Trasporti: iniziato sciopero dei mezzi a Milano

"E' iniziato alle 8.45 lo sciopero nazionale di 4 ore che proseguirà fino alle 12.45. La circolazione sulla linea M1 prosegue regolare sull'intera tratta. Sulla linea M2 la circolazione è garantita tra Cascina Gobba e Abbiategrasso mentre è sospesa nelle tratte Assago-Famagosta e Cascina Gobba-Gessate/Cologno. La linea M3 effettua servizio tra Maciachini e Porta Romana. Circolazione sospesa tra Maciachini e Comasina e tra San Donato e Porta Romana. La circolazione della linea M5 viene gradualmente sospesa". Lo ha comunicato Atm, l'Azienda tranviaria milanese. Lo sciopero è stato proclamato dalle sigle Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Faisa-Cisal e Fast Confsal, per protestare contro "le proposte europee di nuove norme sui tempi di guida e di riposo per il personale dei servizi di trasporto...

Gallerie

Trasporti: iniziato sciopero dei mezzi a Milano

"E' iniziato alle 8.45 lo sciopero nazionale di 4 ore che proseguirà fino alle 12.45. La circolazione sulla linea M1 prosegue regolare sull'intera tratta. Sulla linea M2 la circolazione è garantita tra Cascina Gobba e Abbiategrasso mentre è sospesa nelle tratte Assago-Famagosta e Cascina Gobba-Gessate/Cologno. La linea M3 effettua servizio tra Maciachini e Porta Romana. Circolazione sospesa tra Maciachini e Comasina e tra San Donato e Porta Romana. La circolazione della linea M5 viene gradualmente sospesa". Lo ha comunicato Atm, l'Azienda tranviaria milanese. Lo sciopero è stato proclamato dalle sigle Filt-Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Ugl, Faisa-Cisal e Fast Confsal, per protestare contro "le proposte europee di nuove norme sui tempi di guida e di riposo per il personale dei servizi di trasporto passeggeri a lunga percorrenza". Si attende una forte adesione dei lavoratori. L'Atm ha precisato che anche "in superficie saranno possibili riduzioni del servizio dovute al traffico intenso". La Polizia locale non segnala particolari criticità oltre a un prevedibile intenso traffico. (ANSA).

LE FOTO

Messico, salgono a 85 le vittime dell'esplosione all'oleodotto

TLAHUELILPAN (MESSICO) - Salgono a 85 le vittime dell'esplosione e dal successivo incendio di un tratto dell'oleodotto messicano Tuxpan-Tula, a Tlahuelilpan, nello Stato messicano di Hidalgo. A darne notizia il ministro della salute messicano, Jorge Alcocer, che ha anche quantificato in 58 le persone ricoverate in ospedale, mentre decine sono ancora i dispersi. Il governatore dello stato, Omar Fayad, ha aggiunto che ci sono enormi difficoltà a identificare le vittime, investite dalle fiamme mentre tentavano di trafugare carburante dalla condotta. Lo stato e i governi federali si stanno facendo carico di spese mediche e funebri.

Congo: Corte costituzionale, vincitore elezioni è Tshisekedi

(ANSA) - ROMA, 20 GEN - La Corte costituzionale del Congo ha respinto il ricorso presentato dal candidato dell'opposizione Martin Fayulu contro i risultati delle elezioni e confermato che il vincitore è l'altro candidato dell'opposizione, Felix Tshisekedi. Lo riporta la Bbc. Fayulu sosteneva di aver ottenuto il 61% dei voti a fronte di un 18% del suo avversario sospettato di aver raggiunto un accordo sottobanco con il presidente uscente Joseph Kabila. L'Unione Africana aveva chiesto alle autorità di Kinshasa di sospendere l'annuncio ufficiale dei risultati, esprimendo "seri dubbi" sulla correttezza. Ma per la Corte costituzionale Tshisekedi "ha vinto con una maggioranza semplice" e dovrò prestare giuramento entro dieci giorni. (ANSA).

30 nomi terroristi su scrivania Salvini, 14 in Francia

(ANSA) - ROMA, 19 GEN - Trenta terroristi latitanti, 27 di sinistra e tre di destra: i loro nomi sono sul tavolo del vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini. Lo si apprende da fonti del Viminale. Si tratta dell'elenco aggiornato che Intelligence e Forze dell'Ordine hanno rielaborato dopo l'arresto di Cesare Battisti. Dei 30, 14 sono in Francia. Il governo italiano, su impulso di Salvini, è pronto a passi ufficiali per chiedere collaborazione ai Paesi che stanno ospitando i latitanti. A partire da Parigi. L'obiettivo è assicurare i terroristi alla giustizia italiana.

Colombia: autobomba Bogotà, saliti a 21 i morti

(ANSA) - BOGOTA', 18 GEN - E' di 21 morti e 68 feriti il nuovo bilancio dell'attentato realizzato ieri con un'autobomba nella Scuola nazionale di polizia 'General Santander' di Bogotà. Lo ha reso noto oggi il comando centrale della polizia colombiana. Tra le vittime, precisa un comunicato - c'è anche l'autore dell'attacco che era alla guida di un furgone che trasportava 100 chili di un esplosivo denominato pentolite. Il presidente Iván Duque ha decretato tre giorni di lutto nazionale.(ANSA).

LE FOTO

Antisemitismo, il premier Conte: "Degrado della convivenza, ma il governo c'è"

'Un progressivo degrado della convivenza civile a cui porre argine', dimostrato da episodi di antisemitismo e di intolleranza, é stato denunciato dal premier Giuseppe Conte nel suo discorso ai vertici della Comunità ebraica al Tempio Maggiore. 'L'impegno dell'Italia nella lotta a ogni forma di discriminazione e di intolleranza', é stato riaffermato da Conte. 'Questo governo farà la sua parte anche sul fronte interno', ha detto il premier. 

Bomba pizzeria: sit in per Sorbillo, serve reazione Governo

NAPOLI - "Oggi testimoniamo la nostra vicinanza a Sorbillo ma presto dovremo fare iniziative più concrete, da troppi anni il commercio napoletano subisce certe cose, è il momento di reagire anche dal punto di vista del Governo che non ci può lasciare in questo modo". E' Antonio Pace, presidente dell'associazione verace pizza napoletana a lanciare l'appello nel corso della manifestazione che si è svolta oggi a Napoli davanti all'ingresso della Pizzeria Sorbillo, dove due notti fa è stata fatto scoppiare un'ordigno esplosivo. Gino Sorbillo è intanto in viaggio verso Napoli dove arriverà da Milano stasera intorno alle 20. Alla manifestazione hanno partecipato tanti pizzaioli napoletani, esponenti di associazioni di categoria del commercio, rappresentanti del Comune di Napoli tra cui l'assessore Alessandra Clemente, l'ex ministro Alfonso Pecoraro Scanio e il consigliere regionale Francesco Borrelli, esponenti di comitati civici.

Berlusconi, mi candido a europee per responsabilità

(ANSA) - CAGLIARI, 17 GEN - "Alla bella età che ho, ho deciso per senso di responsabilità di andare in Europa dove manca il pensiero profondo del mondo". Lo ha detto Silvio Berlusconi a Quartu, prima tappa del suo tour elettorale in Sardegna, annunciando la sua candidatura alle Europee del 26 maggio. (ANSA).