il caso

Bolzano, prende a martellate distributore automatico vicino alla Questura: arrestato

E’ accaduto nella notte tra domenica e lunedì all’esterno di una pizzeria. L’uomo era stato anche arrestato a Milano per tentata rapina e denunciato a Bolzano per alcuni furti in esercizi commerciali



BOLZANO. Nella notte tra domenica e lunedì un equipaggio della Squadra “Volanti” della polizia, facendo rientro in Questura, udiva dei colpi violentissimi provenire dalla pizzeria “Pizza Call”, situata a pochi metri dall’ingresso principale degli uffici di polizia.

Arrivati in pochi attimi sul posto, i poliziotti constatavano che un individuo particolarmente esagitato stava prendendo a martellate il distributore automatico posto all’esterno dell’esercizio pubblico, riuscendo ad infrangere il vetro di protezione.

Alla vista dell’arrivo degli agenti, il soggetto – in seguito identificato per tale H. T., 27enne cittadino marocchino regolare sul territorio nazionale e con a proprio carico numerosi precedenti per reati della stessa specie (qualche mese fa era stato arrestato a Milano per tentata rapina e denunciato a Bolzano per alcuni furti in esercizi commerciali) – tentava di darsi alla fuga in direzione di piazza Verdi, venendo immediatamente bloccato dai poliziotti ed accompagnato in Questura.

Al termine degli atti di Polizia Giudiziaria il H. T. veniva dichiarato in arresto in flagranza dei reati di tentato furto aggravato, danneggiamento aggravato e porto di oggetti atti ad offendere.

Il questore della Provincia di Bolzano Paolo Sartori, in considerazione della gravità della situazione riscontrata e del curriculum criminale del soggetto, ha emesso in via d’urgenza, a carico di H. T., la misura di prevenzione personale del foglio di via obbligatorio con divieto di far ritorno nel Comune di Bolzano per i prossimi 4 anni; inoltre, disposto l’immediata revoca del permesso di soggiorno, necessaria per poi poter procedere alla sua espulsione dal territorio nazionale.













Altre notizie

Attualità

la tragedia

Incendio in un'autofficina a Milano: tre morti e tre feriti

E' accaduto tra via Fra Galgario 8 e via Anguissola. Le vittime si trovavano all'interno di un appartamento al terzo piano dell'edificio di 6 piani in cui è sviluppato il rogo. Sarebbero un'anziana, un cittadino italiano e un'altra persona di origini straniere. Tra i feriti anche un addetto dell'officina da cui sono partite le fiamme (foto Ansa)