Musica: De Gregori, brano a sorpresa sui problemi di Roma

(ANSA) - ROMA, 7 LUG - "Dice l'aria c'è più bona che a Milano/ Specialmente pe' chi campa solo d'aria./ Specialmente pe' chi torna a casa a sera/ E nell'aria ce po' solo bestemmia'./ Le matine de gennaio ce sta' 'n sole/ Tanto bello che je sputeresti 'n faccia./ Come dentro a quer grugnaccio der capoccia/ Che fa i sordi mentre tu stai a lavora'". Francesco De Gregori ha aperto il 6 luglio a Roma, nella Cavea dell'Auditorium Parco Della Musica, il Tour 2018 con un brano non suo, ma di un artista romano sconosciuto ai più, Gianni Nebbiosi, intitolato 'Ma che razza de città'. Un testo risalente al 1973, tratto dall'album 'Mentre la gente se crede che vola', con cui il Principe ha affrontato a modo suo i problemi di Roma: "E ce vengono pe' fame da lontano/ Perché Roma vuole di' la capitale/ Ma 'n borgata pe' strada che 'n imbuto/ Roma vole di' sortanto sei fottuto./ Sei fottuto e puro tocca tira' avanti/ E li giorni te li fanno co lo stampo/ E 'na sera compri 'n etto de castagne/ E te metti a sede e t'aritrovi a piagne./ Ma che razza dei città (2 volte)".(ANSA).