Mtb in Val Casies il Focus brucia tutti  

Ai campionati italiani battuti Ktm e Velociraptors

VALLE DI CASIES. La Valle di Casies nel mondo dello sport è famosa, da anni, per la granfondo invernale. Ora si è fatta conoscere anche d’estate con la MTB, non solo per i tantissimi turisti che la solcano in lungo ed in largo, ma per una serie di eventi portati alla ribalta dalla SSV Pichl/Gsies.

Sabato è stata teatro del Campionato Italiano Team Relay, autentico “test event” per il massimo campionato della MTB in Italia, i Campionati Assoluti Cross Country già assegnati alla vallata altoatesina per il 2020. Ieri invece sono scesi in campo gli scatenati giovani della Coppa Italia.

La Team Relay vedeva in gara squadre composte da cinque atleti, di cui due donne, e di diverse categorie, così tra la tattica di chi far scendere in pista nelle varie frazioni ed un percorso davvero tosto è stata una gara avvincente, divertente e ad un certo punto anche …altalenante.

Ha vinto il team Focus Selle Italia, e meritatamente, grazie anche alle performances delle due altoatesine Lisa Rabensteiner e Greta Seiwald, che correva proprio ad un tiro di schioppo dalla porta di casa.

La gara riservata agli agonisti ha visto sul podio anche il team KTM, in testa alla terza frazione grazie ad uno straordinario Beltain Schmid, il biker di Egna.

La gara Team Relay, onorata anche dalla presenza del presidente FCI Renato Di Rocco, aveva in programma anche la prova dei master, vinta dal team Spacebikes, in questo caso gran merito al fassano Gabriele Depaul che ha corso due frazioni, sempre al comando ed autore nell’ultimo giro della miglior prestazione di giornata. La competizione dei giovani ha messo l’oro al collo ai portacolori valtellinesi del team Melavì Focus.

Fra gli agonisti, intesi come èlite, under23 e junior, come detto è stato uno show del Team Focus. In prima battuta Zaccaria Toccoli (Focus) col miglior tempo di giornata ha dato il cambio a Lisa Rabensteiner con un discreto margine, oltre 1’ sul team Velociraptors e col team KTM a 7’. Nella sua frazione la biondina di Villandro si è trovata di fronte l’irruenta Denis Fumarola (KTM) che ha accorciato le distanze, poi in terza frazione Greta Seiwald ha dovuto cedere il passo all’altro scatenatissimo Beltain Schmid, davvero in gran giornata e che portava la KTM al comando. Il team Focus però in quarta frazione lanciava Gioele Bertolini, il quale ristabiliva la situazione, con Andrea Tiberi nel ruolo di finisher tranquillo a controllare Lorenzo Samparisi, e così le prime due posizioni sancivano oro e argento per Focus e KTM. Va sottolineato il terzo posto del team Velociraptors composto addirittura da 4 junior ed un solo èlite.

Bella anche la gara master, con lo start 5’ dopo gli agonisti. Il trentino Gabriele Depaul ha dato gas fin dai primi metri portando il team Spacebikes subito al comando, e da quel piedistallo la squadra non s’è più mossa. Merito anche di Lorenzo Guidi, Ivan Zulian e Beatrice Balducci. Dopo i cinque giri in programma, il team Pavan si è avvicinato ai leader, chiudendo a 8”. Terzi i trentini del team BSR con Gianni Senter, Renzo Valentini, Debora Coslop, Stefano Pedot e Ivan Pintarelli. Medaglia di legno per gli altoatesini del Sunshine Racers, con Judith Pollinger ritornata sui pedali. Applausi anche per il team locale, l’SSV Pichl/Gsies Raiffeisen (8°) con Matthias e Stefan Taschler, Cornelia Schuster e Bernhard Brunner.

Non è passata inosservata la gara dei giovani, con allievi ed esordienti. Una sfida con i valtellinesi del Melavì sempre a comandare e con i valdostani del team Lucchini alle loro spalle. Il podio è stato completato dai giovani dell’ASV St. Lorenzen, sempre in odore di podio fin dal via. Un bronzo che non sfigura proprio, visti i valori in campo. Premiazioni col presidente Di Rocco a “vestire” con le maglie tricolori i neo campioni, e l’inno di Mameli per tutti. Un cenno lo merita, d’obbligo, l’organizzazione dell’SSV Pichl/Gsies Raiffeisen. Il centro sportivo di Colle ha fatto da fulcro al Campionato Italiano team relay, davvero un test event riuscito in vista del campionato assoluto del 2020, ma nel frattempo i ragazzi di Erwin Schuster, il presidente, non staranno certo a guardare.