Tv: Manuel Agnelli, mio ciclo a X Factor è finito

(ANSA) - MILANO, 7 DIC - E' stata la serata della semifinale, quella andata in scena ieri dalla X Factor Arena di Milano, ma anche quella dell'addio inaspettato di Manuel Agnelli al talent show di Sky. "Questa sarà la sua ultima edizione di X Factor - ha detto la voce degli Afterhours - ho chiuso un ciclo. Il mio percorso si chiude qui". La decisione ha lasciato a bocca a aperta il pubblico di Strafactor, l'appendice post live presentata da Daniela Collu. Pare che la decisione di Agnelli fosse presa già prima della puntata di ieri, certo è però, che lo svolgimento della gara, che ieri ha visto l'eliminazione di Martina Attili al termine della prima manche, non ha giovato all'umore del giudice che ha commentato l'esclusione della sua concorrente con un polemico "avete fatto un capolavoro", rivolto ai...

Gallerie

Tv: Manuel Agnelli, mio ciclo a X Factor è finito

(ANSA) - MILANO, 7 DIC - E' stata la serata della semifinale, quella andata in scena ieri dalla X Factor Arena di Milano, ma anche quella dell'addio inaspettato di Manuel Agnelli al talent show di Sky. "Questa sarà la sua ultima edizione di X Factor - ha detto la voce degli Afterhours - ho chiuso un ciclo. Il mio percorso si chiude qui". La decisione ha lasciato a bocca a aperta il pubblico di Strafactor, l'appendice post live presentata da Daniela Collu. Pare che la decisione di Agnelli fosse presa già prima della puntata di ieri, certo è però, che lo svolgimento della gara, che ieri ha visto l'eliminazione di Martina Attili al termine della prima manche, non ha giovato all'umore del giudice che ha commentato l'esclusione della sua concorrente con un polemico "avete fatto un capolavoro", rivolto ai colleghi giudici. "È una cosa che avevo deciso ancora prima dell'eliminazione di Martina - ha però aggiunto Agnelli - quindi l'avrei detto comunque".

Retrospettiva dedicata a Banksy per prima volta in Spagna

(ANSAmed) - MADRID, 6 DIC - 70 opere di Banksy, una personale di uno dei più grandi artisti contemporanei per la prima volta in Spagna. Sarà da oggi al prossimo 10 marzo allo Spazio 5.1 del parco feriale Ifema di Madrid. Si tratta di 'Banksy, Genius o Vandal?', una retrospettiva non autorizzata dallo stesso artista, contrario a ogni tipo di mercificazione dell'arte. In mostra opere, oggetti, fotografie e video di alcuni dei murales più celebri realizzati da Banksy in giro per il mondo, nell'itinerario organizzato da Sold Out, in collaborazione con IQ Art Management, che ne danno notizia. Esposte fra maggio e settembre a Mosca, le opere provengono da collezioni private, in collaborazione con la Lilley Fine Art/Contemporary Art Trader Gallery e favoriscono un'immersione nell'universo immaginario del misterioso universo del graffitaro. Fra i lavori esposti, opere della serie The Walled Off Hotel, realizzate dallo street artist lo scorso anno a Betlemme, con vista sul muro israeliano che circonda la città. (ANSA).

Pausini-Antonacci, due 'fratelli' in giro per 10 stadi

(ANSA) - Dieci stadi per cementare un rapporto di amicizia e di lavoro che risale negli anni e si è recentemente rinsaldato con il singolo 'Il coraggio di andare'. Laura Pausini e Biagio Antonacci uniscono le forze per un tour estivo nelle più grandi arene all'aperto d'Italia, a partire dal San Nicola di Bari il 26 giugno per finire il 1 agosto alla Fiera di Cagliari. I due artisti l'hanno annunciato oggi a Milano, presentando le tappe che li porteranno anche a Roma (29/6), Milano (4/7), Firenze (8/7), Bologna (12/7), Torino (17/7), Padova (20/7), Pescara (23/7) e Messina (27/7). "Manca la Campania - nota Pausini, presentando il tour, oggi a Milano, con l'amico e collega - Lanciamo un appello: fateci andare al San Paolo di Napoli o al limite a Salerno, ci crediamo ancora". Il tour non nasce da un bisogno commerciale: "Quando si ha una storia alle spalle, non si teme la concorrenza - dice Antonacci - E' normale che nel pop ci sia del ricambio generazionale, anche noi siamo stati parte di un ricambio. Ma oggi facciamo cose più grandi di prima, e ci permettiamo un tour negli stadi senza un disco di inediti". "Non c'è stato niente di marketing - ribadisce Pausini - E' un desiderio di tornare alle origini, quasi ai pianobar: siamo due amici che vanno a cantare insieme per le persone che ci hanno portato qua sopra". Un'amicizia che risale al Festival di Sanremo del 1993, il primo da 'big' di Antonacci e il primo, trionfale, da 'nuova proposta' per Pausini: "Le mandai un telegramma per dirle che era la migliore", ricorda Antonacci. "Tra di noi c'è un'unione quasi fraterna - aggiunge Pausini - Non abbiamo bisogno di spiegarci, lui c'è quando vinco o quando perdo, e questa cosa mi fa sentire protetta". Il senso di intesa dovrebbe vedersi anche sul palco, che i due divideranno per tutta la durata degli show e sul quale si scambieranno repertori, tra brani scritti da uno per l'altra, come 'Tra te e il mare', 'Vivimi' o 'Lato destro del cuore', e chicche di Antonacci adorate dalla romagnola come 'Sei', 'Se tornerai' o 'L'amore comporta'. "Sarà uno spettacolo pieno di gioia e di vita - dice Antonacci - Restituire sarà la parola d'ordine". Il tour, nelle speranze degli artisti, potrebbe avere anche un'espansione in America Latina, dove Pausini è una star, reduce com'è dal suo quarto Latin Grammy: "Quando hanno detto il mio nome mi sono sentita la bandiera tricolore addosso: in questi ultimi anni sono diventata più fragile, sento bisogno di protezione e carezze, e ne ricevo molte dal pubblico, non sempre da chi lavora intorno a me". Il 7 dicembre Laura Pausini pubblicherà inoltre l'edizione speciale del suo ultimo disco 'Fatti sentire ancora', contenente il duetto con Antonacci, il DVD del concerto di luglio al Circo Massimo e un libro-magazine di 100 pagine scritto dalla cantante con immagini dietro le quinte in studio e in tour: "Quando avevo iniziato a scrivere il disco avevo già chiesto una rivista, perché a Miami ne avevo visto una simile fatta da una collega. Non racconta la parte tecnica ma cosa è successo mentre scrivevo e realizzavo le canzoni, mentre le portavo in giro: un racconto, insomma".

Incassi cinema, primo Bohemian Rhapsody

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - Bohemian Rhapsody, il film biopic sull'ascesa al successo dei Queen dal 1970 allo storico concerto 'Live Aid' nel 1985, dopo aver conquistato i cinema in nord America, si posiziona in vetta alla classifica delle sale italiane registrando un incasso di 5.413.562 euro. Segue la new entry Il Grinch nuovo adattamento firmato da Scott Mosier e Yarrow Cheney, del racconto per bambini scritto nel 1957 dal Dr.Seuss con il cattivo verde che odia il Natale: 1.805.844. Altra new entry sul terzo gradino, Se son rose di e con Leonardo Pieraccioni, con 1.658 464 euro. Scende dalla vetta fino al quarto posto I crimini di Grindelwald, sequel di Animali fantastici che ottiene 961.328, 11.752.119 totali. Segue l'altro blockbuster Usa Robin Hood- l'origine della leggenda di Otto Bathurst con 492.880 (1.530.046). Totale incassi del week end, 11.924.198, +63% rispetto al precedente fine settimana (7.322.782) +33,01 rispetto al 2017 (8.964.780), 11.131.225 per la top ten, +49,71% rispetto all'anno precedente (7.435.319).

Addio Ennio Fantastichini a Casa del Cinema

(ANSA) - ROMA, 2 DIC - La Casa del Cinema a Roma ospiterà domani, lunedì 3 dicembre, il saluto di amici, parenti, appassionati e normali spettatori a Ennio Fantastichini, il popolare attore scomparso ieri. La camera ardente sarà aperta dalle ore 15 fino alle 19.30 e un ricordo pubblico è previsto intorno alle ore 18. Alle ore 20 in sala Kodak verrà proiettato "Mine vaganti" di Ferzan Ozpetek con cui Ennio Fantastichini ha vinto nel 2010 il David di Donatello e il Nastro d'argento. "La casa del cinema - dice il direttore Giorgio Gosetti - è da sempre il luogo in cui si ritrova chi il cinema lo fa e di chi lo ama. Insieme a Angelo Barbagallo, Pietro Valsecchi, la famiglia e tanti amici che con lui hanno lavorato nei film, in televisione, a teatro, abbiamo voluto che fosse domani, una volta ancora, la casa di Ennio. Non per un momento soltanto di raccoglimento e di tristezza ma per un saluto caldo, affettuoso e vitale proprio come Ennio e' sempre stato e come resterà nella nostra memoria".

Raggiunto accordo affidamento figli Angelina Jolie-Brad Pitt

(ANSA) - ROMA, 1 DIC - Le star di Hollywood Angelina Jolie e Brad Pitt hanno raggiunto un accordo per l'affidamento dei loro figli: lo riporta la Bbc online, che cita l'avvocato di Jolie. La coppia, che ha sei figli di cui tre adottati, si era separata nel 2016 dopo due anni di matrimonio. Il legale non ha precisato i termini dell'accordo. Dopo l'annuncio della separazione la coppia aveva iniziato una dura battaglia per l'affidamento dei figli, durante la quale Pitt è stato anche indagato per possibili abusi su uno di loro: le indagini erano scattate per un episodio che si sarebbe verificato a bordo di un aereo privato. L'attore era stato poi assolto dall'Fbi e dal Dipartimento per i minori e la famiglia della contea di Los Angeles nel novembre 2016.(ANSA).

E' morto Sandro Mayer

ROMA, 30 NOV - È morto a Roma il giornalista Sandro Mayer, direttore del settimanale 'DiPiù' e opinionista a 'Ballando con le stelle, il programma di Milly Carlucci su Rai1. Mayer era nato a Piacenza nel 1940 e il prossimo 21 dicembre avrebbe compiuto 78 anni. Laureato in scienze politiche, è stato per vent'anni direttore del settimanale 'Gente' e dal 2004 dirigeva alcune testate di Cairo Editore. (ANSA) - ROMA, 30 NOV - (ANSA).

IL LUTTO

Bertolucci: apre la camera ardente, arrivano Veltroni e Storaro

Vittorio Storaro, Walter Veltroni, Ignazio Oliva, il vicesindaco e assessore alla Cultura Luca Bergamo, Piergiorgio Bellocchio, e una prima classe del liceo scientifico Avogadro di Roma sono stati fra i primi a rendere omaggio a Bernardo Bertolucci, nella camera ardente allestita nella sala della Protomoteca al Campidoglio. Accanto alla bara aperta, con le corone del presidente della Regione Lazio e della sindaca di Roma ci sono gli amici e i famigliari del regista (foto Ansa)