La novità

Il Comune di Laives rivoluziona la sosta: spariranno i parcheggi in strada 

In via Kennedy, e non solo, i lavori di riqualificazione urbana cancelleranno quasi tutti i posti auto pubblici in superficie. L’appello del Comune: «I cittadini approfittino dei benefici per la realizzazione degli interrati». Ecco le zone interessate



LAIVES. Ricoverare le automobili in garage interrati diventerà quasi un imperativo nel momento in cui inizieranno i lavori per la riqualificazione di via Kennedy, ma non solo. Giovanni Seppi, vicesindaco di Laives con competenza sull’urbanistica, da tempo consiglia i residenti di varie zone del territorio, dove si sta per intervenire urbanisticamente, affinché prendano in considerazione l’aggregazione in cooperative per costruirsi, appunto, i garage interrati.

«Sarebbe il momento opportuno – ribadisce Seppi – sia per le particolari agevolazioni fiscali ed economiche e perché, quando si inizierà a costruire, spariranno parecchi stalli in superficie e lungo i marciapiedi, a tutto vantaggio anche della vivibilità complessiva».

Quali siano i vantaggi, sempre il vicesindaco ha avuto modo a più riprese di spiegarli: possibilità di scalare – nell’arco di 10 anni – il 50 per cento dei costi di costruzione nella dichiarazione dei redditi; Iva ridotta e sicuramente un apprezzamento anche degli alloggi che, ovviamente, se abbinati ad un garage acquistano di valore. Seppi entra nello specifico delle varie situazione, partendo dalla zona “Rotwand”, dove è prevista la costruzione di una trentina di alloggi in cooperativa con sotto garage anche per coloro che abitino nel raggio di 500 metri.

«Oggi - spiega – diversi residenti di Pineta monte parcheggiano lungo il bordo della strada che sale verso la Costa-Seit. Quando inizierà la trasformazione della zona Rotwand, questa possibilità avrà termine per sempre e perciò chi abita in zona dovrebbe fare un pensierino ad aggregarsi alla cooperativa per realizzare garage interrati insieme a quelli già previsti per le cooperative sovrastanti».



Si scende a Pineta vecchia e anche qui ci sarebbe un’altra ipotesi: «Il piazzale al centro dell’abitato, sotto il quale si potrebbe comodamente realizzare più di un piano di garage interrati per chi abita attorno e così recuperare il piazzale per altri scopi. Intervenire sotto i terreni comunali è possibile mediante convenzioni che assegnano gli spazi per 99 anni a costi che non superano i 100 euro al metro quadrato e anche in questi casi, le cooperative godono delle agevolazioni indicate.

Spostandoci a Laives, altra possibilità di garage interrati ci sarebbe accanto alla via Kenendy, di fronte all’albergo “Casagrande” e quindi pure all’inizio di via Damiano Chiesa, sotto il parcheggio attuale. Proseguendo verso sud, sempre accanto a via Kennedey, altri garage interrati si potrebbero realizzare in cooperativa accanto alla materna “La Giostra”. Lo stesso in via Marconi, sotto il parcheggio e in via Fuchser, sotto il campetto da gioco».

















Altre notizie







Attualità