Archeoastronomia, gita a Monticolo per i soci della Consulta

Appiano. Ultima puntata, con la Consulta culturale di Appiano, con l’iniziativa «Osservare il cielo dal balcone», portata avanti dall’esperto locale di astronomia Carlo Azimonti.«L’isolamento...

Appiano. Ultima puntata, con la Consulta culturale di Appiano, con l’iniziativa «Osservare il cielo dal balcone», portata avanti dall’esperto locale di astronomia Carlo Azimonti.

«L’isolamento casalingo è finito - si legge in una nota della Consulta - e possiamo finalmente uscire seguendo le previste norme sanitarie di protezione. Carlo Azimonti desidera approfittare di questa nuova situazione proponendo una novità. Questa volta non il cielo stellato, ma una bella passeggiata per arrivare al sito archeoastronomico vicinissimo a noi, Colle Joben o Jobenbuhel sopra Monticolo. Con l'appuntamento della prossima settimana si concluderà l'iniziativa "Il cielo dal balcone" . Il direttivo della Consulta Culturale di Appiano intende ringraziare di cuore Carlo Azimonti per questa avventura intrapresa con passione e puntualità e invita tutti a seguire il blog che Carlo, dopo questa bella esperienza, ha deciso di aprire www.easyastronomy.it».

Dove si trova, intanto, il Colle Joben? «Partite dalla chiesa di Monticolo, scendete verso il lago e superata una sbarra, salite verso la cava di pietra. Arrivate così al laghetto di Langmoos, girate a destra sulla strada forestale e salite. Dopo circa 700-800 m prendete un sentiero a destra. Appena imboccato il sentiero noterete a sinistra e a destra delle arnie per api; dopo circa 500 m troverete il tabellone esplicativo del sito archeologico». Già, ma cosa si trova? «È il primo sito archeoastronomico studiato in Italia dall'ingegnere Georg Innerebner di Bolzano negli anni Trenta e che ha così introdotto in Italia l'archeoastronomia. La caratteristica più evidente del sito è un corridoio lungo circa 30 metri che a metà cambia direzione. Le direzioni dei corridoi indicano secondo diversi studiosi, la direzione della levata e del tramonto del sole negli equinozi e nei solstizi. Rappresentano cioè il sistema utilizzato dagli antichi per conoscere i vari periodi dell'anno. Si tratta, dunque, di un primitivo osservatorio astronomico destinato alla determinazione del tempo». Ma quando è stato scoperto? «La datazione del sito archeoastronomico di Colle Jobel è alquanto dibattuta dagli archeologi; le ipotesi vanno dalla preistoria all'età del ferro».