Libri autunno, aprono Camilleri e nipote e Wilbur Smith

(di Mauretta Capuano) ROMA - Il libro più intimo di Andrea Camilleri, 'Ora dimmi di te. Lettera a Matilda', in cui lo scrittore si racconta in prima persona alla pronipote e le mostra "le pochissime cose" che ha imparato. Un nuovo romanzo del re dell'avventura Wilbur Smith, del ciclo Courtney d'Africa, in cui si fa strada una nuova protagonista femminile. E l'imprevista opportunità di crescita e riscatto che il Booker Prize John Banville regala alla protagonista di 'Ritratto di signora' di Henry James, nel suo nuovo romanzo 'Isabel'. Sono tra i primi e più attesi titoli ad arrivare in libreria tra fine estate e autunno 2018. Camilleri bisnonno ripercorre tanti episodi della sua lunga vita, uno spettacolo teatrale alla presenza del gerarca Pavolini, l'incontro con la moglie Rosetta e con Elvira Sellerio e...

Gallerie

Libri autunno, aprono Camilleri e nipote e Wilbur Smith

(di Mauretta Capuano) ROMA - Il libro più intimo di Andrea Camilleri, 'Ora dimmi di te. Lettera a Matilda', in cui lo scrittore si racconta in prima persona alla pronipote e le mostra "le pochissime cose" che ha imparato. Un nuovo romanzo del re dell'avventura Wilbur Smith, del ciclo Courtney d'Africa, in cui si fa strada una nuova protagonista femminile. E l'imprevista opportunità di crescita e riscatto che il Booker Prize John Banville regala alla protagonista di 'Ritratto di signora' di Henry James, nel suo nuovo romanzo 'Isabel'. Sono tra i primi e più attesi titoli ad arrivare in libreria tra fine estate e autunno 2018. Camilleri bisnonno ripercorre tanti episodi della sua lunga vita, uno spettacolo teatrale alla presenza del gerarca Pavolini, l'incontro con la moglie Rosetta e con Elvira Sellerio e parla con coraggio anche di errori e disillusioni in questa lettera che esce per Bompiani il 29 agosto. "Ti scrivo alla cieca, sia in senso letterale sia in senso figurato. In senso letterale perché negli ultimi anni la vista mi ha lentamente abbandonato. Ora non posso più né leggere né scrivere, posso solo dettare. In senso figurato perché non riesco a immaginarmi quale sarà il mondo tra vent'anni, quello nel quale tu dovrai vivere..." dice Camilleri, ormai cieco, alla sua nipotina di quattro anni. In 'Grido di guerra', in libreria per Longanesi il 27 agosto, Wilbur Smith, che è l'autore contemporaneo più venduto in Italia con oltre 26 milioni di copie, racconta la seconda guerra mondiale e la follia nazista attraverso l'ambiziosa e caparbia Saffron Courteney, la figlia di Leon, amato protagonista de 'Il destino del cacciatore'. Dal 29 agosto in libreria anche 'Come fermare il tempo' (Edizioni E/O) di Matt Haig, per mesi ai vertici delle classifiche dei bestseller in Gran Bretagna, con al centro un uomo che ha una sindrome rara e invecchia molto lentamente. L'autore sarà in Italia, con prima tappa il 6 settembre al Festivaletteratura di Mantova dove è super atteso anche Richard Flanagan con il suo romanzo comico e inquietante sul tema dell'identità, 'Prima persona' che esce per Bompiani il 5 settembre nella traduzione di Alessandro Mari. Banville che presenterà la sua 'Isabel', in uscita per Guanda il 13 settembre, in anteprima a Pordenonelegge, porta la protagonista a chiudere i conti con il passato e a prendere in mano il proprio destino. Tra le altre numerose proposte da segnalare: per i big di Guanda anche Jhumpa Lahiri che sfida se stessa in 'Dove mi trovo'; Philippe Besson che si mette a nudo nel romanzo autobiografico 'Non mentirmi' e James Salter con 'Bruciare i giorni' in cui si intrecciano storie di persone, epoche e luoghi da Irwin Shaw a Hemingway e Polanski. Del premio Pulitzer Jeffrey Eugenides arriva 'Una cosa sull'amore' (Mondadori), prima raccolta di storie brevi in cui ritroviamo i temi dei suo grandi romanzi: i pericoli dell'amore familiare, cosa significa essere americano oggi e le crisi degli adolescenti. Dopo il successo di 'Ci rivediamo lassù', che ha venduto 1 milione di copie nel mondo ed è stato tradotto in 26 lingue, Mondadori pubblica la seconda parte della trilogia del Novecento, 'I colori dell'incendio' di Pierre Lemaitre. Tra i titoli di punta di Einaudi la parabola di violenza americana ne 'Il sorriso di Jackrabbit', una nuova indagine di Hap & Leonard, firmata da Joe R. Lansdale e la prima traduzione italiana di 'Un feroce dicembre' uno dei romanzi più famosi di Edna O'Brien, vincitrice del Premio Pen/Nabokov 2018, che vede Michael Bugler tornare alla terra d'origine, scontrarsi con il suo vicino e far innamorare la sorella di quest'ultimo. Del re del noir francese Guillaume Musso ecco 'La ragazza e la notte' (La Nave di Teseo) con tre amici legati da un tragico segreto. E, sempre per La Nave di Teseo il libro forse più intimo e autobiografico di Ben Jelloun, 'La punizione'. Con il thriller 'L'ultimo giro della notte' (Piemme) Michael Connelly inaugura una nuova serie e un nuovo personaggio, la detective Renée Ballard. Torna, per Fazi editore, dopo 10 anni di assenza nelle librerie italiane 'Il silenzio di Laura' di Paula Fox. Riscrive l'Antigone all'epoca dell'Isis la firma del Guardian Kamila Shamsie in 'Io sono il nemico' (Ponte alle Grazie). Tra i primi titoli di DeA Planeta 'Città sospesa' di Eduardo Mendoza, Premio Planeta 2010, sulla nascita del fascismo spagnolo nella Madrid anni '30.

Musica: Ariana Grande, pubblicato il nuovo album

E' uscito "Sweetener" il nuovo album di Ariana Grande, il quarto disco della sua carriera, pubblicato a due anni di distanza da "Dangerous Woman" e dopo l'attacco terroristico di Manchester dello scorso anno. Il titolo dell'album - secondo le parole della cantante 24enne - si riferisce a tutte quelle persone capaci di portare serenità nella vita di qualcuno o, semplicemente, in una situazione difficile, rendendola più dolce. Il pre-order di "Sweetener" è già stato arricchito da alcuni singoli presentati in anteprima, che vantano collaborazioni con importanti artisti. "No Tears Left to Cry" è la prima hit estratta dal disco, seguita dal featuring con Nicki Minaj, intitolato "The Light is Coming" e prodotto da Pharrell Williams. "God is a woman" è l'ultimo singolo pubblicato dalla cantante, valorizzato nel suo video dalla voce di Madonna con più di 86 milioni di views e oltre 119 milioni di streams su Spotify in meno di un mese. (ANSA).

Musica: è morta a 76 anni Aretha Franklin

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - E' morta a Detroit, all'età di 76 anni Aretha Franklin. La Queen of Soul, come era stata soprannominata, è deceduta dopo una lunga malattia. Lo ha annunciato - riferisce l'Associated Press - la sua portavoce Gwendolyn Quinn. Icona riconosciuta della cultura nera, con una forte personalità e un carattere non sempre facile, ma soprattutto artista dalla voce sublime, Aretha, nata a Memphis il 25 marzo 1942, è andata oltre le definizioni, rompendo schemi e imponendosi come un vero e proprio fenomeno della natura. Tra i suoi brani più famosi, Respect e Think (che cantò anche nel film The Blues Brothers). La sua ultima esibizione è stata lo scorso novembre a New York al gala della fondazione di Elton John per la lotta all'Aids. Il suo ultimo concerto, invece, nel giugno 2017. Nel 2009 ha cantato per l'insediamento di Barack Obama alla Casa Bianca (e si è rifiutata, invece, di farlo quando è stata la volta di Donald Trump). (ANSA).

Rai Storia: Il giorno e la storia, buon compleanno De Niro

Il 17 agosto 1943 nasce a Little Italy, il quartiere italiano di New York, Robert De Niro. Un compleanno festeggiato da "Il giorno e la Storia" in onda venerdì 17 agosto a mezzanotte, e in replica alle 5.30, 08.30, 11.30, 14.00 e alle 20.10 su Rai Storia. Negli anni '60 appare in piccole produzioni teatrali e cinematografiche e nel 1973 viene notato dalla critica per il suo ruolo in "Mean Streets", di Martin Scorsese. Il suo sodalizio con il regista italo-americano porterà alla realizzazione di film come "New York, New York", "Toro Scatenato", "Quei bravi ragazzi", "Casinò". Ma la filmografia di De Niro è sterminata: include titoli come "Taxi Driver", "Novecento", "Il padrino parte II", "Il Cacciatore", "C'era una volta in America" e collaborazioni con tutti i più grandi registi degli ultimi quarant'anni, da Elia Kazan a Terri Gilliam, da Francis Ford Coppola a Alan Parker, da Brian De Palma a Roland Joffé. De Niro ha vinto due Oscar, ricevendo la nomination come miglior attore altre cinque volte. (ANSA).

60 anni Madonna, al via la festa di compleanno a Marrakech

(ANSA) - RABAT, 15 AGO - È il giorno del suo compleanno e per annunciare l'inizio dei festeggiamenti Madonna sceglie Instagram. Una foto che la ritrae abbigliata in costume amazigh, quello delle antiche popolazioni berbere che abitano il Marocco, dà il via alle danze. "Oggi mi metto una torta in testa... e per altri 2 giorni....", seguono emoticon per immaginare canti e balli, party esclusivi e felicità. La popstar ha riunito una cinquantina di amici in città, in uno degli indirizzi più esclusivi della medina di Marrakech, il lussuoso riad di Vanessa Branson, sorella del magnate della Virgin, Richard Branson. Da oggi, giorno in cui spegne 60 candeline, e per tre giorni, sarà festa. (ANSA)

Week end: Teatro, Ferragosto tra Giannini e Brignano

(di Daniela Giammusso) (ANSA) - ROMA, 14 AGO - Si ride a Roma tra Maurizio Colombi, Max Paiella e Maurizio Casagrande, si sogna a Orbetello (GR) con le magie di ''W Momix Forever'', si mescolano note e parole al Festival La Versiliana con Giancarlo Giannini e Puccini. E ancora, Enrico Brignano inaugura il nuovo tour estivo di ''Enri-Comincio da me Unplugged'' a Vulci (VT), con tappe a Forte dei Marmi (LU) e Cattolica (RN), Giuseppe Zeno è protagonista a Borgio Verezzi (SV) della maratona ''Non si uccidono così anche i cavalli?''; a Cagliari irrompe "Grease"; e al Calvi Festival (TR) Antonello Fassari racconta ''Eduardo's Rock'': sono alcuni degli spettacoli teatrali in scena nel lungo week end di Ferragosto. ROMA - Tris di risate per il Ferragosto della capitale, dove la kermesse All'ombra del Colosseo, uno dopo l'altro, attende Maurizio Colombi, domani con "Caveman - L'uomo delle caverne", per la regia di Teo Teocoli, sulle differenze ''antropologiche'' tra uomo e donna. E poi Max Paiella, giovedì, tra note, parodie e (ironiche) riflessioni; Maurizio Casagrande, domenica, nel suo nuovo ''A tu per tu''. Il 15 agosto; il 16; e il 19 agosto. BORGIO VEREZZI (SV) - Una folle maratona di ballo dove i partecipanti, in cambio di vitto e alloggio, disperati e in cerca di successo, ballano per giorni e notti senza interruzioni, diventando oggetto di scommesse da parte del pubblico. Con la speranza di vincere un premio in denaro, ma soprattutto di farsi notare dai registi e produttori presenti in sala. Quasi un reality ante litteram, debutta sabato in prima nazionale al Festival di Borgio Verezzi ''Non si uccidono così anche i cavalli?'', piece che Horace McCoy scrisse nel 1935, diventata poi film con Sidney Pollack. La nuova messa in scena, diretta da Giancarlo Fares, ha Giuseppe Zeno e Sara Valerio protagonisti con un cast di 16 attori e le coreografie di Manuel Micheli. Musiche dal vivo di Piji. Il 18 e 19 agosto. PIETRASANTA (LU) - Tra parole e note, Giancarlo Giannini arriva questa sera al Festival La Versiliana con ''Puccini, la passione tra poesia e danza'', serata che mescola i versi di D'Annunzio, la musica di Puccini e i passi dell'Emox Balletto. Giovedì è invece Giulio Repetti a salire sul palco per ''Mogol racconta Mogol'', tra aneddoti di una lunga carriera condivisa tutti i big della canzone italiana e i brani scritti con Lucio Battisti reinterpretati da Monia Angeli. Il 14 agosto; il 16 agosto. ORBETELLO (GR) e PIETRASANTA (LU) - Ferragosto con la Compagnia che ha reiventato il concetto di teatro-danza: questa sera al Teatro della Laguna di Orbetello e da sabato a La Versiliana, è di scena ''W Momix Forever'', show nato per i 35 anni di carriera della compagnia di Moses Pendleton in cui rivedere pezzi storici come Momix Classics, Passion, Baseball, Opus Cactus, Sun Flower Moon, fino al più recente Bothanica e l'ultimo grande successo Alchemy. Il 14 agosto; dal 18 al 19 agosto. VULCI (VT), FOLLONICA (GR), FORTE DEI MARMI (LU) e CATTOLICA (RN) - Dopo il successo del tour invernale, sceglie Ferragosto Enrico Brignano per tornare in palcoscenico, versione arena, e inaugurare una nuova stagione del suo ''Enri-Comincio da me Unplugged''. Domani al Parco archeolgico di Vulci, sabato al Summer Festival di Follonica, domenica a Villa Bertelli a Forte dei Marmi e martedì all'Arena della Regina di Cattolica, in scena un nuovo viaggio nel tempo, tra analisi di ciò che è stato, vecchie conoscenze, brani storici della sua comicità e strade diverse da quella già percorse, per il gusto di scoprire dove lo avrebbero condotto. E poter dire a se stesso: ''stavolta Enricomincio da me!''. Il 16 agosto; il 18; il 19; e il 21 agosto. FOLLONICA (GR) e CAGLIARI - Ferragosto a suon di musical con ''Grease'', lo spettacolo della Compagnia della Rancia tratto dal film cult del '78 con John Travolta e Olivia Newton John. Dedicato a chi era ragazzo allora e a chi lo è oggi (e vede per la prima volta la storia), domani all'Arena di Follonica e sabato al Forte Arena di Cagliari, ecco le Pink Ladies e i T-Birds sulle note di hits come Summer Nights e You're the One That I Want. New entry nel cast, Giulio Corso nel ruolo di Danny Zuko e Lucia Blanco in quello di Sandy. Il 15 e il 18 agosto. CALVI DELL'UMBRIA (TR) - Ma cos'ha che fare Eduardo De Filippo con i Led Zeppelin? E con gli Ac/Dc? A raccontarlo sono Antonello Fassari, Gino Auriuso e Irma Ciaramella ospiti sabato del Calvi Festival 2018 con ''Eduardo's Rock'', atto unico tratto dalle commedie di De Filippo in cui i testi famosissimi del drammaturgo sono scanditi dai brani travolgenti dei grandi band come anche Nirvana e DeepPurple. Giovedì è invece di scena Debora Caprioglio nell'autobiografico ''Debora's Love'', insieme a Francesco Branchetti. Il 19 agosto; e il 16 agosto.(ANSA).

Sanremo: Baglioni a 'Sorrisi', niente eliminazioni per i Big

ROMA - Un doppio festival, con il Sanremo dei giovani che però "non sarà un talent", e anche quest'anno niente eliminazione per i Big all'Ariston: Claudio Baglioni parla in esclusiva con Tv Sorrisi e Canzoni, in edicola domani, del suo secondo festival da conduttore e direttore artistico, ma anche del concerto evento all'Arena di Verona con cui festeggerà quest'autunno i 50 anni di carriera e del lungo tour che lo aspetta. "Presentando la scorsa edizione del Festival - spiega Baglioni al settimanale, che ha diffuso un'anticipazione dell'intervista - dissi che avrei voluto avere più tempo. Sentivo il bisogno di completare il percorso". "Avevo detto che mi sarebbe piaciuto raddoppiarlo. Ecco, ora succederà. I giovani avranno a disposizione un'intera settimana televisiva: due prime serate di Rai1 a dicembre più quattro puntate di avvicinamento nel preserale, sempre su Rai1. Io per primo lavorerò duro perché questa parte abbia la stessa caratura e la stessa rilevanza del Sanremo di febbraio, al quale approderanno i vincitori delle due serate di dicembre. Credo che la concomitanza con la gara dei Big finisca sempre per togliere luce ai giovani". (ANSA).

Lina Wertmuller compie 90 anni

(ANSA) - ROMA, 12 AGO - Lina Wertmuller, la "signora con gli occhiali bianchi", l'autrice di "Gian Burrasca" a "Travolti da un insolito destino nell'azzurro mare d'agosto", prima donna candidata all'Oscar per la regia, festeggia 90 anni. Nata a Roma il 18 agosto 1928, lavora da aiuto-regista di Feedrico Fellini ne "La dolce vita" e si fa le ossa in palcoscenico. Il 1963 è l'anno d'oro: debutta come regista al cinema e le viene affidata la riduzione tv del Giornalino di Gian Burrasca, ruolo che affida a Rita Pavone. Con Giancarlo Giannini e Mariangela Melato trionfa in "Mimì metallurgico ferito nell'onore" (1972) e due anni dopo in "Travolti...". Con l'amico Giannini dividerà l'avventura all'Oscar (ben 4 candidature tra cui quella per la regia e quella per il miglior attore) di "Pasqualino Settebellezze" (1975). Con lo scenografo Enrico Job dividerà invece la vita in un sodalizio coniugale e professionale durato fino alla morte di Job nel 2008. Pluripremiata, ha ricevuto il David di Donatello alla carriera nel 2010.

LE FOTO

Musica: "Elvis Week", Lisa Marie canta in video col padre

Una mostra incentrata sulla carriera di Lisa Marie Presley e una festa in occasione dell'uscita di un album di canzoni gospel del padre, Elvis Presley, sono tra gli eventi salienti della Elvis Week di quest'anno a Memphis, nel Tennessee. E, summa dei due eventi, un video, realizzato e distribuito dalla stessa Lisa Marie, in cui la figlia canta idealmente insieme al padre il gospel 'Where No One Stands Alone', che è anche la title track dell'album postumo del Re del Rock. Padre e figlia si alternano cantando sulla base del pianoforte e della pedal steel guitar della ballata, che, nella versione originale, è apparsa per la prima volta nell'album 'How Great Thou Art' del 1967. Elvis Presley è morto 41 anni fa, il 16 agosto 1977, proprio a Memphis. Da allora, ogni anno, i fan si recano in una sorta di pellegrinaggio a Graceland, la maestosa tenuta dove Elvis visse a lungo e dove è sepolto, per celebrare la vita, i film e la musica del King of Rock'n'roll. La 'Elvis week' ha preso il via ufficialmente giovedì 9 agosto, con una serie di mostre e le immancabili esibizioni di artisti che portano sul palco un loro tributo. C'è anche un'asta di memorabilia e, soprattutto, la 'Candlelight Vigil', la fiaccolata che inizia la sera del 15 agosto, ovvero la notte prima del suo anniversario di morte, e termina la mattina del 16, trasformandosi in una veglia a lume di candela. L'evento conclusivo sarà un concerto al Graceland Soundstage il 18 agosto. (ANSA).

Musica: Rod Stewart, 50 anni palco tra calcio e risate

(ANSA-AP) - ROMA, 10 AGO - Sir Roderick David Stewart, detto Rod, è tornato. Doppiati i 50 anni di carriera, con sulle spalle l'ingombrante fardello di 100 milioni di dischi venduti in tutto il mondo, non ha alcuna intenzione di appendere il microfono al chiodo. E il prossimo 28 settembre ha annunciato sui social media l'uscita di un nuovo lavoro, il trentesimo album in studio, che si chiamerà 'Blood Red Roses'. "Ho sempre voluto fare un disco per pochi amici - ha aggiunto lo stesso 'Rod the mod' commentando il post - e questo disco ha proprio quell'intimità. La sincerità e l'onestà sono di grande aiuto nella vita, e la stessa cosa vale quando si scrive una canzone". "Lavorare ai cinque American Songbook mi ha un pò impigrito - spiega il cantante, riferendosi agli album usciti tra il 2002 e il 2010 - Probabilmente perché erano tutte cover, anche se di canzoni meravigliose. Forse è per quello che quando ho chiuso quella parentesi ho iniziato a lavorare sulla mia autobiografia. Si chiama 'Rod' e, a proposito, è ancora disponibile nei negozi", scherza. Insomma, la passione di Rod è rifiorita e ricominciare a scrivere canzoni è stato naturale: "Mi sono guardato indietro, ho ripercorso gli anni passati con la mia famiglia e gli amici. E c'erano un sacco di canzoni da scrivere. E' stato semplicemente un nuovo inizio". A 73 anni Rod Stewart mantiene una forma invidiabile. Grazie anche a una passione mai sopita: "Il calcio. Adoro il calcio. L'ho giocato, l'ho studiato, l'ho guardato per tutta la vita. Gioco ancora un poco e ammetto, lo faccio molto seriamente". Quanto potrà andare avanti? "Questa è una domanda da un milione di dollari - risponde senza trattenere una risata -. Mi diverto, mi emoziono e finché proverò tutto questo penso di poter andare avanti. Diciamo almeno per altre tre settimane". Se il calcio aiuta il fisico, per lo spirito la ricetta di 'Rod the mod' è un'altra: i figli. "Avere bambini piccoli aiuta, io ne ho otto. Aiutano a farti restare con i piedi per terra". "Mi fanno divertire tutto il giorno - spiega ancora -, mi fanno sorridere. E credo sia questo il segreto della longevità: riuscire a sorridere tutto il giorno". In forma e sorridente, tanto basta a diventare un sex symbol? "E' una definizione che odio. Non ho mai fatto nulla di proposito per attirare il sesso opposto. Credo sia qualcosa che arriva con la musica. La musica stessa è molto sensuale e vibrante. Quindi, se faccio qualcosa sul palco che viene vista come sensuale - scoppia a ridere -, è semplicemente per caso". Del resto, conclude, "faccio il lavoro più bello del mondo, e non lo do mai mai per scontato. Lo so che è un vecchio cliché, ma lo è davvero. Anche Trump pensa di fare un bel lavoro, ma il mio è veramente eccezionale".