LA VIGILANZA

Coronavirus, controlli sul rispetto delle norme, un arresto e 5 multe a Bolzano

Ispezionati dieci locali pubblici e identificate un centinaio di persone

BOLZANO. I carabinieri di Bolzano con il rinforzo dei carabinieri di Merano e di quelli della compagnia d'intervento operativo del 4° battaglione carabinieri «Veneto» di Mestre (Ve) hanno svolto ieri sera a Bolzano un servizio straordinario coordinato di controllo del territorio. Oltre ad un arresto e cinque sanzioni amministrative, i carabinieri hanno ispezionato dieci locali pubblici e identificato un centinaio di persone.

Presso la stazione ferroviaria è stato fermato e identificato un ventisettenne proveniente dalla Guinea Bissau. Era ricercato dal 12 ottobre scorso in esecuzione di un'ordinanza di applicazione di una misura cautelare coercitiva emessa dal tribunale di Roma per i reati di rapina e resistenza a pubblico ufficiale. Il guineense, peraltro recidivo e con precedenti anche per spaccio di droga, aveva bloccato una turista emiliana ventitreenne contro il parapetto e le aveva strappato il telefono cellulare. Quindi era scappato. Inseguito dai carabinieri il rapinatore è stato bloccato. Dopo aver opposto resistenza nei confronti dei carabinieri con calci e pugni, era stato sottoposto agli arresti domiciliari da dove, però, era evaso prima dell'udienza davanti al giudice. La fuga del rapinatore pertanto si è conclusa a Bolzano. L'uomo ora è in carcere.

Nel corso del servizio di ieri sera, militari hanno altresì riscontrato violazioni della legge provinciale in materia di prevenzione e riduzione dei contagi da coronavirus. I carabinieri hanno applicato tre sanzioni amministrative pecuniarie avendo riscontrato la presenza di un numero eccessivo di avventori in tre diversi esercizi commerciali siti in centro città. Uno in piazza delle erbe, uno in via Streiter e uno in via Leonardo da Vinci. Una sanzione di euro 400 cadauno. I carabinieri hanno anche dovuto passare molto del loro tempo ad esercitare opera di convincimento e persuasione verso molti cittadini che - hanno riscontrato - erano davvero molto poco preparati sulla materia delle condotte obbligatorie per prevenire il contagio da COVID-19.

Ad esempio molti gestori non hanno chiare le regole sul numero di avventori per metro quadrato e molti cittadini non conoscono le regole sull'uso della mascherina all'aperto sotto il metro di distanza da persone non conviventi. Infine, all'incrocio tra via Vintler e via Franziskaner alle 23.40 un diciottenne di Appiano è stato sorpreso a orinare in mezzo all'incrocio in presenza di altre persone. Considerato atto contrario alla pubblica decenza dal codice penale con una sanzione amministrativa pecuniaria prevista di 3.333 euro, è scattata la contestazione, così come parimenti è stato sanzionato per ubriachezza in pubblico (102€).