ECONOMIA

Istat, a Bolzano inflazione al top: +0,8%

Trento al secondo posto. Giù a Milano, -1,6%

ROMA. A settembre l'inflazione più elevata si registra a Bolzano (+0,8%), Trento (+0,6%), Perugia (+0,4%) e poi Napoli (+0,2%), mentre si registrano le flessioni più ampie a Verona (-1,5%) e a Milano (-1,6%), rispetto al -0,6% segnato dall'indice generale su base annua.

È quanto emerge dai dati definitivi diffusi dall'Istat sui prezzi al consumo, guardando l'andamento nei capoluoghi delle regioni e delle province autonome e nei comuni non capoluoghi di regione con più di 150mila abitanti.

A parte le quattro città con segno più e Ancona 'piatta', tutte le altre viaggiano in territorio negativo, da Bari e Catanzaro (-0,1%), Cagliari, Palermo e Reggio Calabria (-0,2%) fino a Catania e Torino che segnano -0,6%, Bologna -0,9%, Roma -1,1%, Genova -1,2%, Firenze -1,3%, Venezia -1,4%. E poi, in coda, Verona e Milano. Nel Centro e nel Nord-Ovest l'inflazione passa rispettivamente da -0,6% a -0,8% e da -0,7% a -0,9%. Nelle altre ripartizioni territoriali si assiste invece o a un ritorno a una situazione di stabilità dei prezzi al consumo, come al Sud dove da -0,1% di agosto l'indice Nic registra a settembre una variazione tendenziale nulla, o a una riduzione dell'ampiezza della flessione come nelle Isole (da -0,5% a -0,3%) e nel Nord-Est (da -0,8% a -0,6%). 

Analisi delle variazioni per divisioni a Bolzano

Incrementi congiunturali (cioè rispetto al mese scorso) si registrano a settembre soprattutto nelle divisioni Istruzione (+2,4%), Abbigliamento e calzature (+1,5%) nonché Prodotti alimentari e bevande analcoliche, e Bevande alcoliche e tabacchi (entrambe +0,3%). In ribasso rispetto allo scorso agosto appaiono le divisioni Trasporti (-2,9%), Servizi ricettivi e di ristorazione (-2,3%), Ricreazione, spettacolo e cultura (-1,6%) e Comunicazioni (-0,2%). Invariate a settembre appaiono le divisioni Abitazione, acqua, energia e combustibili e Servizi sanitari e spese per la salute.

Il maggiore incremento tendenziale (cioè rispetto allo stesso mese dell'anno precedente) si registra a settembre nell'Istruzione (+3,0%), seguita dalle divisioni Servizi ricettivi e di ristorazione (+2,9%), Prodotti alimentari e bevande analcoliche (+2,5%), Bevande alcoliche e tabacchi (+2,4%) e Beni e servizi vari (+2,3%). In ribasso rispetto a settembre 2019 appaiono le divisioni Comunicazioni (-6,7%), Abitazione, acqua, energia e combustibili (-3,9%) e Trasporti (-2,8%).