Bassa Atesina

Salorno, ecco la rotatoria d’artista. In partenza altri cantieri 

Completata l’opera costata 1,5 milioni di euro con l’installazione al centro. Il Comune sarà impegnato anche nella sistemazione del rio Tigia e nel nuovo arredo urbano


Daniele Bebber


SALORNO. Una grande pietra a simboleggiare il castello che si erge sulla vicina montagna e ai suoi piedi un lungo serpentone realizzato in piccoli tronchi di legno, chiara sintesi dell’antico alveo del fiume Adige che corre lungo la valle. Arrivando a (o transitando per) Salorno si può gettare lo sguardo ai simboli che abbelliscono la nuova rotatoria, per cui è prevista l’inaugurazione nella giornata di sabato 18 giugno. Fermo restando la posa dell’asfalto tutt’attorno che dovrà essere eseguita nell’arco delle prossime settimane, come pure della predisposizione e cura del prato nel perimetro interno alla rotatoria.

«È un progetto congiunto fra il nostro Comune e la Provincia che ha finanziato ed eseguito il lavoro, tranne il discorso dell’abbellimento, per cui abbiamo attinto a fondi comunali» spiega il sindaco di Salorno Roland Lazzeri, parlando di una spesa totale di circa un milione e mezzo. «Nell’occasione dell’inaugurazione - aggiunge - verrà esposta anche una tabella con il significato della rotonda stessa, che oltre ad essere l’ingresso del paese è anche la porta dell’Alto Adige. Quindi si è puntato a qualcosa di particolare».

Al momento è forse il cantiere più di spessore in dirittura d’arrivo, come lo è quello del primo lotto per la sistemazione del rio Tigia. Il prossimo anno parte il secondo lotto, dal ponte Loreto alla cascata. Portando l’attenzione alle novità, la prima va alla variazione al bilancio di previsione discusso durante l’ultimo civico consesso, per cui gli amministratori hanno ritenuto necessario destinare parte dell’avanzo d’amministrazione al progetto di riqualificazione di via Trento. I 100.000 euro andranno a sommarsi ai 677.000 già preventivati per sistemare la parte a nord di una delle vie, che in questi anni è stata maggiormente interessata da numerosi interventi (tubature, fibra ottica).

Però è pure la principale di Salorno, attraversata ogni giorno da decine di studenti delle vicine scuole elementari e medie, da cittadini e turisti. «Verrà rifatto il manto stradale, leggermente cambiato l’assetto dei parcheggi e il marciapiede in direzione farmacia, che ad oggi non c’è. Verrà sistemato anche l’arredo urbano» precisa il primo cittadino, facendo pure presente che di recente la Sicos (consorzio di ditte trentine specializzate in opere edili) si è aggiudicata i lavori, si spera con partenza già sul finire del mese di giugno. «Il lavoro verrà suddiviso in sette lotti funzionali, in modo da arrecare meno disturbo possibile alla vita quotidiana di quella specifica zona del paese», evidenza il sindaco Lazzeri.

Altri euro dell’avanzo di amministrazione trovano utilità a completare il progetto d’illuminazione al led nel centro storico: «Vorremmo introdurre il sistema di gestione intelligente come si usa in tante città, risparmiando un buon 20% di energia e quindi molti soldi in bolletta».

















Altre notizie







Attualità