Giffoni Film Festival, Anastasio primo talent musicale

(ANSA) - NAPOLI, 17 APR - Sarà Anastasio il primo talent musicale della 49/a edizione del Giffoni Film Festival, in programma a Giffoni Valle Piana (Salerno) dal 19 al 27 luglio. Dopo le tappe primaverili (13 sold out) del suo tour nei club, il cantautore e rapper si esibirà il 19 luglio in uno spettacolo live aperto al pubblico. Il suo primo singolo, "La fine del mondo", ha già conquistato la certificazione Fimi di disco di platino. Nel 2018 erano stati 21 i live che hanno riunito migliaia di giurati, giffoners, famiglie e pubblico in Piazza Lumière. E quest'anno Giffoni è pronto a offrire un nuovo grande programma dei migliori talenti musicali. È in piena lavorazione anche il programma della Masterclass Music&Radio, a cui hanno già aderito decine di giovani, e i tradizionali Meet The Stars riservati al...

Gallerie

Giffoni Film Festival, Anastasio primo talent musicale

(ANSA) - NAPOLI, 17 APR - Sarà Anastasio il primo talent musicale della 49/a edizione del Giffoni Film Festival, in programma a Giffoni Valle Piana (Salerno) dal 19 al 27 luglio. Dopo le tappe primaverili (13 sold out) del suo tour nei club, il cantautore e rapper si esibirà il 19 luglio in uno spettacolo live aperto al pubblico. Il suo primo singolo, "La fine del mondo", ha già conquistato la certificazione Fimi di disco di platino. Nel 2018 erano stati 21 i live che hanno riunito migliaia di giurati, giffoners, famiglie e pubblico in Piazza Lumière. E quest'anno Giffoni è pronto a offrire un nuovo grande programma dei migliori talenti musicali. È in piena lavorazione anche il programma della Masterclass Music&Radio, a cui hanno già aderito decine di giovani, e i tradizionali Meet The Stars riservati al pubblico, che l'anno scorso hanno totalizzato più di 8mila presenze.

Musica: un francobollo per Nilla Pizzi

ROMA, 16 APR - E' stato emesso un francobollo italiano dedicato alla ''regina'' delle cantanti di musica leggera italiana: Nilla Pizzi. Il francobollo, valido per la posta ordinaria, ricorda i cento anni dalla nascita, avvenuta nel 1919 a Sant'Agata Bolognese in una famiglia contadina. Adionilla (Nilla) Pizzi era destinata a diventare una sartina, ma la sua voce straordinaria le apri' invece una grande carriera nel mondo dello spettacolo: la svolta decisiva avvenne nel 1943 quando superò un concorso per voci nuove indetto dall'EIAR (Ente Italiano Audizioni Radiofoniche). Proprio in questa occasione fece la conoscenza del maestro Angelini, della cui orchestra entrerà poi a far parte e che avrebbe avuto uno straordinario ruolo sia sentimentale che professionale nella sua vita. Con gli anni '50 comincio' la strepitosa serie delle vittorie al festival di Sanremo con canzoni di straordinario successo come ''Grazie dei fiori'', ''Vola colomba'', ''Papaveri e papere'', ''L'edera'': una carriera che le apri' anche la strada del cinema. Insignita nel 2002 del titolo di Grande Ufficiale al merito della Repubblica Italiana, Nilla Pizzi è morta a Milano nel 2011. (ANSA).

Leonardo: apre a Torino la mostra 'Disegnare il futuro'

Torino partecipa alle celebrazioni per i 500 anni dalla morte di Leonardo da Vinci, che cadono proprio oggi, con l'inaugurazione di una grande mostra ai Musei Reali, aperta fino al 14 luglio. Esposti due tra i simboli dell'arte e del pensiero scientifico del maestro, il celebre Autoritratto e il Codice sul volo degli uccelli donato da Teodoro Sabachnikoff al Re Umberto I nel 1893. La mostra, che si intitola 'Leonardo Da Vinci. Disegnare il futuro', "focalizza l'attenzione sul disegno di Leonardo mettendo in dialogo i suoi lavori con analoghe esperienze di altri grandi del tempo, ma anche contemporanei come i 3 artisti che accompagnano l'Autoritratto nell'ultima sala della mostra, Luigi Ontani, Alberto Savinio e Salvo", spiega Pietro Folena, presidente dell'associazione Metamorfosi che ha allestito la mostra. (ANSA).

Beni artistici: recuperati quadri rubati a Castello Agliè

(ANSA) - TORINO, 11 APR - Ritornano al castello di Agliè (Torino) tre dipinti settecenteschi rubati il 24 ottobre 1980 insieme ad altre 29 opere. I quadri sono stati recuperati dai carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, che li hanno individuati a seguito di controlli periodici effettuati sui siti web delle case d'asta e dedicati al commercio di beni d'arte. Si tratta di tre dipinti degli artisti Angelo Maria e Giovanni Crivelli, padre e figlio, attivi per i Savoia a Stupinigi e autori di scene di caccia e di cortile per la committenza piemontese, ligure ed emiliana. Rubate nel 1980 e vendute sul mercato nero, le opere vennero acquistate da un collezionista emiliano a pochi mesi dal loro furto e custodite in un'abitazione privata sino al 2017, quando sono comparse sul mercato presso una nota case d'aste lombarda. I carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale hanno comparato le immagini e la descrizione complessiva delle opere con la Banca dati dei beni culturali illecitamente sottratti, il più completo archivio di opere d'arte rubate esistente al mondo. Sino ad oggi, dei 32 quadri trafugati quarant'anni fa ne sono stati recuperati 22.(ANSA).

Musica: Gino Paoli, non mi sono mai stancato di cercare

(ANSA) - MILANO, 9 APR - Si intitola 'Appunti di un lungo viaggio' il nuovo doppio album di Gino Paoli, in uscita il 19 aprile, con il quale il cantautore celebra i sessant'anni di carriera. Il primo cd è 'Canzoni interrotte' e raccoglie nuovi brani inediti, con gli arrangiamenti di Danilo Rea e il contributo della Roma Jazz String Orchestra. Nel secondo, invece, 'I ricordi', ci sono alcuni dei più celebri successi di Paoli rivisitati con Rita Marcotulli, Alfredo Golino e Ares Tavolazzi. "Quando si sente che è il momento - ha detto Gino Paoli - si deve andare avanti a cercare, e io non mi sono mai stancato di farlo". (ANSA).

Musica: Fedez, basta tour vado a Los Angeles

MILANO, 9 APR - "Dovevamo fare l'Arena e non si fa più, dovevamo fare la seconda data al Forum di Assago a maggio e non si farà più perché io sarò a Los Angeles e non ha senso tornare per una data: ho un sacco di altre cose da fare ed era giusto chiudere così". Fedez ha annunciato che terminate le tre date restanti del tour iniziato dopo il lancio dell'ultimo disco, 'Paranoia Airlines', si fermerà per un po' per dedicarsi ad altri progetti. Ieri sera era al Forum di Assago (sold out, ha detto), sabato 13 sarà a Padova e domenica 14 a Conegliano. "Quindi probabilmente mi fermerò, come ogni altro ciclo vitale questo disco aveva il suo ed è finito - ha detto nel camerino prima dell'inizio del concerto -. Quanto mi fermerò? Non lo so, davvero non lo so, farò tante cose, ne ho tante in ballo, di sicuro per il tour non faccio più niente". Fedez, Federico Leonardo Lucia, 30 anni il prossimo ottobre, sposato con Chiara Ferragni (imprenditrice, spesso negli Stati Uniti) e padre di Leone (nato un anno fa a Los Angeles), ha spiegato di aver tanti progetti in ballo oltre la musica. (ANSA).

Musica: David Garrett, il 15 settembre all'Arena di Verona

ROMA, 8 APR - David Garrett annuncia "Unlimited - Greatest Hits - Live", un nuovo tour mondiale con cui celebrerà i suoi dieci anni di crossover tra pop, rock e musica classica. In Italia farà tappa il 15 settembre all'Arena di Verona. Sin dagli esordi della sua carriera, "il violinista del diavolo" non ha mai permesso ai limiti dei vari generi musicali di contenerlo. Dunque "Unlimited" è ben più del titolo di un tour: è la sua filosofia di vita. Con le sue interpretazioni inebrianti di successi rock come "Purple Rain" o "Smells Like Teen Spirit", i suoi struggenti adattamenti di inni come "Nothing Else Matters" o "November Rain", la sua interpretazione di brani pop celebri in tutto il mondo, come "Viva la vida" o "Hey Jude", e i suoi arrangiamenti di melodie classiche come la "Sinfonia n. 5" di Beethoven o "Clair de Lune" di Debussy, Garrett è riuscito ad entusiasmare il pubblico. "Non vedo davvero l'ora di partire in tour - ha detto -, ora più che mai, voglio accompagnare i miei fan in un emozionante viaggio musicale. Insieme alla mia band, ai miei amici e ai miei fan, voglio celebrare la musica e gli ultimi 10 anni".

Claudio Magris, il cantore della cultura mitteleuropea

(ANSA) - ROMA, 7 APR - Lo studio serio, ma mosso da una sempre viva curiosità intellettuale e guidato da una fedeltà a se stesso, con l'uso costante della ragione non però disgiunta dal sentimento, da un umano sentire, sono le qualità che rendono la figura e il lavoro di Claudio Magris, saggista e scrittore che il 10 aprile compie 80 anni, importante per la seconda metà del '900, ma ancor più per questo inizio di nuovo millennio segnato dal tracimare di arroganza e presunzione oltre tutti i livelli di guardia, che si collega alla fine della memoria, alla scomparsa degli ultimi testimoni delle tragedie del secolo breve ma anche alla sottovalutazione dello studio della storia. Docente di lingua e letteratura tedesca all'Università di Trieste, poi a Torino negli anni '70 e poi nuovamente a Trieste, ha scritto opere importanti come Il mito asburgico nella letteratura austriaca moderna, Danubio, Alla cieca, Non luogo a procedere, Microcosmi (Premio Strega 1997). In questi giorni Garzanti pubblica i racconti di Tempo curvo a Krems.

Viaggio con Goethe nell'arte di Schwarz

Dal viaggio in Italia di Goethe, dalla riscoperta a Roma del poeta tedesco dell'Universitas della vita, ovvero al sentimento di un umanesimo classico e universale, dall'idea che l'Italia incarni l'armonia tra spirito e sensi, l'equilibrio classico le cui radici sono nella civiltà greca e romana, deriva l'incipit della mostra "Utopia di un viaggio con Goethe" a cura di Giuseppe Ussani d'Escobar, allestita dal 6 aprile negli spazi del Museo Venanzo Crocetti a Roma: 40 dipinti sull'Italia dell'artista Gerhard Schwarz, che sin dagli anni giovanili studente ad Heidelberg, scopre di frequentare i luoghi dai quali è passato Goethe, intrecciando così con lui un dialogo silenzioso e misterioso che in qualche modo segna il suo carattere e la sua vita. La mostra è organizzata dalla società Sphaerica con il patrocinio dell'Ambasciata della Repubblica Federale di Germania in Italia, dell'Istituto Culturale dell'Iran in Italia, della Regione Lazio e dell'Ucoii (Unione delle Comunità Islamiche Italiane). (ANSA).

Morto Cesare Cadeo, showman e politico

(ANSA) - MILANO , 5 APR - È morto a 72 anni Cesare Cadeo, gentiluomo della televisione e della politica. Come giornalista e conduttore ha partecipato a svariate trasmissioni: da Superflash con Mike Bongiorno a Gol con Enzo Bearzot, a Mai dire Gol. Il suo impegno ha però riguardato anche la politica. A Milano è stato assessore provinciale allo sport nella giunta di centrodestra guidata da Ombretta Colli e poi presidente di Milanosport. Malato da tempo, sposato con Lalla dal 1973, lascia tre figli.