il vertice

Renzi a Putin: "Soluzione altoatesina per l'Ucraina"

Al termine dell'incontro all'Expo, il premier italiano indica nuovamente il modello Alto Adige

Milano. Il premier Matteo Renzi è tornato oggi a suggerire il modello di autonomia applicato in Alto Adige come possibile soluzione della crisi ucraina al presidente russo Vladimir Putin. «Abbiamo offerto anche un modello italiano, quello dell'Alto Adige, per garantire autonomia e decentramento - ha dettoi il premier Renzi, parlando, in conferenza stampa con il presidente russo Vladimir Putin, della crisi ucraina e del protocollo di Minsk 2 «unico faro per uscire dalla crisi». L'incontro è avvenuto a Milano, in occasione della visita del presidente russo.

Renzi aveva già indicato il modello altoatesino nel marzo scorso, durante una visita di Stato a Mosca, per le regioni russofone dell'Ucraina, una soluzione modellata sull'autonomia speciale del Trentino - Alto Adige. Il premier italiano è convinto che il modo col quale l'Italia ha saputo gestire e tuttora gestisce la questione altoatesino-sudtirolese, è un modello positivo, ammirato e studiato nel mondo. "Non a caso - sottolina il vicepresidente dei senatori Pd Giorgio Tonini - è un modello che porta la firma di statisti come Alcide Degasperi prima e Aldo Moro poi. Ci è costato un pò di soldi, è vero, ma ci ha risparmiato una guerra civile: in altri paesi, anche europei, dove non si è saputo, voluto o potuto utilizzare le autonomie speciali, si è dovuto fare ricorso alle truppe speciali».