L’addio commosso di Sesto a Hannes, morto sotto la slavina

Folla immensa ieri a Sesto per l'estremo addio ad Hannes Schwienbacher , il 18enne deceduto domenica sotto una valanga in val Fiscalina. C'era tutto il paese nella chiesa parrocchiale e moltissima gente arrivata da tutto l'Alto Adige oltre che dalla vicina Austria. Il ricordo degli amici con le foto dei tanti momenti felici Don Fiung ha ricordato il suo impegno «per e con i giovani» (foto Christian Tschurtschenthaler)

Gallerie

IL LUTTO

L’addio commosso di Sesto a Hannes, morto sotto la slavina

Folla immensa ieri a Sesto per l'estremo addio ad Hannes Schwienbacher , il 18enne deceduto domenica sotto una valanga in val Fiscalina. C'era tutto il paese nella chiesa parrocchiale e moltissima gente arrivata da tutto l'Alto Adige oltre che dalla vicina Austria. Il ricordo degli amici con le foto dei tanti momenti felici Don Fiung ha ricordato il suo impegno «per e con i giovani» (foto Christian Tschurtschenthaler)

Sanremo: Virginia, sui Casamonica ammetto, è stata una gaffe

(ANSA) - ROMA, 6 FEB - "E' stata una gaffe, mi sono presa la prima gaffe della prima serata. Ma ora non saluterò più nessuno". Con il sorriso, lo ammette in sala stampa a Sanremo Virginia Raffaele, tornando sulla battuta di ieri era sui Casamonica che non è piaciuta al presidente della commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra (M5S). (ANSA).

SCI ALPINO

Dominik Paris: "Il sogno è diventato realtà"

"È stata una guerra arrivare". Le prime sensazioni di Dominik Paris al traguardo non erano quelle di chi pensa di diventare campione del mondo. È partito con il pettorale numero 3, ha commesso un errore nel finale ed era convinto che qualcuno l'avrebbe superato. Invece è lui a mettere al collo la medaglia d'oro del superG. "Sono molto soddisfatto di questa giornata, non mi aspettavo di vincere, sicuramente è un grande sogno che è diventato realtà". Da sottolineare anche l'ottima prestazione di Christof Innerhofer, quarto, e Mattia Casse, ottavo. Ritirato, invece, Matteo Marsaglia. 

Venezuela:portavoce comitato,protesta contro governo Italia

(ANSA) - ROMA, 6 FEB - "Siamo qui per protestare e per esprimere il nostro rammarico perché il governo italiano non riconosce l'incarico che è stato dato, in base alla nostra Costituzione venezuelana, articolo 233, al presidente ad interime Juan Guaidò". Lo afferma il portavoce del Comitato venezuelani in Italia Carlos Cosmo Gulli che insieme ad altre 50 persone sta manifestando davanti palazzo Chigi. Il Comitato rappresenta circa 8 mila venezuelani che vivono in Italia. "Guaidò non si è autoproclamato come si dice in Italia - aggiunge il portavoce - e questo dimostra l'ignoranza dei media italiani e sarebbe anche fuori dalla linea della Costituzione venezuelana, ma è stato nominato dal Parlamento presidente ad interim per il vuoto di potere che si era creato per via dell'illegittimità di Nicolás Maduro. A partire dal 10 gennaio, infatti, lui non è più presidente, quindi chi si è autoproclamato è Maduro". "Chiediamo al governo italiano di riconoscere Guaidò - ha concluso - come ha fatto l'Europa e quasi tutto il resto del mondo". (ANSA).

Moto: Malesia, Rossi in pista con casco dedicato

(ANSA) - ROMA, 6 FEB - Valentino Rossi scende in pista per i primi test dell'anno con un casco dedicato, con la nuova grafica Winter Test 2019 che va ad aggiungersi alla sterminata collezione di AGV del "Dottore". Pista GP R vestirà una grafica dai colori fluorescenti come il giallo, da sempre distintivo di Rossi, il verde, il fucsia e l'arancione. Immancabili il Sole e la Luna, ora stilizzati sul fronte della calotta con un sottile ma riconoscibile tratto blu. La ventennale accoppiata Rossi-Drudi ha optato per un design acceso e accattivante che attira l'attenzione dentro e fuori il circuito. Il casco è disegnato a larghe pennellate sovrapposte che si accompagnano ad un 46 scritto con effetto "a mano libera"; un design movimentato che si differenzia dalla sobria grafica Soleluna utilizzata durante lo scorso Campionato. Valentino stesso si dice entusiasta della realizzazione e racconta così l'ispirazione della speciale livrea: ''Come faccio per i test di ogni stagione, anche quest'anno ho preparato un casco dedicato...''. (ANSA).

MAXIFOTOGALLERY

Sanremo, tutte le emozioni della prima serata. Brividi per i due Bocelli

Giorgia sempre applauditissima, per la Bertè uno show da star. Piace il rocker Achille Lauro. Gaffe della Raffaele. Bisio ironizza: «La mia costumista ha lavorato coi Casamonica». Virginia ride accanto a lui e si lascia andare ad una battuta: «Salutiamo i Casamonica». Poi si rende conto della gaffe e chiede subito scusa. Bisio la soccorre: «Non preoccuparti, siamo registrati poi la tagliano» (foto Ansa)

Sanremo: stasera ospiti Bocelli, Giorgia, Favino, Santamaria

(ANSA) - ROMA, 5 FEB - Stasera saranno ospiti della prima serata del festival di Sanremo Andrea Bocelli, che duetterà con il figlio Matteo e con Claudio Baglioni. Arriverà all'Ariston anche Giorgia, anche lei per un duetto con il direttore artistico. Pierfrancesco Favino, che torna dopo il successo dello scorso anno, sarà protagonista di una performance con Virginia Raffaele. Claudio Santamaria sarà il quarto componente del Quartetto Cetra con Baglioni, Bisio, Raffaele. Oltre ai 12 cantanti in gara, domani saliranno sul palco dell'Ariston come ospiti, Fiorella Mannoia, Marco Mengoni, Riccardo Cocciante. Michelle Hunziker, dopo l'esperienza di un anno fa, torna a Sanremo per uno sketch con Claudio Bisio. Ci sarà anche il Premio alla Carriera a Pino Daniele. "Non mi sento nelle condizioni di fare delle previsioni sullo share della prima serata del festival. Ci aspettiamo un risultato considerevole e se lo aspettano gli inserzionisti. Ce lo aspettiamo e speriamo. Per il resto fatemi fare degli scongiuri. Vediamo domani", ha detto la direttrice di Rai1 Teresa De Santis sulle aspettative per la prima serata. Bocca cucita anche per il vicedirettore di Rai1 Claudio Fasulo: "Mai dato uno share". "Qualcuno pensa che alcuni testi delle canzoni potrebbero apparentemente essere di disturbo al gruppo dirigente che guida il Paese: non la vedo così. Se chi governa dovesse trovarci aggressività o negatività, sbaglierebbe. Ma non credo che ci sia questa mancanza di intelligenza", sottolinea Teresa De Santis rispondendo a una domanda sui temi politici trattati in alcuni brani in gara, dalla violenza in famiglia al disagio giovanile. Sulle presunte dimissioni di Claudio Baglioni da direttore artistico (come riportato da Dagospia), dopo le polemiche dei giorni scorsi, Teresa De santis ha detto: "E' una notizia infondata, che smentisco". "Sanremo è un asset fondamentale per l'azienda e il confronto tra tutte le parti in questione è d'obbligo, ma la notizia è infondata" aggiunge. "L'anno prossimo sarà la celebrazione del 70/o anno del festival di Sanremo. Dovrà essere un'edizione corale, dentro ci dovrà essere un po' di tutto e forse si dovrà avere forse un'idea in più", ha detto la direttrice di Rai1. Standing ovation in sala stampa all'Ariston, in apertura di conferenza stampa, in ricordo di Fabrizio Frizzi, che oggi avrebbe compiuto 61 anni. Un lungo applauso ha reso omaggio al conduttore, scomparso il 26 marzo di un anno fa. "L'unico dispiacere che ho avuto quando ha assunto la direzione di Rai1 - ha detto Teresa De Santis - è stato non potere avere Fabrizio, persona straordinaria, fuori dal comune, oltre che grandissimo professionista". Nel giorno di avvio della 69/a edizione del Festival di Sanremo, il direttore di Rai1 Teresa De Santis ricorda l'arte di Giampiero Artegiani, l'autore di 'Perdere l'amore' e di altri grandi successi, morto a Roma ieri. "Era un rockettaro", dice, riferendosi, in particolare, ai suoi esordi.