Per attrice master class con Dolan ed Herzog

(ANSA) CANNES 15 MAG - Julianne Moore oggi alla master class di cinema al Majestic di Cannes accanto a registi Xavier Dolan e Werner Herzog, non dimentica l'impegno in favore delle donne dopo il #MeToo. "Dobbiamo aspettare ancora grandi cambiamenti per raggiungere davvero la parità. Ma io credo nell'uguaglianza, dobbiamo aprire le porte senza però andare troppo in fretta ".

E ancora l'attrice: "Credo nel tentativo di livellare il campo di gioco per tutti, indipendentemente dal loro genere o dalla loro cultura o etnia. Bisogna insomma aprire le porte. Le quote di genere - aggiunge - non sono state molto recepite ad Hollywood, sono invece più comuni in Europa dove il cinema è spesso supportato in parte dal denaro pubblico. Svezia, Norvegia e Irlanda hanno istituito 50-50 quote per l'assegnazione di fondi pubblici per filmmaker maschili e femminili, così come il British Film Institute. Le donne - conclude - che rappresentavano l'8% dei registi nei 250 film più importanti al box office degli Stati Uniti l'anno scorso, erano comunque in calo rispetto all'11% dell'anno precedente. E questa cosa non va bene".