Fascino e musica raffinata assieme a Rossana Casale 

La cantante ospite al Ciastel dla Müjiga per un’esibizione molto attesa Nella sua carriera c’è stato spazio per pop, dance ma soprattutto tanto jazz

LA VILLA. Le Ciastel dla Müjiga a La Villa, in Val Badia, con il gruppo del Sella alle sue spalle, fa da location incantevole e affascinante a una voce altrettanto affascinante, quella di Rossana Casale. Sarà lei a chiudere in bellezza (il concerto è stasera alle 21,15) la rassegna di concerti ospitata nei suoi sontuosi saloni, iniziata agli inizi del mese. Nata a New York e figlia di un fotografo statunitense, Casale è capace di passare con estrema leggerezza dal pop alla dance al jazz. Ha cominciato da giovanissima a cantare, negli anni Settanta, e faceva parte del coro di cantanti come Riccardo Cocciante, Mina, Vasco Rossi, Al Bano e Romina Power e nei concerti dal vivo di Mia Martini e Loredana Bertè. Poi passa alla dance. Il primo singolo a suo nome, scritto da lei con Alberto Fortis, esce nel 1982 e si intitola Didin. Nel 1984 esce il suo primo album Rossana Casale, prodotto dalla Premiata Forneria Marconi. Nel 1983 recita nel film di Pupi Avati, Una gita scolastica, e partecipa alla colonna sonora con i brani L'incanto e A tu per tu. Poi arrivano il Festival di Sanremo e Premiatissima 86 che vince. Dopo il pop e la dance arriva il jazz. Si esibisce a Umbria Jazz e Sanremoaltre. Nel 1994 esce Jazz in Me, primo lavoro completamente jazz. L’anno dopo debutta nella commedia musicale Un americano a Parigi al fianco di Raffaele Paganini a cui seguono la commedia musicale A qualcuno piace caldo, al fianco di Alessandro Gassmann e Gianmarco Tognazzi e La piccola bottega degli orrori, accanto a Manuel Frattini. E seguono tanti dischi tra i quali Jacques Brel in Me, Billie Holiday in Me, Circo immaginario, Il Signor G e l'amore. Nel giugno 2009 è una delle protagoniste del concerto evento allo stadio San Siro di Milano in favore dei terremotati dell'Aquila del 2009.

Nel 2010 e 2013 partecipa a due edizioni di X-Factor come vocal coach. Nel 2015 è stata docente della sezione Canzone dell'Officina delle Arti Pier Paolo Pasolini, progetto di alta formazione. È stata docente di canto jazz presso il Conservatorio di Cuneo, di Parma e di Frosinone.(d.mi.)