Golf: ecco PGA Championship, torna sfida Woods-Molinari

(ANSA) - ROMA, 14 MAG - Da Tiger Woods a Francesco Molinari, i big mondiali si affrontano nel PGA Championship per sollevare al cielo il Wanamaker Trophy. A Bethpage (16-19 maggio), nello stato di New York, va in scena la centunesima edizione di un Major che, per la prima volta dal 1949, si disputa a maggio e non più ad agosto. Da "ultima" a "seconda occasione per la gloria": in palio record e leadership mondiale. Dopo il successo nel Masters Tournament Woods è l'uomo più atteso della rassegna. Il campione californiano tenterà di replicare l'impresa firmata diciassette anni fa quando diventò il sesto player nella storia del golf a conquistare i primi due tornei dell'anno del Grande Slam. Sfida nella sfida tra "Big Cat" e "Chicco" Molinari, che vuole cancellare la delusione Masters. Sarà subito testa a...

Gallerie

Golf: ecco PGA Championship, torna sfida Woods-Molinari

(ANSA) - ROMA, 14 MAG - Da Tiger Woods a Francesco Molinari, i big mondiali si affrontano nel PGA Championship per sollevare al cielo il Wanamaker Trophy. A Bethpage (16-19 maggio), nello stato di New York, va in scena la centunesima edizione di un Major che, per la prima volta dal 1949, si disputa a maggio e non più ad agosto. Da "ultima" a "seconda occasione per la gloria": in palio record e leadership mondiale. Dopo il successo nel Masters Tournament Woods è l'uomo più atteso della rassegna. Il campione californiano tenterà di replicare l'impresa firmata diciassette anni fa quando diventò il sesto player nella storia del golf a conquistare i primi due tornei dell'anno del Grande Slam. Sfida nella sfida tra "Big Cat" e "Chicco" Molinari, che vuole cancellare la delusione Masters. Sarà subito testa a testa, nei primi due round, tra l'americano e l'italiano. Entrambi dovranno fare i conti pure con Brooks Koepka, campione in carica e, per i bookmaker, tra i grandi favoriti al titolo. L'uomo degli ultimi Major (due successi nel 2018 e uno nel 2017) punta al back-to-back. L'ultimo a riuscirci fu proprio Woods nel 2006-2007. Sul green del Bethpage Black Course (dove si disputerà la Ryder Cup 2024), che per la prima volta ospita il PGA Championship, Dustin Johnson punta a difendere la leadership mondiale. Ma sono ben quattro i player che, con un trionfo, potrebbero scalzarlo dal trono. Oltre a Justin Rose, Koepka e Rory McIlroy, ad insidiarlo ecco pure Woods. Per tornare "re" Tiger deve vincere e sperare non solo che Johnson finisca fuori dai primi dieci classificati a Bethpage, ma anche che Rose e Koepka (rispettivamente numero 2 e 3 del ranking) terminino il torneo oltre la seconda posizione. Assenza pesante a New York. Con Justin Thomas (numero cinque al mondo) costretto al forfait per un infortunio al polso. "Sfortunatamente - l'annuncio dello statunitense - non sono ancora guarito. Peccato, questo torneo è davvero speciale per me". Al suo posto giocherà il connazionale Kelly Kraft. Saranno centocinquantasei i player in campo, con Jordan Spieth che darà l'assalto al titolo per coronare il sogno Grande Slam. "Dovrò dare il meglio di me - le dichiarazioni del venticinquenne di Dallas - e limitare gli errori. Solo così potrò farcela". Con cinque successi a testa Walter Hagen e Jack Nicklaus vantano il record di trionfi nel torneo. Con Woods, fermo a quattro (l'ultimo nel 2007), che dopo aver ricevuto da Donald Trump la medaglia presidenziale della libertà punta ad emulare le due leggende americane e realizzare la sedicesima impresa Major in carriera. "L'atmosfera che ci sarà a New York - le parole di Joe LaCava, caddie di Woods - sarà elettrizzante. Non riesco nemmeno a immaginarla ma sono certo che la cornice sarà unica". Nel 2018 Woods (che a Bethpage ha già vinto gli US Open 2002 superando Phil Mickelson, uno dei suoi grandi rivali di sempre) chiuse il torneo in seconda posizione a due colpi da Koepka, con Molinari sesto. Mentre il miglior risultato del piemontese - che torna in campo dopo l'uscita al taglio nell'RBC Heritage (PGA Tour) - è l'argento del 2017 (quando trionfò Thomas).(ANSA).

Premio: il 'Prisco' a Giuseppe Marotta

(ANSA) - Chieti, 13 MAG - Calda e festosa accoglienza questa mattina al Teatro Marrucino di Chieti, in occasione della cerimonia di premiazione della XVII edizione del Premio Nazionale "Giuseppe Prisco" alla lealtà, alla correttezza e alla simpatia sportiva per l'amministratore delegato dell'Inter Giuseppe Marotta, premiato come miglior dirigente dalla giuria della manifestazione. Nessun commento sul campionato, con i nerazzurri impegnati questa sera con il Chievo, ma un ricordo volentieri del compianto ex presidente interista: "Peppino Prisco ancora oggi rappresenta una icona dello sport e del calcio in particolare. I miei per questo, sono ricordi splendidi, seppur senza averlo conosciuto direttamente, di un uomo amante dello sport, che attraverso la sua ironia sottile ha ricondotto il calcio ai suoi valori più belli. Per me oggi - ha spiegato Marotta - essere qui è un grande motivo di orgoglio perché questo Premio ci riporta alla memoria una figura straordinaria del mondo del calcio e dell'Inter, essendo stato per tantissimi anni vice presidente della nostra società". Oltre a Marotta, nella categoria dirigenti, sono stati premiati oggi al Prisco Roberto De Zerbi (Sassuolo) e Federico Chiesa (Fiorentina) nelle altre due categorie Allenatori e Calciatori. Il calciatore viola era però assente e verrà premiato successivamente. La giuria d'intesa con il presidente del Comitato organizzatore Marcello Zaccagnini, ha deciso di attribuire il "Premio Speciale della Giuria" all'ex presidente dell'Inter Cav. Lav. Ernesto Pellegrini. Il Premio Speciale di Giornalismo "Nando Martellini", quest'anno alla sua XV edizione, è stato invece attribuito al giornalista di Sky Sport Maurizio Compagnoni. (ANSA).

Golf, a Sung Kang l'AT&T Byron Nelson

ROMA, 13 MAG - "Un sogno che diventa realtà". Sung Kang vince a sorpresa l'AT&T Byron Nelson superando, in un finale show, diversi big mondiali. Primo trionfo in carriera sul PGA Tour per il sudcoreano, che esulta. "Sono davvero felice - la gioia di Kang - non posso credere sia tutto vero". In Texas, a pochi chilometri da dove vive e si allena, il trentunenne di Jeju ha coronato il desiderio di una vita sportiva. Chiudendo la rassegna in 261 (-23) colpi, due di vantaggio sugli americani Matt Every e Scott Piercy, entrambi secondi con 263 (-21), al termine di un ultimo giro che ha costretto la maggior parte dei giocatori agli straordinari per via dello stop per maltempo nella terza manche. A Dallas anche Brooks Koepka, numero tre del world ranking, è stato costretto ad arrendersi di fronte allo stato di forma di Kang. Lo statunitense s'è piazzato ai piedi del podio, in quarta posizione (264, -20). (ANSA).

Calcio: Spalletti "Conte? Se lo dicono i giornali..."

MILANO - "Se giornali così importanti stanno scrivendo che il prossimo anno non sarò più sulla panchina dell'Inter avranno i loro buoni motivi". Il tecnico dell'Inter Luciano Spalletti commenta così le voci sul suo possibile addio a fine campionato, con Antonio Conte pronto a sostituirlo. "In testa ho solo l'Inter, le voci non ci spostano dall'obiettivo, ovverosia tornare di nuovo in Champions League che è fondamentale".

Basket: semifinali Nba, Houston si arrende a Golden State

(ANSA) - ROMA, 11 MAG - Golden State ha conquistato un posto nella finale di Western Conference in Nba dopo che in gara 6 ha battuto Houston con il punteggio di 118-113, portandosi così sul risultato di 4-2. I campioni in carica della Nba, e dominatori delle ultime stagioni, hanno confermato la loro forza battendo una rivale agguerrita come i Rockets, trascinati per tutta la stagione da James Harden che con le sue giocate e i suoi innumerevoli punti è stato uno dei protagonisti assoluti di questa annata. La formazione dei Warriors si è rivelata lo squadrone che tutti conoscono, con talenti strepitosi a livello individuale e un collettivo nettamente superiore alle altre squadre. Nella sfida di stanotte Golden State ha dovuto fare a meno della sua stella Kevin Durant infortunato a un polpaccio, eppure in campo nei fatti non si è notato. Steph Curry è andato a segno con 33 punti, Klay Thompson ne ha fatti 27, i texani si sono difesi come hanno potuto e a nulla è servito l'ennesimo sghow di Harden, che ha firmato 35 punti. I Warriors, alla loro quinta finale consecutiva di Conference, se la vedranno con la vincitrice della sfida tra Portland e Denver, che domani disputeranno gara 7.(ANSA).

F1 Spagna: terze libere ad Hamilton, secondo Leclerc

(ANSA) - ROMA, 11 MAG - E' di Lewis Hamilton, con un super tempo (1:16.568), il miglior tempo nella la terza e ultima sessione di prove libere a Barcellona, dove domenica si disputa il Gp di Spagna. Il pilota della Mercedes ha fissato questo tempo nel finale delle FP3 e con gomma gialla, pneumatico che invece non ha potuto testare in vista della qualifica il compagno di squadra Bottas, che dopo 35 minuti è finito nella ghiaia di curva 5 per poi tornare in pista e con gomma rossa solo negli ultimi 15 minuti di FP3: il finlandese, già il migliore del venerdì a Barcellona, ha ottenuto il terzo tempo. Secondo Leclerc su Ferrari a 0.531 (gomma rossa), quarto Vettel (0.604) sull'altra SF90 e anche lui protagonista di un testacoda nel terzo settore. Grosjean quinto con la Haas, poi Magnussen, Verstappen, Albon, Raikkonen e Sainz a chiudere la top 10. Le qualifiche sino in programma alle 15.(ANSA).

Pallavolo: Modena annuncia addio Velasco, 'chiude carriera'

MODENA, 10 MAG - Julio Velasco, 67 anni, tecnico argentino che ha cambiato la pallavolo, ha deciso di chiudere la propria carriera di allenatore. La notizia è stata annunciata dalla sua società, Modena Volley, con la quale aveva ancora un contratto di un anno. "La decisione presa da Velasco di chiudere la propria carriera da allenatore va accettata - scrive la società emiliana - come si accetta ciò che viene deciso da una persona che ha dimostrato enorme correttezza, professionalità, e passione. Velasco è stato, è e sarà per sempre un simbolo della nostra società e della nostra città ed è proprio a nome di tutta Modena che, come Modena Volley, intendiamo ringraziarlo per ciò che ha fatto come uomo e come allenatore ogni volta che è stato chiamato a rappresentarci. A metà anni ottanta Julio ha preso per mano una squadra e l'ha fatta divenire una leggenda e ha fatto si che oggi, Modena, sia unanimemente riconosciuta come culla del volley mondiale".

Giro: vigilia di attesa a Bologna, 240 volontari in campo

(ANSA) - BOLOGNA, 10 MAG - Vigilia di attesa a Bologna dove, dopo 25 anni, domani partirà la prima tappa del Giro d'Italia. Al via alle 16.50 dalla centrale via Rizzoli con la cronometro individuale che porterà i corridori fino alla Basilica di San Luca. Domenica alle 12, la carovana lascerà le Due Torri, passando per Casalecchio di Reno, alla volta della seconda tappa con arrivo a Fucecchio. I bolognesi potranno seguire il passaggio del Giro ai lati delle strade cittadine dove saranno impegnati 240 volontari della Protezione civile che vigileranno sulla sicurezza del pubblico e daranno informazioni utili. Modifiche alla circolazione nelle strade che dal cuore della città portano al Colle della Guardia, massima attenzione alle limitazioni per le auto sia in transito sia in cerca di parcheggio. Chi invece, in pieno spirito sportivo, vuole spostarsi in sella a una bici, col bike sharing Mobike potrà ottenere 'buoni pedalata' per muoversi gratis. (ANSA).

Champions: Lucas 'impossibile spiegare, ora tutto possibile'

(ANSA) - ROMA, 9 MAG - "Ora tutto e' possibile". Sembra uno spot, invece è la parola d'ordine del Tottenham. E in generale del calcio inglese, che con due rimonte incredibili si è presa per intero la finale di Champions, Liverpool contro Spurs. "Non ho parole per spiegare questo momento - ha raccontato Lucas Moura, eroe del ribaltamento ad Amsterdam ieri sera, alla tv del suo club. Nell'intervallo, quando eravamo sotto di 2-0, ci siamo detti che se avessimo segnato un gol avremmo potuto farcela. E quando ho segnato il primo dei miei tre, abbiamo pensato: ecco...Ora, giocando così, tutto è possibile". Il riferimento è alla finale del 1° giugno a Madrid, quando il Liverpool partirà da favorito. Sulla carta. "La finale è un sogno, di quelli che si coltivano da bambini", ha aggiunto il brasiliano. "Questo è il momento migliore della mia carriera: quando all'ultimo secondo mi è arrivato quel pallone, ho calciato e ho visto la rete che si gonfiava, tutto questo e molto altro mi è passato per la testa: sì, è davvero inspiegabile". (ANSA).