il fatto

Spaccano lo speed-check a Laives: sette ragazzi denunciati

Fermati dai carabinieri dopo la telefonata di un cittadino: rischiano fino a tre anni di reclusione

LAIVES. I carabinieri di Egna e della Stazione di Laives hanno denunciato in stato di libertà sette giovani ipotizzando a loro carico il reato di danneggiamento aggravato in concorso.

L’altra notte, a Laives, lungo via Kennedy, un gruppetto di giovani ha divelto un “speed-check box”, una sorta di autovelox che serve a rilevare la velocità dei veicoli in transito, e lo ha gettato in un limitrofo giardino.

I ragazzi sono stati visti da un passante che ha telefonato al numero unico di pronto intervento 112.

L’operatore della centrale di Egna ha immediatamente mandato sul posto un’autopattuglia che era già nei paraggi. I sette son stati quindi trovati in un limitrofo parco pubblico, in via Galizia.

Avevano – spiegano i carabinieri in una nota – ancora con loro un pezzo di autovelox.

Identificati compiutamente, si tratta di ventenni di Laives, alcuni dei quali già noti ai carabinieri. A norma di codice, ora rischiano fino a tre anni di reclusione.