Lana) ossia “Runggögler Sepp”che racconta della sua attività svolta nei vigili del fuoco, dell’agricoltura, della guerra e di tante esperienze; ed infine il video con Oskar Weiss (1925, Lana) che è ancora attivo in diverse associazioni: parla delle esperienze di vita e del suo lavoro, come ad esempio costruire presepi.

Fra i video in lingua italiana c'è quello con Nello Zambelli (1937, Volano) che racconta della sua vita da maestro a Lana e dintorni: è stato un punto di rifermento per la crescita di intere generazioni; infine c'è un film sulla fabbrica di cartoni di Elisa Nicoli. Partecipano Romano Cavini voce narrante di “Due ore per una canzone” di Enzo Nicolodi, Antonio Carolo (figlio di un operaio della Fabbrica Cartoni) e Gabriele Agosti che presenta la storia e il funzionamento della fabbrica.