I ladri acrobati sono ritornati 

Nuova serie di furti in città. I topi d’appartamento sono tornati alla carica da qualche giorno visitando appartamenti in via Guncina, in via Fago, ma anche in via Parma e via Alessandria. In via Vigilio, i malviventi messi in fuga dal cane

Bolzano. A volte ritornano. E in questo caso si tratta di ritorni tutt’altro che piacevoli. Stiamo parlando dei topi d’appartamento che, negli ultimi giorni, dopo un periodo di (apparente) inattività, hanno ripreso a colpire città. Gli ultimi furti sono stati messi a segno in via Fago e in via Guncina, ma anche in via Parma e in via Alessandria, quasi setacciando i due quartieri cittadini, Gries-San Quirino da una parte e Don Bosco dall’altra. Uno degli ultimi colpi, domenica scorsa, in un appartamento al primo piano di una palazzina di via Guncina. Tutto è accaduto attorno alle 19.30, quando il proprietario dell’abitazione ha fatto rientro a casa, dopo aver trascorso qualche giorno fuori città. L’uomo, arrivato davanti alla porta di casa, ha sentito che nel suo alloggio c’era qualcuno. A quel punto, ha infilato la chiave nella toppa della serratura, ma non è riuscito a entrare in casa perché i ladri, previdenti, avevano sbarrato l’accesso, così da poter avere il tempo di darsi alla fuga. E così, è stato: capito che qualcuno stava cercando di entrare, i banditi sono usciti sul balcone - da cui erano entrati nell’alloggio, rompendo il vetro della porta - e sono spariti. Quando l’inquilino è riuscito a entrare, ha trovato l’appartamento completamente a soqquadro. Dal successivo inventario, sono risultati mancanti alcuni gioielli di notevole valore. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Squadra volanti della questura.

Alcuni residenti del quartiere Don Bosco, invece, sarebbero riusciti a intravvedere gli autori dei furti messi a segno, nei giorni scorsi, in diversi alloggi di condomini Ipes di via Parma e via Alessandria. Alle forze dell’ordine hanno riferito d’aver visto due uomini, con cappuccio calato sul capo, calarsi da un balcone al terzo piano di un edificio, dove avevano appena “visitato” un appartamento. Potrebbe trattarsi degli stessi “ladri acrobati” che, nei mesi scorsi, hanno messo a segno decine di colpi, un po’ ovunque, in città. Martedì sera, invece, in via Vigilio, i ladri hanno cercato di entrare in un’abitazione, ma il cane in veranda s’è messo ad abbaiare, facendoli fuggire. Anche in questo caso, le forze dell’ordine invitano tutti a tenere gli occhi aperti e a non esitare a chiamare il 112 per segnalare persone o movimenti sospetti. Una chiamata tempestiva può essere determinante per sventare nuovi furti e, nel migliore dei casi, anche assicurare i malviventi alla giustizia.

©RIPRODUZIONE RISERVATA.