Calcio, Juve: Allegri, vittoria ci farà lavorare meglio

(ANSA) - TORINO, 19 AGO - Quando dico che soprattutto all'inizio le partite non son semplici, intendo questo". Allegri era stato profetico alla vigilia dell'esordio della Juventus con il Chievo, battuto 3-2 in recupero da un gol di Bernardeschi dopo una partita di sofferenza: "Bene la vittoria - ha aggiunto il tecnico bianconero nel consueto tweet post partita -, ci farà lavorare meglio!". (ANSA).

Gallerie

Calcio, Juve: Allegri, vittoria ci farà lavorare meglio

(ANSA) - TORINO, 19 AGO - Quando dico che soprattutto all'inizio le partite non son semplici, intendo questo". Allegri era stato profetico alla vigilia dell'esordio della Juventus con il Chievo, battuto 3-2 in recupero da un gol di Bernardeschi dopo una partita di sofferenza: "Bene la vittoria - ha aggiunto il tecnico bianconero nel consueto tweet post partita -, ci farà lavorare meglio!". (ANSA).

Calcio: Liga, il Barcellona riparte da Messi. Alaves ko 3-0

(ANSA) - ROMA, 19 AGO - Il Barcellona riparte da Messi. Nella prima giornata della Liga spagnola, in una stagione che non vedrà più il confronto a distanza con il rivale Cristiano Ronaldo passato dal Real Madrid alla Juve, il Barcellona vince in casa 3-0 grazie ad una doppietta del suo asso argentino e al gol di Coutinho. La prima rete di Messi nella Liga quest'anno arriva su una punizione calciata raso terra al 19' della ripresa. Poi il gol del 2-0 arriva a 7' dal termine del match e il 3-0 all'ultimo minuto di recupero per la doppietta della Pulce. (ANSA).

Tennis: Cincinnati, Djokovic e Federer in semifinale

(ANSA) - ROMA, 18 AGO - Djokovic-Cilic e Federer-Goffin sono le sfide che designeranno i finalisti del torneo di Cincinnati, settimo dei nove ATP Masters 1000 stagionali. Roger Federer, come gli altri colleghi, ha dovuto fare gli straordinari per completare un programma stravolto dalla pioggia, battendo prima l'argentino Leonardo Mayer per 6-1, 7-6 e poi nella notte italiana il connazionale Stan Wawrinka, col punteggio di 6-7, 7-6, 6-2. Il suo avversario in semifinale, David Goffin, ha superato l'argentino Juan Martin del Potro per 7-6, 7-6. Nella parte alta del tabellone saranno di fronte Novak Djokovic e Marin Cilic. Il serbo ha saputo prevalere per la nona volta in altrettanti incroci con il canadese Milos Raonic: 7-5, 4-6, 6-3 il punteggio. Dal canto suo il croato ha battuto nei quarti lo spagnolo Pablo Carreno Busta per 7-6, 6-4.(ANSA).

Calcio: Bolt arrivato a Sydney, comincia l'avventura in A-League

(ANSA-AP) - SYDNEY, 18 AGO - Usain Bolt è arrivato in Australia, dove rimarrà a tempo indeterminato per sottoporsi a una serie di test ed allenarsi con i Central Coast Mariners, squadra della A-League, la massima serie del calcio australiano. La leggenda dello sprint proveniva da Los Angeles ed è atterrato a Sydney dopo un volo di 14 ore. All'aeroporto ad attenderlo c'era un centinaio di tifosi che lo hanno acclamato e gli hanno subito messo al collo una sciarpa dei Mariners. Bolt, provato dal jet leg, comincerà ad allenarsi con il resto della squadra da martedì prossimo, giorno in cui compirà 32 anni, e se supererà i provini dovrebbe esordire in campionato ad ottobre. "Verrà trattato come qualsiasi altro nostro giocatore, non godrà di particolari privilegi, ma gli concederemo ogni possibilità di dimostrare che può avere una carriera anche da calciatore professionista", ha detto un dirigente di Central Coast (club campione d'Australia nel 2013) che ha accolto il giamaicano otto volte oro olimpico. Bolt lavorerà nel centro sportivo dei Mariners a Gosford, nella zona a nord di Sydney e a un'ora di auto dal centro della metropoli che ospitò l'Olimpiade del 2000. Sulle chance di diventare calciatore professionista si è mostrato ottimista, dopo i provini con Borussia Dortmund e in Norvegia conclusisi con un nulla di fatto. "Stavolta faccio sul serio - ha detto Bolt - e sono qui per far vedere ciò di cui sono capace. Penso di farcela e sono qui per sempre, o almeno questi sono i miei piani. Ce la metterò tutta e lavorerò duro, e vedrete che ci so fare anche con un pallone tra i piedi".(ANSA).

Tennis Cincinnati: domina pioggia, sospeso match Djokovic

(ANSA) - ROMA, 17 AGO - La pioggia l'ha fatta da padrona giovedì e si sono completati solo due degli ottavi di finale (più un match di secondo turno non disputato mercoledì) previsti al "Western & Southern Open" in corso sul cemento di Cincinnati in Ohio. E' dunque slittato ad oggi il secondo impegno di Roger Federer, numero 2 del ranking mondiale e del tabellone, al rientro nel tour ad un mese di distanza dalla sconfitta (con match point a favore) nei quarti a Wimbledon contro Kevin Anderson. Dopo l'affermazione sul tedesco Peter Gojowczyk, numero 47 Atp, infilando l'undicesima vittoria consecutiva nel "Cincy Open" (nel 2016 e nel 2017 non ha giocato: l'ultimo giocatore che lo ha battuto è stato Nadal nei quarti dell'edizione 2013), il 37enne di Basilea, in Ohio trionfatore ben 7 volte (2005, 2007, 2009, 2010, 2012, 2014 e 2015), trova l'argentino Leonardo Mayer, numero 50 del ranking mondiale. "King Roger" ha vinto entrambi i precedenti disputati contro il 30enne di Corrientes. Stessa sorte (rinvio) per la sfida fra Juan Martin Del Potro, numero 3 Atp (best ranking) e quarta testa di serie, che ha esordito - direttamente al secondo turno come tutte le prime otto teste di serie - battendo 62 63 ieri il coreano Hyeon Chung, numero 25 del ranking mondiale, e l'australiano Nick Kyrgios, numero 15 del ranking e del seeding, finalista dodici mesi fa (stoppato da Dimitrov). Per l'argentino, che dopo la finale a Los Cabos persa contro Fognini aveva dato forfait a Toronto per i cronici problemi al polso, è il primo testa a testa in carriera con il 23enne di Canberra tutto genio e sregolatezza. In questa sezione di tabellone si contendono l'altro posto nei quarti il sudafricano Kevin Anderson, numero 6 della classifica mondiale e del seeding, e il belga David Goffin, numero 11 Atp e del torneo, di fronte per la prima volta nel tour. Interrotto invece l'altro "match of the day", quello che vede protagonisti Novak Djokovic, numero 10 del ranking e del tabellone, e il bulgaro Grigor Dimitrov, numero 5 della classifica mondiale e del seeding, nonché campione in carica. La situazione vede il 31enne di Belgrado avanti 2-1 e servizio al terzo set dopo aver ceduto 62 il primo e vinto 63 il secondo. (ANSA).

Marchisio-Juventus, è addio dopo 25 anni

ANSA) - TORINO, 17 AGO - Finisce la lunghissima storia di Claudio Marchisio alla Juventus. Dopo 25 anni passati in bianconero, dai primi calci fino all'esordio in Serie A ed infine ai sette scudetti consecutivi vinti, il 'Principino' e la Vecchia Signora si separano: a comunicarlo è stata proprio la Juventus con una nota di ringraziamento pubblicata sul sito ufficiale. "Si chiude oggi la storia di Claudio Marchisio con la Juventus dopo la rescissione consensuale del contratto". Per Marchisio probabile una destinazione lontana dall'Italia. (ANSA).

Rivoluzione in Spagna, un match Real o Barca in Usa

(ANSA) - ROMA, 16 AGO - Già da questa stagione una partita del campionato spagnolo, la Liga, possibilmente con Real Madrid o Barcellona, si giocherà negli Stati Uniti. Questo in base all'accordo, storico e che durerà 15 anni, firmato fra l'ente che sovrintende alla massima serie spagnola e Relevent, la multinazionale che vuole favorire l'espansione del calcio negli Usa e che organizza la International Champions Cip (Icc). Per la prima volta un grande campionato calcistico europeo si svolgerà quindi anche oltreoceano, seppur per un solo incontro. (ANSA).

Real post-CR7 e Zizou stecca, Supercoppa va all'Atletico

(ANSA) - ROMA, 15 AGO - Il dopo-CR7 e Zinedine Zidane inizia nel peggiore dei modi e con una sconfitta per il Real Madrid, superato 4-2, dopo i tempi supplementari, dai cugini dell'Atletico nella finale di Supercoppa disputata a Tallinn, in Estonia. Per i colchoneros si tratta del terzo successo in questa competizione e, fatto unico, l'Atletico, detentore dell'Europa League, è l'unica squadra negli ultimi 10 anni ad aver battuto la squadra vincitrice della Champions (accadde nel 2010 con l'Inter e nel 2012 col Chelsea). Un successo alla fine meritato e sudato, anche se il Real, che pure era andato sotto dopo neppure un minuto ma era riuscito a fare il sorpasso, se le deve prendere solo con sè stesso per degli errori difensivi non da squadra regina d'Europa. Il pareggio, quando mancavano poco più di 10' alla fine, ha lasciato storditi i ragazzi di Lopetegui che hanno incassato l'uno-due nel primo supplementare (Saul 98' e Koke 104'), frutto di strafalcioni di tutto il reparto difensivo. Partita bella e vibrante, nonostante si sia ancora a inizio stagione, che ha premiato la squadra più caparbia e fisica, aggettivi cari a Simeone ancora squalificato e in tribuna, rispetto ad un Real, a tratti veramente bello e meno scontato nel gioco dopo la partenza di C.Ronaldo ma che si è spento dopo un'ora. Lopetegui sceglie inizialmente la squadra fisicamente più pronta e non figlia del mercato, così Modric e Courtois iniziano dalla panchina (solo il secondo entrerà dopo un'ora), a favore di un tridente Asensio-Benzema-Bale. Di contro, il 'Cholo' opta per il classico 4-4-2, con il nuovo Lemar esterno destro e Gelson Martins in panchina. Rispetto alla gestione Zidane e senza più la 'calamita' CR7, il Real (finchè le gambe reggono) gioca paradossalmente meglio, con i tanti trequartisti che non danno riferimenti alla difesa avversaria. Dopo essere andato subito avanti (grazie a un'intuizione di D.Costa che si porta avanti la palla di testa, brucia Varane e infila tra palo e portiere) l'Atletico non crea più per tutto il primo tempo occasioni serie davanti a Keylor Navas. Il Real non si scompone, crea gioco e raggiunge meritatamente prima il pari (grazie ad un assist al bacio di Bale che Benzema trasforma in oro) e poi il vantaggio per un rigore sacrosante (trasformato da Ramos) dopo un fallo di mano di Godin. Sembrerebbe fatta, anche perchè Lopetegui manda in campo Modric per un esausto Asensio ma al 34' ancora un caparbio Diego Costa approfitta testardamente di un errato disimpegno blancos e servito da Correa la mette dentro. Lì finisce la partita del Real e inizia il trionfo dell'Atletico che nel giro di 6 minuti nel primo supplementare chiude la pratica, sempre grazie al pressing di uno straripante Diego Costa che mette pressione ai difensori blancos: così ad approfittarne è prima Saul con uno strepitoso sinistro sotto la traversa e poi Koke, con una palla all'angolino basso che apre nel peggiore dei modi il post-epopea CR7.(ANSA).

Calcio: Messi lascia temporaneamente nazionale argentina

ROMA - Leo Messi lascia temporaneamente la nazionale. Il neo ct (ad interim) della Seleccion, Lionel Scaloni non è riuscito a convincere la 'Pulce' a giocare le due partite amichevoli a settembre contro il Guatemala e la Colombia, preferendo concentrarsi sull'attività di club. Secondo quanto riportato dalla stampa argentina, Messi e Scaloni hanno avuto diverse conversazioni negli ultimi tempi nelle quali il neo ct avrebbe invitato il giocatore a ripensarci. L'Afa, la federcalcio argentina, non ha però ancora rilasciato alcun commento che confermi la decisione di Messi. In ogni caso, Messi salterà le partite amichevoli dell'Albiceleste contro il Guatemala, a Los Angeles il 7 settembre, e contro la Colombia, a New York l'11 settembre. Nel frattempo, scrive la stampa argentina, Scaloni prepara il suo debutto senza Messi. Avrà colloqui con calciatori 'storici' della Seleccion come Di María, Higuaín e Agüero, anche se questo non significa che saranno convocati. Quindi è presumibile che ripartirà dallo zoccolo duro del Mondiale russo (Tagliafico, Armani, Pavón, Meza, Lo Celso, Mercado e Dybala) a cui si aggiungeranno Mauro Icardi, Lautaro Martínez, Matías Vargas (Vélez), Gonzalo Martínez (River) e Tomás Chancalay (Colón), oltre a 'pescare' nel serbatoio della 'Sub 20'.