grandi carnivori

Il ministro Lollobrigida a Bolzano: "Lupi e orsi? Oggi non sono più a rischio estinzione"

Il titolare dell'agricoltura: «Non devono danneggiare allevatori e agricoltori. Il tema dei grandi carnivori va affrontato senza ideologia» (foto DLife)



BOLZANO. La questione dei grandi carnivori è "uno degli argomenti importanti che dobbiamo trattare". Lo ha affermato il ministro all'agricoltura e sovranità alimentare Francesco Lollobrigida, intervenuto oggi (5 novembre) a Bolzano a margine dell'incontro con il presidente della Provincia Arno Kompatscher e il segretario politico della Svp Philipp Achammer dopo essere stato alla fiera Biolife.

In Alto Adige, così come in Trentino, è molto forte la preoccupazione di agricoltori e allevatori.

"Noi dobbiamo proteggere le specie in estinzione, ma non incrementare le specie che possono essere dannose per allevatori e produzione nazionali. È evidente che se 30 anni fa alcune specie erano in estinzione, oggi sono sovrabbondanti, quindi bisogna affrontare il problema con pragmatismo e senza ideologia, che hanno reso impossibile attività virtuose come allevamento e agricoltura", ha specificato Lollobrigida, in risposta alle sollecitazione dei giovani agricoltori altoatesini. 

"Vogliamo rimettere al centro le grandi produzioni di qualità a livello nazionale e i produttori, ascoltando le esigenze che vengono dai territorio", ha detto ancora Lollobrigida che è poi  intervenuto anche sul caro bollette e sulle carenze di materie prime, ricordando gli "interventi strutturali e di natura economica che permetteranno di utilizzare anche le risorse strategiche presenti sul nostro territorio" annunciati dal governo. "Sull'approvvigionamento delle materie prime - ha quindi aggiunto - bisognerà intervenire assieme all'Europa, cercando di spiegare che in questi momenti bisogna essere razionali e che nel tempo non si è riflettuto molto sulle criticità indotte da un sistema troppo dipendente dall'estero".

Sulla richiesta dei produttori bio di riservare il 25% ai prodotti biologici in tavola, il ministro ha detto: "Sarà parte di confronto, e alcune questioni saranno affrontate anche in relazione alla contingenza particolare dei cittadini, in particolare di natura economica".

















Altre notizie

la tragedia

Il guidatore badiota del pick-up indagato per omicidio stradale 

La dinamica. L’uomo, un 55 enne di San Martino dipendente di una società di impianti di risalita, non ha frenato in tempo. L’impatto è avvenuto a ridosso delle strisce pedonali: la pioggia e il buio tra le probabili cause dell’investimento


Massimiliano Bona






Attualità