Sci: Cdm, la Vonn gareggerà fino a Lake Louise 2019

ANSA) - SAINT-MORITZ (SVIZZERA), 8 DIC - La campionessa statunitense Lindsey Vonn non smetterà di gareggiare alla fine dell'attuale stagione, ma continuerà fino alle gare canadesi di Lake Louise, in programma all'inizio della prossima stagione. Vonn vuole rendere così omaggio alla località dove gli organizzatori le hanno intitolato la pista di gara e dove ha più vinto nel corso della propria carriere: ben 18 dei suoi 82 successi.(ANSA).

Gallerie

Sci: Cdm, la Vonn gareggerà fino a Lake Louise 2019

ANSA) - SAINT-MORITZ (SVIZZERA), 8 DIC - La campionessa statunitense Lindsey Vonn non smetterà di gareggiare alla fine dell'attuale stagione, ma continuerà fino alle gare canadesi di Lake Louise, in programma all'inizio della prossima stagione. Vonn vuole rendere così omaggio alla località dove gli organizzatori le hanno intitolato la pista di gara e dove ha più vinto nel corso della propria carriere: ben 18 dei suoi 82 successi.(ANSA).

Libertadores: presidente Boca annuncia ricorso al Tas

(ANSA) - ROMA, 7 DIC - Il Boca Juniors ricorrerà al Tas per vedersi proclamato campione della Coppa Libertadores, senza giocare. Lo ha confermato il presidente dei Xeneizes, Daniel Angelici, intervenendo a Cadena Ser, all'indomani del pronunciamento della Conmebol, il massimo organo calcistico sudamericano, che ha ieri respinto il ricorso presentato dal Boca Juniors, che voleva la vittoria a tavolino dopo l'assalto dei tifosi del River nella finale di andata a 'La Bombonera', poi giocata l'indomani, e ha costretto alcuni giocatori del Boca a ricorrere alle cure sanitarie. La finale di ritorno della Coppa Libertadores è in programma domenica 9 al Bernabeu di Madrid.

Golf: un film su Tiger Woods, "il ritorno del ruggito"

(ANSA) - ROMA, 07 DIC - "Tiger Woods, il ritorno del ruggito". Questa volta il cortometraggio della Disney non c'entra. Il film, che andrà in onda il prossimo 30 dicembre, in occasione del suo 43/o compleanno, riguarda la leggenda del golf mondiale: Woods. ESPN, emittente televisiva statunitense, racconterà "gli alti e i bassi" della stagione di "The Big Cat". Iniziata con il ritorno in campo, dopo tanti infortuni e scandali extra-green, nell'Hero World Challenge 2017. E caratterizzata dal successo, 1876 giorni dopo l'ultima volta, nel Tour Championship. Trionfo che ha segnato l'80/a vittoria in carriera della "Tigre", tornata davvero a ruggire in campo. "Con nuovi contenuti mai visti prima, come diverse interviste al player californiano, il film affronterà la parabola di Woods concentrandosi anche sul futuro e più precisamente sulla Presidents Cup 2019". Dove Tiger potrebbe svolgere il doppio ruolo di capitano-giocatore. La pellicola verrà diretta dal PGA Tour Entertainment in collaborazione da ESPN. Nel 2019 sarà visibile in streaming e conterà oltre 60 interventi di alcuni big mondiali della disciplina. (ANSA).

Tevez,Libertadores non a Baires è follia

(ANSA) - ROMA, 6 DIC - "E' bizzarro giocare la Libertadores a Madrid": Carlos Tevez, attaccante del Boca, è sconcertato dalla decisione della Conmebol di spostare in Spagna la finale di ritorno della Champions sudamericana che vede di fronte Boca Junios e River Plate. L'ex juventino dopo un allenamento rincara la dose: "E' difficile accettare una decisione simile, giocare in un altro continente. La verità è che che ci hanno privato della gioia di vincere al Monumental, quei tre folli dietro alla scrivania che dirigono la Conmebol non capiscono nulla". Tevez vede anche il lato positivo della circostanza: "E' un privilegio poter giocare al Bernabeu, lo è per qualsiasi giocatore. Spero sia una festa, uno spettacolo, e che imparino una volta per tutte in Argentina cosa sta succedendo". Infine un appello ai giocatori, anche ai rivali. "Per tutti è difficile essere qui, chi guida le squadre dovrebbe cercare di far capire che stiamo giocando una finale di Libertadores, una partita di calcio". (ANSA).

F1, Todt "con Schumi visto GP Brasile"

ROMA, 6 DIC - Michael Schumacher ha seguito in tv l'ultimo gp di F1 in Brasile, l'11 novembre scorso, in compagnia di Jean Todt, suo capo alla Ferrari negli anni d'oro e oggi alla guida della Fia. E' stato lo stesso Todt a rivelare l'episodio in un'intervista al giornale tedesco Auto-Bild. "Sono sempre cauto quando dico qualcosa -ecco le parole di Todt- ma è vero che ho visto il gran premio del Brasile 2018 in Svizzera con Michael Schumacher". Il presidente della Fia spesso fa visita all'ex campione tedesco che è in cura nella sua residenza svizzera a Gland, dopo il terribile incidente sulle nevi di Meribel in Francia, avvenuto quasi cinque anni fa; da allora sulle condizioni dell'ex pilota di F1 non si è più saputo molto. Todt non ha aggiunto altro su Schumacher nell'intervista, e ha confessato di "sentirsi frustrato" per l'eccesso di pubblicità trasmessa in tv durante il gara.

Calcio: Galliani, orgoglioso di rappresentare la Serie C

(ANSA) - MILANO, 5 DIC - Adriano Galliani accoglie "con orgoglio" la proposta del presidente della Lega Pro, Francesco Girelli, di diventare "ambasciatore della Serie C verso la Serie A". L'ad del Monza, attraverso il sito del club acquistato di recente da Silvio Berlusconi, in una breve nota, si è detto molto onorato della proposta ricevuta dal Ghirelli: "Voglio ringraziare, anche a nome del presidente Silvio Berlusconi, il presidente della Lega Pro e accetto con orgoglio di rappresentare la Serie C nel sistema calcistico Italiano", ha dichiarato l'ex ad del Milan. (ANSA).

CALCIO

Libertadores, il Boca parte per Madrid

ROMA, 5 DIC - "Impressionante!". Titolano cosi' i media argentini per commentare le foto dell'incredibile bagno di folla che ha bloccato il pullman del Boca, sulla via del trasferimento per l'aeroporto di Buenos Aires da dove la squadra è partita per Madrid, dove domenica e' in programma la finale di ritorno di coppa Libertadores contro il River. Fumogeni, bandiere, cori hanno accompagnato Tevez e compagni per diversi chilometri poco prima della mezzanotte locale, per quella che i giornali argentini non esitano a definire una follia. "In Spagna, in Spagna per vincere la Coppa ad ogni costo", il coro dei tifosi, mentre diversi giocatori rispondevano dai finestrini alla festa dei tifosi. La passione dei tifosi del Boca si era gia' palesata nell'allenamento alla vigilia della sfida di ritorno, quando la Bombonera era stata riempita in ogni ordine di posto. Poi gli incidenti nel giorno della partita di ritorno, il rinvio, e lo spostamento al Bernabeu. Dove i tifosi in arrivo da Buenos Aires sono attesi a migliaia. (ANSA).

Rose pensa alla leadership mondiale

ROMA, 04 DIC - "Tornare leader mondiale è sicuramente un obiettivo, ma non quello principale. Essere il numero 1 per me non rappresenta un'ossessione". Justin Rose commenta così il mancato sorpasso al vertice dell'Official world ranking ai danni di Brooks Koepka. "Ovviamente - ha sottolineato ancora l'inglese - salire sul trono mondiale è sempre una grande sensazione. Ma vincere i tornei è la cosa che più conta". Il campione olimpico di Rio 2016 proverà nuovamente l'assalto alla classifica mondiale dal 13 al 16 dicembre, quando a Giacarta difenderà il titolo nell'Indonesia Masters.

Calcio: presidente Brasile Bolsonaro fa festa col Palmeiras

(ANSA) - SAN PAOLO, 3 DIC - Anche il Presidente del Brasile Jair Bolsonaro, grande tifoso del 'Verdao', ha preso parte alla festa scudetto del Palmeiras svoltasi allo stadio Allianz Parque di San Paolo in occasione della partita dell'ultima giornata del 'Brasilerao' tra la squadra di Luiz Felipe Scolari, che ha appena vinto il suo decimo titolo nazionale, e il già retrocesso Vitoria di Bahia (è finita 3-2). Bolsonaro ha consegnato la medaglia di campioni a ognuno dei giocatori dell'ex Palestra Italia e, sul campo di gioco, ha alzato la coppa insieme al capitano della squadra Bruno Henrique. Lacrime in casa Flamengo per la partita di "arrivederci" ("un giorno tornerò sicuramente", ha tenuto a precisare il diretto interessato) di Paquetà al club rossonero carioca. Il talento che ora andrà al Milan ha pianto prima della partita e subito dopo il fischio finale. Festeggia la salvezza la Chapecoense grazie alla vittoria per 1-0 sul San Paolo e a fine partita i due superstiti dell'incidente aereo Alan Ruschel e Follmann.

De Marco 'Zaniolo? La Var doveva intervenire'

(ANSA) - ROMA, 3 DIC - "L'azione risulta chiara e rientra in una delle casistiche in cui sarebbe dovuta intervenire la Var. L'arbitro era impallato dai giocatori, secondo me c'è stato un errore umano nell'utilizzo del Var''. L'ex arbitro Andrea de Marco giudica così l'episodio del fallo da rigore non fischiato su Zaniolo in Roma-Inter: ''Sarebbe interessante se l'Aia avesse un ufficio stampa che nei giorni seguenti desse delle spiegazioni sulle interpretazioni dei casi e sulle motivazioni. Fino a questo momento - aggiunge De Marco - possiamo affermare che la Var sia andata meglio l'anno scorso. In questa stagione ha perso credibilità visto che in molte occasioni sospette l'arbitro non è andato a rivedere le immagini e stanno aumentando le proteste''. ''Fino all'anno scorso non vedevo in maniera favorevole la possibilità della chiamata del Var da parte dei componenti delle squadre ma - aggiunge De Marco a Rai Radio1 Sport - ora sto rivalutando questa possibilità, vanno valutati i tempi e i modi di questi interventi''.