Dolore del Papa,prego per genitori Alfie

Per malati servono sinergie tra persone e istituzioni

CITTA' DEL VATICANO

(ANSA) - CITTA' DEL VATICANO, 28 APR - "Sono profondamente toccato dalla morte del piccolo Alfie. Oggi prego specialmente per i suoi genitori, mentre Dio Padre lo accoglie nel suo tenero abbraccio". Così Papa Francesco ha commentato in un tweet la morte del piccolo Alfie. Poco prima, ricevendo in udienza i partecipanti alla conferenza sulla medicina rigenerativa promossa dal Pontificio Consiglio della Cultura, aveva parlato, senza fare riferimenti espliciti al bimbo inglese, della sofferenza umana, "di fronte alla quale è necessario saper creare sinergie tra persone e istituzioni, anche superando i pregiudizi, per coltivare la sollecitudine e lo sforzo di tutti in favore della persona malata". Per Papa Francesco occorrono "azioni concrete a favore di chi soffre" attraverso "la convergenza di sforzi e di idee capaci di coinvolgere rappresentanti di varie comunità: scienziati e medici, pazienti, famiglie, studiosi di etica e di cultura, leader religiosi, filantropi, rappresentanti dei governi e del mondo imprenditoriale".