Gallerie

Fugge da Nigeria, fonda in Italia fattoria e museo contadino

"L'Italia per me è un paese di opportunità, se hai un'idea". Jeffery Eromosele Osoiwanlan, 33 anni, nigeriano con lo status di rifugiato politico, è arrivato in Italia su un barcone nel 2015, sfuggendo ai terroristi di Boko Haram. A Montecarotto ha trovato un tetto, la famiglia Gasparini che l'ha accolto, ed ha realizzato con loro il suo sogno: trasformare una casa colonica abbandonata in fattoria didattica modello economicamente autosufficiente. La sua "Fattoria di campagna", premiata da Coldiretti con l'Oscar Green, è un'arca di Noè, con animali da cortile e razze esotiche provenienti da tutto il mondo, dallo struzzo al cinghiale. Oggi Jeffery ha inaugurato qui un nuovo museo della civiltà contadina per "spiegare ai bambini e alle scuole come si viveva in queste campagne tanti anni fa. Perché se non sai da dove vieni non puoi sapere dove vuoi andare. In Nigeria ho studiato scienze politiche però quando sono arrivato in Italia ho messo in piedi questo progetto che è la mia passione". (ANSA).

LE FOTO

A22, una targa per i lavoratori che morirono nella costruzione

Una targa commemorativa per i lavoratori delle ditte appaltatrici deceduti durante la costruzione dell'A22 è stata deposta oggi a Trento, nel giardino della sede sociale, in occasione dei 60 anni della società Autobrennero spa. Oltre ai vertici della società di gestione, hanno partecipato alla cerimonia l'arcivescovo di Trento, monsignor Lauro Tisi, il commissario del governo di Trento Sandro Lombardi, il presidente della Regione autonoma, Arno Kompatscher, il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, e il sindaco di Trento, Alessandro Andreatta (foto Agenzia Panato/Magrone)

Sci: mondiali gigante, dopo 1/a manche in testa Pinturault

Il francese Alexis Pinturault in 1'09"97 è al comando dopo la prima manche dello slalom gigante mondiale di Aare. Seguono il campione austriaco Marcel Hirscher in 1'10"07, reduce da un raffreddamento, ed il norvegese Heinrik Kristoffersen. Indietro gli azzurri, decisamente lontani dal podio: il migliore è il trentino Luca De Aliprandini, ma solo 18/o in 1'11"89. Seguono Manfred Moelgg (1'13"10) e Simon Maurberger (1'13"30), mentre Riccardo Tonetti è finito fuori per salto di porta. De Aliprandini e Moelgg sino a ieri erano influenzati ed a letto con febbre. Seconda decisiva manche - in un gara su una pista senza forti pendenze, finalmente con il sole, senza vento e sull'intero tracciato, con temperatura mite di sei gradi sopra lo zero e fondo morbido trattato con sale ma sempre più' lento - alle ore 17.45. (ANSA).

Mike Pence in visita ad Auschwitz

VARSAVIA, 15 FEB - Il vicepresidente americano Mike Pence reduce dalla conferenza sul Medio Oriente a Varsavia è oggi in visita al monumento del più grande campo di sterminio nazista Auschwitz-Birkenau, per rendere omaggio alle vittime dell'Olocausto. La visita è iniziata sotto l'ingresso principale al campo con la scritta "Arbeit macht frei" (Il lavoro ti renderà libero) dove Pence, accompagnato dalla moglie e dal presidente polacco Andrzej Duda con la consorte, è stato accolto dal direttore del Museo Piotr Cywinski. Il vicepresidente ha visitato alcune baracche, in particolare quella con l'esposizione sull'Olocausto preparata dall'istituto israeliano Yad Vashem, ed è sceso nella cella del blocco 11 dove morì padre Massimiliano Kolbe, il francescano polacco che nel 1941 offrì la propria vita per salvare un altro prigioniero. Quindi ha deposto una corona al monumento delle vittime sorto vicino alle rovine di quattro crematori.

F1: Elkann, Ferrari unisce il Paese

MARANELLO (MODENA), 15 FEB - Essere Ferrari significa "l'orgoglio di una squadra che riesce a unire un intero paese e rappresentare il meglio dell'Italia per la voglia di inventiva, l'innovazione e l'intraprendenza e il cuore, che è rosso Ferrari". Parole di John Elkann, presidente Ferrari che oggi presenta la nuova SF90. "Essere Ferrari significa essere squadra. Iniziamo un importante stagione, un decennio che ci porta ai nostri 100 anni. Abbiamo bisogno di vincere tutti insieme".

LA MANIFESTAZIONE

Gli studenti scendono in piazza per il clima: «Rispetta la terra, rispetta te stesso»

E' partito da piazza Vittoria, per concludersi in piazza Magnago, il corteo formato dagli studenti delle scuole della città - sia italiane che tedesche - e della provincia per sensibilizzare sulle tematiche legate all'ambiente. L’iniziativa rientra nel movimento transnazionale che sta generando un’onda verde in giro per l’Europa: «Fridays For Future» (i venerdì per il futuro), nato a sua volta dallo sciopero solitario di Greta Thunberg, sedicenne svedese che il 20 agosto scorso si sedette di fronte al Parlamento di Stoccolma mostrando un cartello con su scritto: «Sciopero per il clima» (foto DLife)