il caso

Bolzano, sentenza definitiva sul Twenty: «Raddoppio illegittimo»

Quasi 10 anni dopo, arriva la sentenza inappellabile del Consiglio di Stato: Podini, Twentyone e Provincia dovranno pagare 15mila euro di spese legali



BOLZANO. Una sentenza del Consiglio di Stato, pubblicata oggi 6 ottobre, stabilisce che il raddoppio del centro commerciale Twenty, in via Galilei a Bolzano, non era legittimo.

La sentenza è inappellabile e quindi definitiva. Il Consiglio di Stato, nella sentenza lunga 84 pagine, respinge il ricorso che era stato presentato dalle società Podini Spa e Twentyone Srl contro due sentenze del Tar del 2019 e 2021: queste sentenze, accogliendo un ricorso dell'Aspiag, avevano annullato la delibera con cui la giunta provinciale aveva autorizzato nel 2013 il raddoppio del Twenty.

Quasi 10 anni dopo, diventa quindi definitiva la decisione del tribunale amministrativo di Bolzano che aveva stabilito come fosse illegittima sia l'individuazione del sito in cui realizzare il centro commerciale di interesse provinciale sia la conseguente concessione edilizia per il raddoppio del Twenty.

Il Consiglio di Stato, che ha respinto anche gli appelli incidentali della Provincia, ha infine condannato le società Podini e Twentyone, assieme alla stessa Provincia, a liquidare ad Aspiag le spese legali pari a 15mila euro.

















Altre notizie







Attualità