pandemia

Covid, la situazione migliora ma l’Alto Adige resta indietro sui vaccini: quasi 1 su 4 non ha completato il ciclo

Nuovi casi giù di quasi il 30% nell’ultima settimana. Solo il 16% di vaccinati tra i bambini 5-11 anni contro il 31% a livello nazionale

BOLZANO. In Alto Adige e Trentino prosegue il miglioramento della situazione epidemiologica, anche se, in particolare in provincia di Bolzano, resta di molto sotto la media nazionale la percentuale di popolazione vaccinata contro il Covid. Lo rileva la Fondazione Gimbe nel suo monitoraggio settimanale, che elabora i dati relativi alla settimana dal 23 febbraio al primo marzo.

La popolazione che ha completato il ciclo vaccinale è pari 76,4% in Alto Adige e all'82,3% in Trentino (media Italia 83,4%) a cui aggiungere un ulteriore 2,8% in provincia di Bolzano e 3,2% in quella di Trento (media Italia 2,1%) solo con prima dose. Il tasso di copertura vaccinale con terza dose è del 81,7% in Alto Adige e dell'82,4% in Trentino (media Italia 83,9%). La popolazione tra i 5 e gli 11 anni che ha completato il ciclo vaccinale è dell'16,1% in Alto Adige e del 28,7% in Trentino (media Italia 31%). Solo con prima dose: provincia di Bolzano 3,8% e provincia di Trento 4,4% (media Italia 5,9%).

I casi attualmente positivi per 100.000 abitanti sono 947 in Alto Adige e 608 in Trentino. In entrambe le province si registra una diminuzione rispetto alla settimana precedente dei nuovi casi per 100.000 abitanti che sono 626 in Alto Adige (meno 29,8% rispetto alla settimana precedente) e 372 (meno 23.2% in Trentino.

Sono sotto soglia di saturazione i posti letto occupati da pazienti Covid-19 in area medica ed in terapia intensiva in entrambe le Province: nel primo caso 14,4% in quella di Bolzano e 8,7% in quella di Trento, nelle terapie intensive 1% in Alto Adige e 4,4% in Trentino.