Maionchi su Sky Uno con nuovo programma

ROMA, 19 OTT - 'Mara Impara - La nuova musica'. Si chiama così il nuovo programma ideato e condotto da Mara Maionchi che sarà protagonista del primo format televisivo di Billboard Italia, in onda tutti i giorni su Sky Uno, dal 29 ottobre al 2 novembre alle 19.25 e con replica alle 13.00 e alle 16.45. Il programma sarà disponibile anche su Sky On Demand. Il progetto nasce da un'idea della stessa conduttrice con la volontà di mettersi in discussione incontrando i nuovi talenti della musica italiana, per conoscerli e approfondire la loro produzione musicale. Ogni puntata avrà infatti un ospite: Achille Lauro, Cosmo, Myss Keta, Nitro e Takagi & Ketra. All'inizio di ogni puntata la Maionchi, seduta nel suo salotto, chiama il misterioso Mr Billboard per rintracciare l'artista che di lì a poco sarà seduto sul suo...

Gallerie

Maionchi su Sky Uno con nuovo programma

ROMA, 19 OTT - 'Mara Impara - La nuova musica'. Si chiama così il nuovo programma ideato e condotto da Mara Maionchi che sarà protagonista del primo format televisivo di Billboard Italia, in onda tutti i giorni su Sky Uno, dal 29 ottobre al 2 novembre alle 19.25 e con replica alle 13.00 e alle 16.45. Il programma sarà disponibile anche su Sky On Demand. Il progetto nasce da un'idea della stessa conduttrice con la volontà di mettersi in discussione incontrando i nuovi talenti della musica italiana, per conoscerli e approfondire la loro produzione musicale. Ogni puntata avrà infatti un ospite: Achille Lauro, Cosmo, Myss Keta, Nitro e Takagi & Ketra. All'inizio di ogni puntata la Maionchi, seduta nel suo salotto, chiama il misterioso Mr Billboard per rintracciare l'artista che di lì a poco sarà seduto sul suo divano. Il tempo di un rapido pick-up, e ha inizio l'incontro: una chiacchierata informale condotta da Mara nel suo stile inconfondibile.

Banksy in un video rimpiange distruzione incompleta opera

(ANSA) - LONDRA, 18 OTT - Banksy rivendica apertamente di aver inserito lui un congegno tritadocumenti nella cornice della 'Bambina col Palloncino', la sua opera autodistruttasi parzialmente nella sorpresa generale a una recente asta di Sotheby's dopo che era stata aggiudicata per ben un milione di sterline. E, anzi, lascia intendere d'essere dispiaciuto che la distruzione non sia stata totale. Il misterioso 'writer' britannico ha diffuso ieri sera un video al riguardo sul suo website. Video nel quale mostra immagini della realizzazione del congegno e del suo inserimento nella cornice, in vista di quello che evidentemente avrebbe dovuto essere un nuovo gesto di ribellione contro la commercializzazione dell'arte. "Nelle prove ha funzionato bene tutte le volte...", commenta a un certo punto, come a voler esprimere rimpianto per quanto accaduto da Sotheby's: dove invece l'aggeggio si è bloccato a metà tagliando a striscioline solo una parte della 'Bambina col Palloncino'. (ANSA).

Pompei: ad Alberto Angela la cittadinanza onoraria

(ANSA) - POMPEI (NAPOLI), 17 OTT - Alberto Angela è diventato cittadino onorario pompeiano. Il Comune di Pompei (Napoli) ha riconosciuto al giornalista divulgatore il merito di avere proiettato sulla città - grazie ai suoi documentari sull'antica Pompei - una luce nuova che ha contribuito alla sua fama a livello mondiale. Pubblico di autorità, ma soprattutto di giovani e di bambini ha applaudito l'evento che si è svolto in piazza Bartolo Longo, su un palco installato tra il Santuario dedicato alla Madonna del Rosario e il Palazzo del Comune. (ANSA).

J-Ax, emozioni e revival nella prima festa per i 25 anni

(ANSA) - MILANO, 16 OTT - "Sono tornato, motherfuckers". C'è emozione, ma anche grinta e voglia di ripartire nel modo in cui J-Ax ieri sera ha accolto i 3100 del Fabrique di Milano alla prima di dieci date per festeggiare 25 anni di carriera. Su un palco a forma di X il rapper milanese cerca un contatto con il pubblico, dopo due anni di live nelle arene: "Ho fatto San Siro, ma questo è il migliore concerto della mia vita - dice -. Per la prima volta in 25 anni, ieri sera non ho chiuso occhio". Stando alle cifre degli organizzatori, le presenze nelle 10 date sold out equivalgono a 3 palasport, ma la dimensione raccolta e rovente del club è ideale perché il cammino a ritroso di J-Ax e dei presenti sia veramente condiviso: anche a questo servono i montaggi che punteggiano lo show, immagini da un quarto di secolo di musica, tv, cinema, politica e cronaca.

CINEMA

Incassi, "A star is born" brilla in cima alla classifica

(ANSA) - ROMA, 15 OTT - E' "A star is born", il film di e con Bradley Cooper e Lady Gaga presentato a Venezia, a dominare la classifica Cinetel di questo week end, con un incasso di 1.706.612 euro. Al remake del cult interpretato da Barbra Streisand, segue Venom, simbionte della Marvel con Tom Hardy metà supereroe e metà supercattivo, che domina il box office Usa del fine settimana mentre da noi registra 1.631.678, 6.401.008 in due settimane. Al terzo posto troviamo la new entry Johnny English colpisce ancora, che segna il ritorno di Sir Rowan Atkinson, noto per il ruolo di Mr.Bean, e ottiene 909.257 euro. Quarto gradino per il film d'animazione Gli incredibili 2 con 610.945 (11.130.424 totali). Due debutti al quinto e sesto gradino: Zanna Bianca con 559.659 euro e The Predator, 494.434. Esordio all'ottavo posto per La fuitina sbagliata, con 331.544 euro. Totale incassi 8.176.954 euro, in calo del 14% rispetto allo scorso week end, ma in crescita del 44.43% rispetto a un anno fa.

Mostre: Valentina, la donna di una vita per Crepax

L'inossidabile caschetto di capelli scuri, il broncio da bambina, il corpo efebico reso sensuale dalle lunghe gambe: è Valentina, la donna di una vita per Guido Crepax che l'ha disegnata, ma anche per milioni di uomini nel mondo che l'hanno sognata. Valentina arriva ai Musei Civici di Bassano del Grappa, affascinante protagonista di una mostra originale, totalmente nuova rispetto alle recenti esposizioni che a lei e al suo creatore sono state dedicate a Roma e a Milano. A Bassano del Grappa, Valentina Rosselli, in arte solo Valentina, accoglierà amici e ospiti, dal 2 dicembre al 15 aprile 2019, da bellissima padrona di casa della mostra intitola appunto "Valentina. Una vita con Crepax", a cura dell'Archivio Crepax. Nessuno noterà i suoi anni, oltre 70, attraversati con l'intangibilità che appartiene al sogno e al disegno. Protagonista di una vita normale e onirica, di cui la seconda è fuga dalle difficoltà della prima. Una vita molto reale, marchiata dall'anoressia, dalle allucinazioni, dalle difficoltà. Donna forte e fragilissima, donna normale, quindi. E anche per questo Valentina è il ritratto di un'epoca, oltre che il frutto di un uomo di genio, il suo creatore, Guido Crepax. (ANSA).

Fossati, Canzone popolare? Errore darla a politica

La prima chitarra importante di Vasco Rossi, "quella da cui è nato tutto", che il Blasco comprò a caro prezzo a un amico e collega cedendogli parte dei diritti d'autore di un suo disco, la genesi rocambolesca di Latin Lover, "l'album più coraggioso di Gianna Nannini", la storia di Terra Mia, il primo disco di Pino Daniele, "quello che scrisse a 22 anni e in cui c'era già tutto". E poi tutta la magia delle canzoni di Ivano Fossati, raccontate dal cantautore più schivo del nostro panorama musicale. Il 28 novembre torna sui canali 120 e 400 di Sky 33 giri - Italian Masters, la serie di Sky Arte dedicata alle pietre miliari della discografia italiana e l'apertura è con Fossati e uno dei suoi dischi più amati, Lindbergh - Lettere da sopra la pioggia. Il discografico Stefano Senardi lo racconta a Palermo, in uno dei tanti incontri della due giorni del Festival di Sky Arte. E il racconto si fa ancora più vivo con Manuel Agnelli e Rodrigo D'Erasmo degli Afterhours che salgono sul palco del Teatro Garibaldi per offrire una loro versione di Canzone popolare, canzone amata e odiata dal suo autore che in video confessa: "Prestare una canzone alla politica è una cosa che non consiglio a nessuno. Giovani, non lo fate". (ANSA).

Tv: Rocco Schiavone, Giallini seconda serie rivela passato

(ANSA) - ROMA, 12 OTT - "Schiavone mi somiglia anche come carattere e linguaggio. Ma io attenti non mi faccio le canne". Marco Giallini, torna a vestire i panni del cinico e burbero vice questore romano trapiantato ad Aosta dal cuore d'ore ma nella seconda stagione si fa un salto un salto indietro nel tempo, quando Schiavone era ancora sposato non era stato trasferito e sua moglie era viva, prima che venisse uccisa. L'attesa per gli appassionati della serie nata dalla penna dello scrittore Antonio Manzini è finita. Due anni dopo, Schiavone interpretato da Giallini è pronto a fare il suo ritorno sul piccolo schermo con nuovi episodi. E così, mentre il pubblico si gusta e rivede l'ultimo episodio della prima stagione su Rai 2, già può iniziare col countdownd per la seconda. La serie televisiva di Rai 2 partirà il 17 ottobre 2018 per un totale di quattro prime serate. Mentre in edicola è appena uscito il sesto libro di Antonio Manzini 'Fate il Vostro Gioco' (Sellerio), con un caso ambientato nel casino di Saint Vincent. Tornando alla seconda stagione di Rocco Schiavone, il poliziotto continuerà ad essere tormentato dai ricordi del passato, coi quali dovrà fare nuovamente i conti. (ANSA).

Cinema: Sollima, il mio sguardo amorale negli Usa

(di Francesco Gallo) (ANSA) ROMA 11 OTT - "Cosa ho portato ad Hollywood? Il mio sguardo amorale, ovvero quello di fare un racconto che va diritto allo scopo al di là del bene e del male, un tipo di film che negli States raramente si produce". Così Stefano Sollima parla di 'Soldado', sequel pieno di ritmo e violenza di 'Sicario' in sala dal 18 ottobre con 01 in oltre 400 copie. La mission di Sollima, regista di 'Suburra', non era facile. Quella di fare non solo il suo primo film americano, ma anche un credibile sequel del film cult di Denis Villeneuve del 2015, ma l'autore romano che ha avuto il suo exploit con la serie Sky 'Romanzo criminale' non ha avuto paura e il box office Usa lo ha premiato. Al suo esordio Soldado è partito più che bene con 19 milioni di dollari contro i 12 di Sicario e attualmente è a 73 milioni di dollari. Thriller-action con Benicio Del Toro e Josh Brolin , pieno di armi, sparatorie, elicotteri da guerra che fanno giri di valzer sul deserto, agenti Cia, cartelli messicani infiltrati dentro la polizia di Stato, non si può dire che questo film manchi di attualità diviso, come è, tra confini da difendere, in questo caso quelli tra Texas e Messico, emigrati da sfruttare e terrorismo islamico (la migrazione, si vede in Soldado, è un veicolo per il terrorismo religioso). Nel film si racconta la lotta al narcotraffico resa ancora più dura da quando i cartelli hanno iniziato a trasportare terroristi attraverso il confine. Per combattere questa guerra, l'agente federale Brolin dovrà unire le forze con il misterioso Benicio Del Toro che ha un'unica mission: quella di far entrare in guerra i cartelli messicani l'uno contro l'altro. Per riuscirci Del Toro coinvolgerà in un rapimento una ragazzina, figlia di uno dei più potenti boss messicani, alla quale inevitabilmente si affezionerà. "Non non farò il sequel del sequel - spiega Sollima oggi a Roma - non mi piace fare due volte lo stesso film. Se dovessi rifarlo non farei comunque un sequel, ma un altro film con il mio sguardo". Lavorare negli Usa? "Per me è stata soprattutto una vacanza che non escludo rifarei. Un regista a Hollywood,rispetto all'Europa, non ha il controllo creativo del suo film fino alla fine - dice -. Ma in compenso ha un sacco di giocattoli. Un esempio: in una scena vuoi un altro elicottero e ti danno un altro elicottero". Il cinema per Sollima, che sta ultimando per la tv (una produzione Cattleya per Sky) ZeroZeroZero dal romanzo-inchiesta di Roberto Saviano - resta quello della sala: "Negli Usa è ancora così, è un evento. Le sale sono straordinarie, ti sdrai, spegni il telefono e condividi il film". Frase cult del film piena di attualità, quella che dice un agente della Cia: "Il vero grande affare dei cartelli messicani oggi non è più la droga, ma l'emigrazione clandestina. Queste persone non devi curarle, non rischi nulla e, se va male, ritentano".(ANSA).

Musica: Taylor Swift vince tutto agli Ama Awards

(di Francesca Scorcucchi) (ANSA) LOS ANGELES, 10 OTT - Taylor Swift è la vincitrice assoluta degli AMA, American Music Awards che sono stati consegnati la sera del 9 ottobre a Los Angeles. Tre premi sono infatti andati alla cantante pop, compreso il più importante della serata: artista dell'anno, oltre a quelli per il migliore pop/rock album, e il migliore tour. Con i suoi tre cristalli a piramide la Swift ha dunque rotto un record: nessuno ha mai vinto tanto agli AMA, premi istituiti nel 1973 dal Network ABC e che vedono gli artisti premiati dal pubblico, attraverso il televoto. In una serata gremita di star, da Jennifer Lopez a Mariah Carey, da Lenny Kravitz a Rita Ora, sono stati distribuiti riconoscimenti agli artisti che meglio di altri hanno saputo conquistare il pubblico giovane dei premi: Camilla Cabello è la nuova artista dell'anno e ha vinto una seconda piramide di cristallo come migliore canzone pop/rock con 'Havana', Carrie Underwood ha vinto la statuetta per la migliore artista country mentre lo stesso premio al maschile è stato vinto da Kane Brown, Post Malone è il migliore artista rock pop mentre la categoria migliore album soul/R&B è stata vinta, postuma, da XXXTentacion, il rapper ventenne ucciso lo scorso luglio in uno scontro a fuoco in Florida. A accettare il premio è stata la madre, con la voce rotta dall'emozione. Presentati da Tracee Ellis Ross, attrice protagonista della serie tv Blackish e figlia della grande Diana Ross, la serata è stata connotata da numerosi interventi politici. La presentatrice ha indossato una maglietta che esortava il giovane pubblico a votare per le elezioni di mid-term, il prossimo 6 novembre, così come hanno fatto molti degli artisti saliti sul palco. La stessa Taylor Swift, che recentemente, con un post su Instagram, ha annunciato il suo voto per due candidati democratici in Tennesee, ha ricordato che, oltre agli AMA, c'è un altro voto popolare molto importante per gli americani e ha esortato a non disertare le urne il mese prossimo. Numerose le performance della serata, Taylor Swift ha aperto lo spettacolo, Camilla Cabello si è esibita due volte, anche Jennifer Lopez si è esibita prima del tributo alla regina del soul recentemente scomparsa Aretha Franklin: Gladys Knight ha cantato "Amazing Grace" mentre passavano le immagini della Franklin, poi il cantante Donnie McClurkin ha cantato "Climbing Higher Mountains" prima di introdurre CeCe Winans, accompagnato da un coro gospel. (ANSA).