Bressanone e Ratisbona, il film di un gemellaggio

Bressanone. Serata da tutto esaurito per la prima del film “Ratisbona e Bressanone – Volti di due città gemellate”, documentario 45 minuti proiettato sabato sera all’ex cinema Astra per raccontare i...

Bressanone. Serata da tutto esaurito per la prima del film “Ratisbona e Bressanone – Volti di due città gemellate”, documentario 45 minuti proiettato sabato sera all’ex cinema Astra per raccontare i 50 anni del gemellaggio fra Bressanone e Ratisbona attraverso immagini uniche e particolari. A fare gli onori di casa è stato il sindaco Peter Brunner, il quale ha presentato e introdotto gli ospiti d’onore, l’ex sindaco brissinese Zeno Giacomuzzi e l’ex referente alla cultura Klemens Unger, che, il 18 ottobre 1969 sigillarono nella sala imperiale del Palazzo del comune bavarese il patto d’amicizia.

Attraverso le immagini della produzione cinematografica, realizzata da Willi Rainer su incarico del Rai Sender Bozen e con la collaborazione della città di Bressanone, della città di Ratisbona ed il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio, gli spettatori sono stati immersi nella storia delle due città, tra vicoli incantevoli, piazze imponenti e panorami mozzafiato. Ma è l’incontro con i volti e i personaggi delle due città gemellate a dare anima a questo film, aprendo uno squarcio sulla vita quotidiana delle due realtà. La proiezione è stata dunque un’occasione per approfondire la reciproca conoscenza delle due città e dei loro abitanti. Al tempo stesso la produzione, la cui idea e i testi sono firmati da Johanna Bampi e Benjamin Zwack, ha coronato la serie di iniziative organizzate per celebrare i 50 anni di gemellaggio tra Bressanone e Ratisbona. La prima del film, infatti, è stata un’occasione di incontro con gli amici di Ratisbona presenti alla serata. Per questo motivo la produzione cinematografica è stata proiettata solo in lingua tedesca (ma ne seguirà presto una in lingua italiana attualmente in fase di preparazione). Per il mezzo secolo di questo gemellaggio, le due città hanno promosso altre iniziative che si sono svolte sia a Bressanone che a Ratisbona. Clou dell’anno giubilare sono stati i festeggiamenti svoltisi lo scorso ottobre con 30 membri della delegazione brissinese, oltre al vescovo Ivo Muser, alla banda musicale Pfeffersberg e a una rappresentanza degli ospiti della Seeburg che hanno partecipato al ricevimento a Ratisbona. F.D.V.