Sasa, la guerra dei decibel «Gli annunci? Ci svegliano» 

La protesta dei cittadini. «Sono dieci giorni che sono stati installati i nuovi annunci vocali sui bus della “linea 5” e sono giorni che non abbiamo più riposo, si sentono fino al 5° piano»

di Paolo Campostrini

Bolzano. Sasa senza pace. Adesso è per i decibel. "Sono dieci giorni che sono stati installati i nuovi annunci vocali sui bus e sono dieci giorni che non abbiamo più riposo" protesta un utente. Che ha scritto alla Sasa: "Ma senza risposta" aggiunge. Non è il solo. Una signora abita al quinto piano: "Ho la stanza da letto proprio sulla parte della strada. E succede che dalla 6 di mattina iniziano le grida: linea 5, fünf... E così pure la notte tardi". Altri si lamentano anche per le conseguenze sull'equilibrio del cane: "Inizia ad abbaiare e non la smette più". Insomma, un disastro. Colpa dei nuovi bus che sono sì silenziosi ma hanno una "voce" insopportabile. In alcuni stabili lungo le linee 10, 5 e anche 1, sono stati coinvolti gli amministratori di condominio. E Bolzano, una città che si lamenta anche se un bar si permette di fare musica alle 10 di sera, è scattata come una molla. "L'altoparlante lo sento dal mio salotto a tutte le ore" l'ultima protesta social ieri. Innanzitutto: è vero? Sembra di sì. Gli altoparlanti installati sui mezzi per avvisare gli utenti dell'arrivo e della partenza da una fermata hanno un tono molto alto. E, realmente, si sentono a molti metri dal bus. Altra domanda: perchè è accaduto? La risposta è di Artan Mullaymeri, del sindacato trasporti Uil: "Ci sono state segnalazioni, nelle scorse settimane, perchè alcuni passeggeri volevano essere rassicurati sull'arrivo della loro fermata. Anzi, noi stessi ci siamo attivati per chiedere all'azienda maggior visuale interna per l'autista: deve essere messo in grado di vedere gli utenti pronti a scendere e le loro esigenze". E gli altoparlanti che urlano? "In effetti, proprio dopo alcune osservazioni da parte di passeggeri, l'azienda ha provveduto ad aumentare il volume dei segnalatori vocali...". Ecco il problema. In effetti, quando il bus si ferma, le porte si aprono diffondendo meglio le onde sonore proprio quando l'altoparlante interno, in automatico, pronuncia il numero del bus e la fermata. E lo fa in italiano e in tedesco. Ma lo fa, soprattutto, ad ogni ora. La prima corsa? Intorno alle 5 di mattina. E l'ultima? "Ci sono due linee che si muovono anche all'una di notte" spiega il sindacalista. Basta che la fermata, come accade quasi sempre e in quasi tutte le vie, sia vicina alle case e, in particolare, alle finestre delle case che ogni bolzanino, magari ancora nelle braccia del sonno "rem" , svegliato dalla voce, bilingue e stentorea, che annuncia ad alto volume l'arrivo del beneamato bus. "Non ne possiamo più" ha scritto un intero condominio. "Non bastano i miei tripli vetri alle finestre" e questa volta sui social e dunque pubblicamente, un abitante di una zona di Bolzano. É guerra dei decibel dunque tra cittadini e Sasa. Ed ora, che succede? "Che lo abbiamo segnalato e che qualcosa accadrà" promette Artan Mullaymeri. Infatti, ed è notizia di pochi giorni fa, una squadra di tecnici è giunta a Bolzano, nella sede logistica dell'azienda pubblica dei trasporti urbani, per "mettere a punto" gli altoparlanti. Si tratta di una regolazione che sarà probabilmente estesa a tutti i mezzi. Anche se, e questo è l'elemento di novità, questa particolare tipologia di altoparlanti automatici è presente su tutti i nuovi autobus acquistati da Sasa. I più moderni, in sintesi, parlano tutti a voce alta. Troppo alta. Cambierà? Il sindacato conta di sì. Anche perchè le proteste di moltiplicano. Dunque Sasa proverà ad abbassare il volume. Ma c'è dell'altro. Perchè gli stessi nuovi mezzi, hanno anche un altro apparecchio di ultima generazione: il blocco automatico del bus di fronte ad un ostacolo improvviso. Tutto bene? "No, in realtà- dice ancora Artan Mullaymeri - perchè la frenata è così improvvisa da rischiare di far cadere i passeggeri che non si trovano seduti". Anche in questo caso la squadra dei tecnici appena giunta, sta provvedendo ad ammorbidire la frenata.