MONTAGNA

Estate alle porte ma ancora canaloni innevati in Alto Adige: le guide alpine sciatori invitano alla cautela

Dal presidente Walde una serie di consigli pratici per una maggiore sicurezza

BOLZANO. L’estate in montagna è già iniziata, ma in alcuni luoghi prevalgono ancora le condizioni invernali. “Bisogna tener conto di queste situazioni spesso difficili quando si pianificano le escursioni”, spiega il presidente del Collegio provinciale delle guide alpine sciatori dell’Alto Adige, Kurt Walde, che dà anche una serie di consigli pratici per una maggiore sicurezza.

Per alpinisti esperti le condizioni attualmente offerte dalle montagne dell’Alto Adige sono un paradiso. “Sulle pareti rocciose esposte a sud si può già arrampicarsi, mentre nei pendii esposti a nord e nei canaloni ombrosi si incontra ancora tanta neve”, spiega il presidente delle guide alpine. “Si possono persino trovare le condizioni giuste per lo sci alpinismo.” Tuttavia, essere in grado di valutare correttamente le difficili condizioni in alta e media montagna richiede esperienza e “una pianificazione prudente della propria avventura, l’attrezzatura giusta e la padronanza delle tecniche alpine”, sottolinea Walde.

Il presidente delle guide alpine richiama anche l’attenzione sull'importanza del fattore tempo, perché le condizioni cambiano con l’ora del giorno. “Se devi salire attraverso i fianchi di neve più ripidi al mattino presto, hai spesso bisogno di una piccozza e dei ramponi”, dice Walde. “Ma se hai pianificato il tour in modo che questi fianchi non vengano scalati fino a quando la neve non sia stata ammorbidita dal sole e dalle temperature più alte, hai già fatto molto bene.”

Per minimizzare ulteriormente il rischio di attraversare campi di neve e burroni sono importanti le scarpe giuste e una tecnica di arrampicata adattata. Inoltre, esistono semplici trucchi. “L'esperienza ci ha dimostrato che la maggior parte ha più problemi a scendere un campo di neve ripido che a salirlo”, dice Walde. “Ecco perché si consiglia di iniziare a percorrere un campo di neve il più in basso possibile, in modo da poi poter sempre risalirlo.”

Spesso però, i semplici trucchi non sono sufficienti. “Ci sono situazioni in cui la corda e i mezzi di ancoraggio sono inevitabili, come quando si vuole calarsi in un burrone o tendere una ringhiera di corda”, spiega il presidente del Collegio. Questo al momento è difficile perché i punti di calata che sono stati allestiti sono spesso ancora coperti dalla neve. In generale, la discesa deve essere pianificata bene, perché invece di un terreno facile da camminare, spesso si trovano ancora ripidi canaloni innevati. “Avere a disposizione abbastanza tempo è quindi importante, perché manovre complicate di assicurazione possono spesso richiedere anche un’ora”, spiega Walde.

Non assicurarsi non è un’opzione, ha detto. Il pericolo di inciampare o scivolare sui campi di neve esposti o nei canaloni di neve è troppo grande, ha detto. “Un tale scivolo si trasforma rapidamente in una caduta libera, che è molto difficile da fermare”, dice il presidente delle guide alpine. La tecnica necessaria con piccozza e ramponi (ma anche senza) fa parte della formazione in alta quota che le guide alpine offrono regolarmente.

Fa parte della formazione anche la corretta valutazione del pericolo di valanghe. “Poiché l’orologio interno è già passato all’estate, alle valanghe purtroppo non ci pensano più in molti”, dice Walde. Tuttavia, man mano che il giorno si scalda, il pericolo di piccoli scivolamenti di neve e anche di valanghe più grandi aumenta. “La valutazione della neve e del rischio valanghe non dovrebbe quindi essere trascurata, anche se siamo tutti mentalmente già in estate”, dice Walde.