IL CASO

Caramaschi, dobbiamo fare tutti gli sforzi possibili per contrastare la droga

Il sindaco interviene dopo il servizio televisivo sullo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona di parco Stazione

BOLZANO. In riferimento al servizio televisivo in merito allo spaccio di sostanze stupefacenti nella zona di parco Stazione e alle successive critiche prese di posizione da parte di alcune forze politiche di opposizione nei confronti del primo cittadino, il sindaco di Bolzano Renzo Caramaschi ha ricordato che «il contrasto alla droga non è una competenza diretta del sindaco, ma delle forze dell'ordine. Il Sindaco - ha sottolineato - certo collabora in maniera continua con la Polizia, con la Questura, con i Carabineri, con la Finanza, con il Commissariato del Governo; c'è una costante azione congiunta, ma l'attività dinamica di contrasto del fenomeno della droga è competenza esclusiva delle forze dell'ordine».

Caramaschi ha poi aggiunto che «bisogna impegnarsi sempre più a promuovere attività d'informazione e prevenzione con i più giovani sui pericoli legati all'uso di sostanze stupefacenti, in particolare nelle scuole superiori per evitare l'incremento dell'uso della droga tra i ragazzi. Dobbiamo davvero fare tutti gli sforzi possibili per evitare che questo fenomeno possa dilatarsi oltre misura. Tutti insieme: famiglie, scuola, educatori, forze dell'ordine, enti pubblici dobbiamo impegnarci per far comprendere la pericolosità del fenomeno: Nei prossimi mesi incentiveremo con tutti gli enti coinvolti quest'azione di informazione e prevenzione all'interno delle scuole cittadine».