Elena Sofia Ricci, amo i percorsi a ostacoli

TAORMINA, 30 GIU - Una carriera costruita senza pregiudizi tra cinema, teatro, televisione e radio, guidata dalla "voglia di sfuggire alle etichette. Io non amo stare troppo a fare la stessa cosa, mi piace crearmi percorsi a ostacoli. E Loro è stata una di quelle sfide che amo. Mi ha messo in difficoltà, mi ha portato a mettermi in discussione, ho dovuto alzare l'asticella e fare un salto bello alto". Lo dice sorridendo e con l'abituale garbo Elena Sofia Ricci, che per la sua straordinaria performance nei panni di Veronica Lario, nel doppio film di Paolo Sorrentino su Silvio Berlusconi, ha vinto il Nastro d'argento come miglior attrice protagonista. Un successo che arriva qualche giorno dopo l'annuncio della messa in onda su Rai1 nella prossima stagione di Che Dio ci aiuti 5 ("stiamo già girando, quelli di...

Gallerie

Elena Sofia Ricci, amo i percorsi a ostacoli

TAORMINA, 30 GIU - Una carriera costruita senza pregiudizi tra cinema, teatro, televisione e radio, guidata dalla "voglia di sfuggire alle etichette. Io non amo stare troppo a fare la stessa cosa, mi piace crearmi percorsi a ostacoli. E Loro è stata una di quelle sfide che amo. Mi ha messo in difficoltà, mi ha portato a mettermi in discussione, ho dovuto alzare l'asticella e fare un salto bello alto". Lo dice sorridendo e con l'abituale garbo Elena Sofia Ricci, che per la sua straordinaria performance nei panni di Veronica Lario, nel doppio film di Paolo Sorrentino su Silvio Berlusconi, ha vinto il Nastro d'argento come miglior attrice protagonista. Un successo che arriva qualche giorno dopo l'annuncio della messa in onda su Rai1 nella prossima stagione di Che Dio ci aiuti 5 ("stiamo già girando, quelli di suor Angela sono panni molto comodi è bello tornarci, sul quel set siamo come una famiglia"). Per lei, che di Nastri ne aveva già vinti due come attrice non protagonista con Io e mia sorella (1988) e Mine Vaganti (nel 2010, insieme a Lunetta Savino), "questo premio (che dedica, emozionandosi, alla madre) ha un altro sapore, è inaspettato. Non pensavo che sarebbe arrivata un'opportunità così straordinaria e diversa, come il film di Paolo, in un'età nella quale invece i bei ruoli da protagonista diventano molto meno frequenti". Si trattava di interpretare "non un personaggio, ma una persona, che c'è. Ho sentito fortissimo il senso di responsabilità di ritrarre una donna che ha sempre messo in primo piano la discrezione e la riservatezza. Mi sono avvicinata al compito con rispetto e pudore". Nell'impersonarla, "ci ho messo anche molto cuore, facendo appello a quei momenti della vita che molti di noi conoscono, come l'affrontare il fallimento di un matrimonio nel quale sono nati dei figli, recuperando il senso della propria dignità. In certi tratti si possono riconoscere molte donne, ma anche molti uomini, che forse sono stati dalla sua parte". Essere sul quel set, "in quell'atmosfera di concentrazione che sa creare Paolo è stata una delle emozioni più grandi della mia carriera". Ha avuto modo di incontrare Veronica Lario? "Solo una volta nella hall di un albergo, ci siamo viste da lontano e lei mi ha fatto un cenno di saluto, mi piacerebbe molto poterla incontrare... sapere se è contenta della mia interpretazione...". Ora per l'attrice, oltre a un progetto ancora top secret, c'è la ripresa della tournée in Vetri rotti di Arthur Miller e la preparazione di una regia teatrale "un po' folle. Io ho iniziato in palcoscenico, e ci torno tutte le volte che sento il bisogno di rimettermi alla prova". C'è anche un soggetto scritto da lei, che potrebbe diventare un film: "E' una storia molto nera, un thriller psicologico, su una donna affetta da una rara psicopatologia, un tema che mi affascina. Vorrei realizzarlo come autrice e interprete, ma non come regista". Cosa pensa del movimento metoo? "Lo scandalo è esploso come una pentola a pressione ed è stato un bene, per attirare l'attenzione su certi temi. Ma non si può generalizzare e ci sono moltissime sfumature. Il punto di riferimento, ed è quello che sto cercando di insegnare anche alle mie figlie, è il rispetto per se stessi. Se non ce l'hai, non lo avranno verso di te neanche gli altri. Poi la parola femminismo mi fa paura quanto la parola maschilismo. Si parla di persone, che vanno rispettate".

Cinema: otto volte Dogman, Garrone sbanca ai Nastri

(ANSA) TAORMINA 30 GIU - 'A Dogman' di Matteo Garrone otto Nastri d'argento, ovvero: miglior film dell'anno, regia, produzione, scenografia, sonoro, montaggio (ex aequo con Chiamami col tuo nome di Luca Guadagnino), casting director e attori protagonisti Marcello Fonte e Edoardo Pesce. Si difende a Loro di Paolo Sorrentino a cui vanno sceneggiatura e Nastri agli attori Elena Sofia Ricci, Kasia Smutniak e Riccardo Scamarcio. 'Come un gatto in tangenziale' è la commedia dell'anno mentre Ammore e malavita vince per musica e canzone.(ANSA).

Nastro a Come un gatto in tangenziale

TAORMINA 29 GIU - E' 'Come un gatto in tangenziale' di Riccardo Milani la commedia dell'anno che fa l'en plein ai Nastri d'Argento 2018 con un verdetto che vede vincitori anche i due protagonisti: Paola Cortellesi e Antonio Albanese che hanno ottenuto rispettivamente il premio come miglior attrice e attore di commedia. Questa solo un'anticipazione del sindacato dei Giornalisti Cinematografici (Sngci) sul verdetto finale dei Nastri d'Argento che saranno consegnati domani al Teatro Antico di Taormina. "Il nostro Gatto - dice Milani - vince tre Nastri d'Argento e io sono felice e orgoglioso che dopo essere stato così apprezzato dal pubblico in sala, sia stato amato e sostenuto dai giornalisti cinematografici e critica. E' quello che tento di fare ogni volta che giro un film - continua il regista - , raccontare con umorismo, contraddizioni e lacerazioni del nostro Paese, avendo sempre come riferimenti primari il pubblico e la qualità". (ANSA).

Musica: Billy Idol, cancellata data di Padova

(ANSA) - ROMA, 28 GIU - Una sinusite e un forte raffreddore hanno messo ko Billy Idol. Il cantante dopo avere annullato un concerto in Germania, nonostante le cure è stato costretto a cancellare anche la data di Padova di questa sera, 28 giugno. Billy Idol ha inviato le sue più sincere scuse a tutti i fan che avrebbero partecipato al concerto e, insieme al suo team, ringrazia per il sostegno e la comprensione. (ANSA).

Turismo: Airbnb lancia in tutta Italia le sue Experience

(ANSA) - ROMA, 27 GIU - Natura, sport, arte, intrattenimento, artigianato, cooking class, tour o meditazioni al tramonto. Airbnb lancia in tutta Italia il suo nuovo settore Experience: oltre 1500 proposte già on line per scoprire città, borghi, campagne e specialità condividendo attività con gli abitanti del luogo. Prenotabili con un clik da smartphone e pc (prezzo medio 53 euro, 20% va ad Airbnb), le nuove Experience cavalcano il trend in crescita del turismo esperienziale. Per i turisti, soprattutto stranieri, è un'occasione rara per scoprire la vera essenza del paese (in Italia è boom per ogni attività legata al cibo, con il 57% di prenotazioni). Per gli host, un modo per diversificare il proprio business, allargare il portfolio con nuovi clienti che potranno acquistare i loro prodotti e promuovere il vero Made in Italy. Chiunque può proporre un'esperienza, privati, aziende, Onlus, anche senza essere host di case. Airbnb è però molto attenta alla qualità delle proposte e in alcuni casi può chiedere l'abilitazione necessaria. (ANSA).

Teatro: Montesano torna Rugantino 40 anni dopo al Sistina

ROMA - ''Non sono riuscito a dire di no''. Cosi Enrico Montesano, 40 anni dopo, torna a vestire i panni di ''Rugantino'', riportando la celebre commedia musicale di Garinei e Giovannini in scena proprio al Sistina dal 20 dicembre per tutte le feste di Natale, tra i titoli di punta della prossima stagione del palcoscenico romano. ''In fondo anche Soleri ha indossato la maschera di Arlecchino fino a 80 anni - scherza l'attore - E Rugantino è la maschera romana per eccellenza, che poi diventa lo sberleffo al prepotente francese. E come vedete gli anni passano, ma i caratteri non cambiano'', dice citando il presidente Macron. Tra gli altri titoli al Sistina (4 musical e 4 commedie), ''Mamma mia!'', ''Jesus Christ Superstar'' e ''The school of rock'' con Lillo, tutti diretti da Massimo Romeo Piparo, ma anche il nuovo ''Con tutto il cuore'' di Vincenzo Salemme, tra risate e cucina ''Belle ripiene'' con Rossella Brescia, Tosca D'Aquino, Samuela Sardo e Roberta Lanfranchi, Michele La Ginestra con ''E' cosa buona e giusta'' e ''Peter Pan Il musical'' dove Piparo promette ''una sera avremo anche Edoardo Bennato''.

Cinema: C'era una volta Sergio Leone, grande mostra a Parigi

(ANSA) - BOLOGNA, 25 GIU - "C'era una volta Sergio Leone": si chiama così una grande mostra organizzata a Parigi, dal 10 ottobre 2018 al 27 gennaio 2019, con cui la Cinémathèque Française e la Cineteca di Bologna celebrano il grande regista che ha portato alla stima internazionale il genere spaghetti-western. Le due cineteche lo annunciano al festival Il Cinema Ritrovato in corso a Bologna, poco prima della proiezione, domani in piazza Maggiore, del capolavoro "C'era una volta il West" (1968), per festeggiare i 50 anni del film. La mostra sarà l'evento centrale dell'omaggio che la Cinémathèque Française dedicherà al regista e che comprende anche una retrospettiva e la pubblicazione del volume "La rivoluzione Sergio Leone", a cura di Gian Luca Farinelli e Christopher Frayling. La Cineteca di Bologna lavora da anni sul cinema di Leone con i restauri dei suoi film (come quello di Per un pugno di dollari, presentato da Quentin Tarantino a Cannes nel 2014 per i 40 anni del film) e diverse altre mostre e pubblicazioni.

Aste: 'pistola laser' di Han Solo venduta per 470.000 euro

ROMA - Una 'pistola laser' usata da Harrison Ford nel film "Il ritorno dello Jedi", dove impersonava Han Solo, è stata battuta all'asta a New York per oltre 470.000 euro. Lo riferisce la Bbc. La 'pistola', di legno, è rimasta in possesso del direttore artistico del film, James Schoppe, a suo tempo candidato all'Oscar per la pellicola. La 'pistola' di Han Solo strappa il record alla 'spada laser' utilizzata da Mark Hamill (Luke Skywalker) nei primi due film della saga, che venne venduta per oltre 386.000 euro.

Cinema: a Londra la prima retrospettiva Gb su Bellocchio

(ANSA) - LONDRA, 23 GIU - Il regista Marco Bellocchio torna a Londra con la prima retrospettiva britannica dedicata ai suoi capolavori. L'evento, dal titolo 'Satira e moralità: il cinema di Marco Bellocchio', si svolge dall'1 al 31 luglio, ed è stato organizzato da Istituto Luce Cinecittà, British Film Institute, Istituto italiano di cultura in collaborazione con la Salle Lumière, e curato da Adrian Wootton, amministratore delegato di Film London. Nel corso della rassegna verranno proiettati tutti i film del maestro italiano, quattro dei quali sono stati digitalizzati per l'occasione. Bellocchio è molto legato alla capitale del Regno Unito. È qui infatti che ha mosso i primi passi di quella che sarebbe stata la sua prima grande avventura nel cinema, come giovane studente della Slade School of Fine Arts, nel 1963-64. Fu allora che iniziò la scrittura di quello che sarebbe diventato uno dei più clamorosi debutti cinematografici, 'I pugni in tasca'. La retrospettiva è un'occasione unica per il pubblico inglese che può rivedere, e in molti casi scoprire, i film di un grande autore europeo. E per il cinema italiano, di mostrare una delle sue pietre più angolari ed espressive. L'Istituto Luce Cinecittà ha appositamente digitalizzato quattro lungometraggi, con la supervisione di Beppe Lanci, direttore della fotografia e storico compagno di lavoro di Bellocchio: 'Diavolo in corpo', 'La condanna', 'Il Principe di Homburg' e 'La balia'. (ANSA) Z08/ S0B QBXB

Pausini in concerto a L'Avana 26 giugno

(ANSA) - L'AVANA, 22 GIU - Laura Pausini sarà in concerto il 26 giugno a Cuba, in uno spettacolo alla Ciudad Deportiva all'Avana, stesso luogo dove i Rolling Stones suonarono il 25 marzo 2016. La Pausini canterà insieme al duo cubano Gente de Zona, con il quale l'artista ha interpretato il brano "Nadie ha dicho". La cantante italiana proporrà anche altri titoli noti del suo repertorio, ha detto Osmany López, vice presidente dell'ente statale Istituto cubano di Musica. Nadie ha dicho, reinterpretazione in lingua spagnola del brano Non è detto, è il primo singolo tratto da un nuovo album della Pausini intitolato Hazte sentir (versione spagnola dell'album Fatti Sentire) con 14 canzoni di genere pop-rock, anche se l'album esplorerà anche "nuovi stili come il reggaeton, i generi urbani e tropicali". La presentazione del nuovo lavoro di Laura Pausini a Cuba è stata organizzata dal ministero della Cultura, Artex, l'Istituto di Musica e Radio e Televisione Commerciale. Il concerto precede il tour World Wide Tour 2018, da Miami a Madrid. (ANSA).