Filippine: governo ordina espulsione di suora australiana

L'Ufficio Immigrazione delle Filippine ha confermato l'ordine di espulsione della suora cattolica australiana Patricia Anne Fox di 71 anni, per aver partecipato a manifestazioni di protesta. Alla religiosa è stato revocato il visto da missionaria dopo che il presidente Rodrigo Duterte ha ordinato che fosse indagata per 'disorderly conduct', ovvero disturbo della quiete pubblica, e fosse designata come 'straniera indesiderabile'. L'Ufficio Immigrazione nel suo ordine ha anche chiesto l'inclusione di suor Patricia nella lista nera dell'agenzia, che le proibirebbe di tornare nel Paese. I legali della consacrata, che presenteranno appello, hanno definito il provvedimento "persecuzione religiosa". "Aiutare i poveri non è un rischio al pubblico interesse, alla pace o all'ordine pubblico. In realtà il governo dovrebbe riconoscere il suo servizio altruista ai settori oppressi di questa società", ha dichiarato in un comunicato l'avvocato Jobert Pahilga, ricordando che le attività della suora sono in linea con il lavoro missionario di promuovere pace, giustizia sociale e diritti umani. (ANSA).